Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Gestisci le tue vampate di calore al lavoro

Gestisci le tue vampate di calore al lavoro

0
4

Molte donne di età compresa tra i 40 ei 55 anni sono in un periodo di perimenopausa e se fai parte di questo gruppo, è possibile che tu possa sperimentare vampate di calore.

Durante la perimenopausa, il livello di estrogeni di una donna aumenta e diminuisce drasticamente e queste fluttuazioni possono causare una serie di sintomi. Uno dei più comuni è la vampata di calore. Secondo la Mayo Clinic, una vampata di calore è un’improvvisa sensazione di calore intenso, che a volte causa arrossamento della pelle e sudorazione.

Il periodo di perimenopausa può durare fino a 10 anni e per molte donne, gran parte di questo tempo può essere trascorso sul posto di lavoro. Per ridurre la gravità e la frequenza delle vampate di calore durante il lavoro, può essere utile conoscere alcuni trucchi.

Vestiti adeguatamente

Una delle prime linee di difesa contro le vampate di calore sul lavoro è l’abbigliamento adeguato. Evita lana, seta e la maggior parte dei tessuti sintetici. Questi materiali intrappolano il calore e possono aumentare la temperatura corporea. Gli abiti in cotone, lino o rayon “respirano” meglio, rilasciano calore e aiutano a mantenerti più fresco.

Inoltre, di solito è meglio evitare i dolcevita. Invece, prova a vestirti a strati. In questo modo, quando la temperatura corporea inizia a salire, puoi rimuovere gli strati per rinfrescarti. Poiché i brividi spesso seguono una vampata di calore, puoi facilmente rimettere gli strati per riscaldarti di nuovo.

Abbassa la temperatura

Il modo più semplice per abbassare la temperatura ambiente è abbassare il termostato. Tuttavia, questo non è sempre possibile. Se lavori a una scrivania, potresti prendere in considerazione l’idea di portare un piccolo ventilatore. Un ventilatore non solo aiuta a rinfrescarti, ma fa anche circolare l’aria nella stanza.

Se sei abbastanza fortunato da lavorare vicino a una finestra, apri una fessura per far entrare un po ‘di aria fresca.

Considera la tua dieta

Ciò che mangi e bevi può avere un ruolo importante nella tua temperatura corporea. I cibi caldi e piccanti aumentano la temperatura corporea e possono esacerbare le vampate di calore. Cerca di evitare pasti piccanti e lascia che i cibi caldi si raffreddino considerevolmente prima di mangiarli.

Inoltre, quando sei al lavoro e non hai il pieno controllo della temperatura ambiente, ti aiuterà a mangiare cibi freddi. Scegli insalate, panini o pasta fredda. Queste opzioni ti riempiranno comunque senza aumentare la temperatura corporea.

È anche saggio scegliere attentamente le bevande. Anche se potresti essere tentato di iniziare la tua giornata lavorativa con una tazza di caffè caldo, prova invece un caffè freddo o sorseggia acqua ghiacciata.

Puoi effettivamente utilizzare le bevande fredde a tuo vantaggio in due modi. Sorseggiare una bevanda fredda durante il giorno può aiutarti a rinfrescarti e puoi anche posizionare la tazza o il bicchiere freddo sulla fronte o sul collo.

Sii puntuale

Concediti tempo sufficiente per andare al lavoro e alle riunioni. Lo stress di correre in giro può aumentare la temperatura corporea e innescare una vampata di calore. Quando hai tempo a disposizione, riesci a stare meglio a tuo agio, il che può aiutare a ridurre la frequenza delle vampate di calore.

Il cibo da asporto

Le vampate di calore sono un sintomo della perimenopausa per molte donne. Il modo migliore per affrontarli al lavoro è pianificare in anticipo per il tuo comfort e adottare misure preventive per ridurre la gravità delle vampate di calore.

Seguire una dieta e una routine salutare in grado di ridurre la forza e la frequenza delle vampate di calore sono ottime misure preventive, ma è anche importante avere strategie speciali. Avere oggetti a portata di mano e praticare routine che ti aiutano a rinfrescarti ridurrà notevolmente lo stress o il disagio associati alle vampate di calore sul lavoro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here