spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoGaza divide il mondo lungo le linee di faglia tracciate dalla guerra...

    Gaza divide il mondo lungo le linee di faglia tracciate dalla guerra in Ucraina

    -

    La Russia è a corto di munizioni, ma la guerra di Israele a Gaza minaccia di offuscare la diplomazia americana.

    Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden viene accolto dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu all'arrivo all'aeroporto internazionale Ben Gurion, il 18 ottobre 2023, a Tel Aviv
    Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden viene accolto dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu all’arrivo all’aeroporto internazionale Ben Gurion, il 18 ottobre 2023, a Tel Aviv [Evan Vucci/AP Photo]

    La guerra di Israele contro Hamas ha approfondito le linee di faglia internazionali stabilite durante la guerra della Russia in Ucraina, poiché entrambe le parti cercano di radicare un modello sempre più polarizzato di alleanze globali durante l’87a settimana della guerra in Ucraina.

    Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha criticato con lo stesso pennello il leader russo Vladimir Putin e Hamas, che gli Stati Uniti e l’Unione europea considerano un gruppo terroristico, dopo aver visitato Israele il 18 ottobre.

    “Hamas e Putin rappresentano minacce diverse, ma hanno questo in comune: entrambi vogliono annientare completamente una democrazia vicina”, ha detto Biden in un discorso in prima serata nello Studio Ovale guardato da 20 milioni di persone.

    Anche gli alleati europei di Washington, che hanno sostenuto l’Ucraina, hanno fatto visita a Israele in una dimostrazione di solidarietà che allo stesso tempo ha consolidato la loro fedeltà geopolitica.

    La scorsa settimana Biden si è inoltre unito alle cause ucraina e israeliana al Congresso, chiedendo 105 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti in un unico disegno di legge, definendolo “un investimento intelligente che pagherà dividendi per la sicurezza americana per generazioni”.

    “La chiamavano ‘lotta per la libertà e la democrazia'”, ha ribattuto la portavoce del Ministero degli Affari Esteri russo Maria Zakharova in un messaggio sulla piattaforma Telegram. “Ora si scopre che sono solo calcoli.”

    Anche Cina e Russia hanno cercato di serrare i ranghi, affermando che si concentreranno su uno “stretto coordinamento degli sforzi” per risolvere la crisi in Medio Oriente. Il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha incontrato a Doha Zhai Jun, inviato speciale della Cina per il Medio Oriente, lo stesso giorno del discorso di Biden, il 20 ottobre.

    La Russia ha anche rafforzato le relazioni con l’Iran. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha fatto visita al presidente iraniano Ebrahim Raisi a Teheran il 24 ottobre per “costruire ulteriormente” la loro “multiforme” partnership, ha affermato martedì in una dichiarazione il ministero degli Esteri russo.

    Oltre a sostenere Hezbollah in Libano, nemico giurato di Israele, l’Iran è anche un fornitore di droni Shahed kamikaze alla Russia nella sua guerra in Ucraina. La Russia ora produce i propri droni Shahed e, secondo fonti di notizie russe, potrebbe aver iniziato il 23 ottobre a schierare un nuovo tipo di drone iraniano, l’Italmas, che si dice abbia una portata più lunga ed è più difficile da rilevare.

    Hardware militare avanzato: dare all’Ucraina un vantaggio

    Diplomazia, tecnologia militare e denaro sono intimamente connessi. L’Ucraina ha fatto molto affidamento sugli aiuti occidentali. Secondo il Council on Foreign Relations, un think tank, gli Stati Uniti hanno speso quasi 77 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina contro l’invasione russa tra il 24 febbraio dello scorso anno e il 31 luglio di quest’anno, e Biden vuole che il Congresso accetti altri 60 miliardi di dollari. Dall’inizio della guerra l’UE ha speso 82 miliardi di euro (86,7 miliardi di dollari).

    Alcuni di questi sono arrivati ​​sotto forma di hardware militare avanzato, che ha dato all’Ucraina un vantaggio.

    Questo mese, l’Ucraina ha iniziato a utilizzare i sistemi missilistici tattici dell’esercito (ATACMS) dell’arsenale statunitense. Putin l’ha liquidata come un’arma che “prolunga solo l’agonia”, ma l’Ucraina l’ha usata per danneggiare almeno cinque elicotteri russi nell’aeroporto della città di Luhansk e causare ulteriori danni in un aeroporto nella zona occupata di Berdyansk.

    Anche Putin si trova in crescenti difficoltà finanziarie. Lunedì, l’intelligence militare britannica ha dichiarato di aver aumentato la spesa per la difesa del prossimo anno del 68%, portandola a 82 miliardi di dollari o al 6% del prodotto interno lordo (PIL), forse per coprire l’aumento dei costi medici e pensionistici per i soldati.

    La settimana scorsa, il capo dell’intelligence militare estone ha stimato in quattro milioni di proiettili l’artiglieria russa, che le consentirebbe di continuare una guerra a “bassa intensità” per un altro anno. L’attuale cadenza di fuoco della Russia, compresa tra 10.000 e 15.000 proiettili al giorno, contrasta con una media di 45.000-80.000 proiettili al giorno l’anno scorso, ha affermato il capo dell’intelligence Ants Kiviselg.

    Finora, l’uomo strano nell’alleanza occidentale è stata l’Ungheria, il cui primo ministro, Viktor Orban, ha visitato la Cina questo mese per celebrare la Belt and Road Initiative (BRI), durante la quale ha incontrato Putin per riaffermare il legame tra Russia e Ungheria. Al suo ritorno, Orban ha paragonato l’adesione all’UE all’occupazione sovietica.

    Il modello di democrazia liberale di Bruxelles non si adatta all’Ungheria, ha detto. “Per fortuna Bruxelles non è Mosca. Mosca è stata una tragedia. Bruxelles è solo una brutta parodia contemporanea”, ha detto Orban agli ospiti nella città di Veszprem.

    L’Ungheria è stata anche il membro più riluttante dell’UE a rinunciare alle importazioni di petrolio russo lo scorso dicembre.

    “Gli Stati Uniti sono preoccupati per le relazioni dell’Ungheria con la Russia”, ha dichiarato l’ambasciatore americano in Ungheria David Pressman in una dichiarazione il 20 ottobre.

    La guerra di terra

    La guerra della Russia in Ucraina si è intensificata nella sua 87a settimana, con le forze russe che persistono nell’assalto alla città orientale di Avdiivka e le forze ucraine che hanno messo a segno alcune avanzate furtive lungo il fronte. Stavano lottando per stabilire il pieno controllo del villaggio due giorni dopo, secondo il servizio russo della BBC.

    Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha dichiarato il 20 ottobre che le sue truppe avevano distrutto quasi 50 carri armati russi e circa 100 veicoli corazzati da combattimento mentre respingevano gli attacchi vicino ad Avdiivka, sul fronte orientale. Alcuni soldati ucraini hanno riferito che 200 veicoli russi sono stati distrutti, perdite che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy alla fine della scorsa settimana ha descritto come “davvero sconcertanti”.

    Le forze russe hanno formato delle tenaglie a nord e a sud della città e nell’ultimo mese hanno lanciato una feroce offensiva per invaderla.

    Il portavoce delle forze meridionali dell’Ucraina, Oleksandr Shtupun, ha detto che la Russia avrebbe dovuto rifornire il fronte di Avdiivka con nuovi soldati direttamente dalla Russia, e il 24 ottobre, l’agenzia di stampa Reuters ha riferito che le perdite avevano costretto Mosca a passare agli attacchi aerei.

    Secondo Gudmundsson, un rilevatore di perdite russe basato su fonti aperte, il giorno peggiore della guerra in Russia in termini di perdite è stato il 20 ottobre, con 1.380 vittime segnalate, rispetto a una media giornaliera del 2023 di poco inferiore a 500.

    I filmati geolocalizzati del 21 ottobre sembravano mostrare che le forze russe avevano ottenuto guadagni marginali a nord-ovest della città in un’area di discarica ed erano avanzate di nuovo lì due giorni dopo, ma l’esercito ucraino ha detto che altre 20 linee di attacco erano fallite.

    Circa 45 km a nord, il 23 ottobre, le forze ucraine stavano facendo lenti progressi in un movimento a tenaglia intorno a Bakhmut occupata, attraversando una linea ferroviaria chiave vicino a Klishchiivka.

    L’Ucraina è riuscita a stabilire una nuova testa di ponte sulla riva sinistra del fiume Dnipro a Kherson durante questa settimana, l’87a guerra della Russia, intensificando una nuova battaglia su quello che è già un fronte di 1.500 km (932 miglia).

    Gruppi ucraini di sabotaggio e ricognizione hanno preso piede nel villaggio di Krynky, a 2 km dalla costa del Dnipro, il 19 ottobre, ha detto un reporter militare russo, confermato da filmati geolocalizzati.

    Il ministero della Difesa russo ha affermato di aver frustrato diversi tentativi da parte di gruppi di ricognizione di attraversare il Dnipro, senza specificare dove.

    Altre unità ucraine hanno già stabilito punti d’appoggio su parti della costa e vicino al ponte Antonivsky, ha affermato l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington, DC.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts