Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Farmaci per l’emicrania

Farmaci per l’emicrania

0
3

Panoramica

Le emicranie sono mal di testa gravi e debilitanti che di solito sono caratterizzati da un intenso pulsare o pulsare in una zona della testa.

Possono includere sensibilità alla luce, al suono e all’olfatto, creare disturbi visivi come l’aura e possono persino causare nausea o vomito. Le emicranie sono più di un mal di testa e possono influenzare la tua vita di tutti i giorni.

Le emicranie sono comunemente trattate con i farmaci. Esistono due categorie di farmaci usati per trattare l’emicrania:

  • trattamento acuto, per il dolore e altri sintomi durante un’emicrania
  • trattamento preventivo, per ridurre la frequenza e la gravità delle emicranie

Farmaci per il trattamento acuto

Questi farmaci vengono assunti all’inizio dei sintomi o delle aure dell’emicrania per alleviare il mal di testa o ridurne la gravità.

L’assunzione di uno qualsiasi di questi farmaci troppo spesso può portare a un mal di testa di rimbalzo, mal di testa che derivano dall’uso eccessivo di farmaci, che quindi richiedono farmaci aggiuntivi.

Se hai bisogno di usare farmaci per l’emicrania acuta più di 9 volte al mese, parla con il tuo medico dei possibili trattamenti preventivi.

Antidolorifici

Alcuni antidolorifici da banco (OTC) sono comunemente usati per l’emicrania, ma molti sono disponibili solo in forza di prescrizione.

A parte il paracetamolo, un analgesico che allevia solo il dolore, questi farmaci sono farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), che alleviano il dolore e riducono l’infiammazione:

  • paracetamolo (Excedrin, Tylenol)

  • aspirina
  • diclofenac (Cataflam)
  • ibuprofene (Advil, Motrin)

  • ketorolac (Toradol)
  • naprossene (Aleve)

Molti farmaci da banco commercializzati specificamente per l’emicrania o il mal di testa in generale combinano uno o più dei farmaci sopra indicati con una piccola quantità di caffeina, che può farli funzionare più rapidamente ed efficacemente, soprattutto per l’emicrania lieve.

I possibili effetti collaterali dell’uso a lungo termine dei FANS includono:

  • attacco di cuore
  • ictus
  • danno ai reni
  • ulcera allo stomaco

Ergotamine

Le ergotamine erano la prima classe di farmaci utilizzati specificamente per l’emicrania. Causano la contrazione dei vasi sanguigni intorno al cervello e possono alleviare l’emicrania in pochi minuti.

Le ergotamine sono disponibili sotto forma di pillole, compresse che si dissolvono sotto la lingua, spray nasali, supposte e iniezioni. Generalmente vengono assunti al primo segno dei sintomi del mal di testa e alcuni hanno la possibilità di assumere dosi aggiuntive ogni 30 minuti se il mal di testa persiste.

Alcune ergotamine sono:

  • diidroergotamina (DHE-45, Migranal)
  • ergotamina (Ergomar)
  • ergotamina e caffeina (Cafatine, Cafergot, Cafetrate, Ercaf, Migergot, Wigraine)
  • metisergide (Sansert)
  • metilergonovina (Methergine)

Le ergotamine possono avere effetti collaterali pericolosi. Possono causare difetti alla nascita e problemi cardiaci e sono tossici a dosi elevate.

Se sei incinta, stai allattando o hai malattie cardiache, non dovresti assumere ergotamine. Le ergotamine possono anche interagire negativamente con altri farmaci, inclusi farmaci antifungini e antibiotici.

Triptani

I triptani sono una nuova classe di farmaci che aumenta i livelli di serotonina nel cervello, riducendo l’infiammazione e costringendo i vasi sanguigni, ponendo fine efficacemente all’emicrania.

I triptani sono disponibili sotto forma di pillole, spray nasali, iniezioni e compresse che si dissolvono sotto la lingua e agiscono rapidamente per fermare l’emicrania.

Alcuni triptani sono:

  • almotriptan (Axert)
  • eletriptan (Relpax)
  • frovatriptan (Frova)
  • naratriptan (Amerge)
  • rizatriptan (Maxalt, Maxalt-MLT)
  • sumatriptan (Imitrex)

  • sumatriptan e naprossene (Treximet)
  • zolmitriptan (Zomig)

I possibili effetti collaterali dei triptani includono:

  • formicolio o intorpidimento alle dita dei piedi
  • sonnolenza
  • vertigini
  • nausea
  • senso di oppressione o fastidio al petto o alla gola

Le persone con problemi cardiaci o che sono a rischio di ictus dovrebbero evitare i triptani.

I triptani possono anche causare la sindrome serotoninergica potenzialmente fatale se assunti con altri farmaci che aumentano la serotonina, come gli antidepressivi.

Farmaci antinausea

Questi farmaci riducono la nausea e il vomito che possono accompagnare emicranie gravi. Di solito vengono presi insieme a un antidolorifico, poiché non riducono il dolore.

Alcuni includono:

  • dimenidrinato (Gravol)
  • metoclopramide (Reglan)

  • proclorperazina (Compazine)
  • prometazina (Phenergan)

  • trimetobenzamide (Tigan)

Questi farmaci possono farti sentire sonnolento, meno vigile o stordito e avere altri possibili effetti collaterali.

Oppioidi

Se il dolore emicranico non risponde ad altri antidolorifici e non puoi assumere ergotamine o triptani, il medico può prescrivere oppioidi, antidolorifici molto più potenti.

Molti farmaci per l’emicrania sono una combinazione di oppioidi e antidolorifici. Alcuni oppioidi sono:

  • codeina
  • meperidina (Demerol)
  • morfina
  • ossicodone (OxyContin)

Gli oppioidi comportano un serio rischio di dipendenza, quindi di solito vengono prescritti con parsimonia.

Farmaci per il trattamento preventivo

Se soffri di emicrania frequentemente, il tuo medico può prescriverti un farmaco preventivo per ridurre la frequenza e l’intensità delle tue emicranie.

Questi farmaci vengono assunti regolarmente, di solito quotidianamente, e possono essere prescritti da soli o in combinazione con altri farmaci.

Potrebbero essere necessarie diverse settimane o mesi prima che diventino efficaci. Questi farmaci sono comunemente usati per altre condizioni e sono efficaci anche per l’emicrania.

Antagonisti del CGRP

Gli antagonisti CGRP sono il gruppo più recente di farmaci approvati per la prevenzione dell’emicrania.

Lavorano sul peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP), una proteina che si trova nel cervello. Il CGRP è coinvolto nel dolore associato all’emicrania.

Questa classe di farmaci dovrebbe crescere nel prossimo anno. Quelli attuali includono:

  • erenumab (Aimovig)
  • fremanezumab (Ajovy)

Beta-bloccanti

Comunemente prescritti per l’ipertensione, i beta-bloccanti riducono gli effetti degli ormoni dello stress sul cuore e sui vasi sanguigni e possono aiutare a ridurre sia la frequenza che l’intensità delle emicranie.

Alcuni includono:

  • atenololo (Tenormin)

  • metoprololo (Toprol XL)

  • nadolol (Corgard)

  • propranololo (Inderal)

  • timololo (Blocadren)

Gli effetti collaterali dei beta-bloccanti possono includere:

  • fatica
  • nausea
  • vertigini quando si è in piedi
  • depressione
  • insonnia

Calcio antagonisti

I bloccanti dei canali del calcio sono farmaci per la pressione sanguigna che moderano la costrizione e la dilatazione dei vasi sanguigni, che svolge un ruolo nel dolore emicranico.

Alcuni bloccanti dei canali del calcio includono:

  • diltiazem (Cardizem, Cartia XT, Dilacor, Tiazac)

  • nimodipina (Nimotop)
  • verapamil (Calan, Covera, Isoptin, Verelan)

Gli effetti collaterali dei bloccanti dei canali del calcio possono includere:

  • bassa pressione sanguigna
  • aumento di peso
  • vertigini
  • stipsi

Antidepressivi

Gli antidepressivi influenzano i livelli di varie sostanze chimiche del cervello, inclusa la serotonina. Un aumento della serotonina può ridurre l’infiammazione e restringere i vasi sanguigni, aiutando ad alleviare l’emicrania.

Alcuni antidepressivi usati per trattare l’emicrania sono:

  • amitriptilina (Elavil, Endep)

  • fluoxetina (Prozac, Sarafem)

  • imipramina (Tofranil)

  • nortriptilina (Aventyl, Pamelor)

  • paroxetina (Paxil, Pexeva)

  • sertralina (Zoloft)

  • venlafaxina (Effexor)

Alcuni degli effetti collaterali degli antidepressivi includono aumento di peso e diminuzione della libido.

Anticonvulsivanti

Gli anticonvulsivanti prevengono le convulsioni causate dall’epilessia e da altre condizioni. Possono anche alleviare i sintomi dell’emicrania calmando i nervi iperattivi nel cervello.

Alcuni anticonvulsivanti includono:

  • divalproex-sodio (Depakote, Depakote ER)

  • gabapentin (Neurontin)

  • levetiracetam (Keppra)
  • pregabalin (Lyrica)

  • tiagabina (Gabitril)
  • topiramato (Topamax)

  • valproato (Depakene)
  • zonisamide (Zonegran)

Gli effetti collaterali degli anticonvulsivanti possono includere:

  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • aumento di peso
  • sonnolenza
  • vertigini
  • visione offuscata

Tossina botulinica di tipo A (Botox)

La FDA ha approvato le iniezioni di Botox (tossina botulinica di tipo A) nei muscoli della fronte o del collo per il trattamento dell’emicrania cronica.

In genere, vengono ripetuti ogni tre mesi e possono essere costosi.

prospettiva

Sono disponibili molti farmaci per trattare il dolore causato dall’emicrania. Sii cauto nell’uso eccessivo di farmaci per evitare mal di testa di rimbalzo.

Se il dolore è costante, parla con il tuo medico della possibilità di assumere farmaci preventivi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here