Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Farina d’avena e diabete: cosa fare e cosa non fare

Farina d’avena e diabete: cosa fare e cosa non fare

0
5

Panoramica

Il diabete è una condizione metabolica che influenza il modo in cui il corpo produce o utilizza l’insulina. Ciò rende difficile mantenere lo zucchero nel sangue in un intervallo sano, che è fondamentale per la salute delle persone con diabete.

Quando si gestisce la glicemia, è importante controllare la quantità di carboidrati consumati in una sola seduta, poiché i carboidrati influenzano direttamente la glicemia.

È anche importante scegliere carboidrati ricchi di nutrienti e ricchi di fibre rispetto a quelli raffinati e trasformati con zuccheri aggiunti. Gli obiettivi di assunzione di carboidrati dovrebbero essere determinati su base individuale con l’aiuto del tuo medico.

Ciò significa che ciò che mangi è molto importante. Mangiare cibi ad alto contenuto di fibre e sostanze nutritive ma a basso contenuto di grassi e zuccheri malsani può aiutare a mantenere un livello di zucchero nel sangue sano, oltre a migliorare la tua salute generale.

La farina d’avena offre una serie di benefici per la salute e può essere un ottimo alimento per chi ha il diabete, purché la porzione sia controllata. Una tazza di farina d’avena cotta contiene circa 30 grammi di carboidrati, che possono essere inseriti in un programma alimentare sano per le persone con diabete.

Fiocchi d’avena

La farina d’avena è stata a lungo un alimento comune per la colazione. È fatto di semole d’avena, che sono chicchi d’avena senza le bucce.

È tipicamente fatto di capre d’avena tagliate in acciaio (o tritate), arrotolate o “istantanee”. Più l’avena è elaborata, come nel caso dell’avena istantanea, più velocemente l’avena viene digerita e più velocemente lo zucchero nel sangue può potenzialmente aumentare.

La farina d’avena viene solitamente cotta con liquido e servita calda, spesso con componenti aggiuntivi come noci, dolcificanti o frutta. Può essere preparato in anticipo e riscaldato al mattino per una colazione facile e veloce.

Poiché la farina d’avena ha un indice glicemico inferiore, può essere un’alternativa migliore ad altre scelte per la colazione, come cereali freddi con aggiunta di zucchero, pane con gelatina aggiunta o frittelle con sciroppo.

Quelli con diabete possono testare i livelli di glucosio nel sangue dopo diversi tipi di cibi per la colazione per vedere come risponde il loro zucchero nel sangue.

La farina d’avena può anche promuovere la salute del cuore, il che è importante perché le persone con diabete sono soggette a malattie cardiache.

Pro della farina d’avena per il diabete

Aggiungere farina d’avena alla tua dieta per aiutare a gestire il diabete ha sia pro che contro. I vantaggi dell’aggiunta di farina d’avena al tuo programma alimentare per il diabete includono:

  • Può aiutare a regolare la glicemia, grazie al contenuto di fibre da moderato ad alto e all’indice glicemico inferiore.
  • È salutare per il cuore grazie al suo contenuto di fibre solubili e al fatto che può abbassare il colesterolo.
  • Può ridurre la necessità di iniezioni di insulina se consumato al posto di altri cibi per la colazione ricchi di carboidrati.
  • Se cucinato in anticipo, può essere un pasto facile e veloce.
  • È moderatamente ricco di fibre, ti fa sentire pieno più a lungo e aiuta con la gestione del peso.
  • È una buona fonte di energia a lungo termine.
  • Può aiutare a regolare la digestione.

Contro di farina d’avena per il diabete

Per molte persone con diabete, il consumo di farina d’avena non ha molti svantaggi. Mangiare farina d’avena può aumentare i livelli di zucchero nel sangue se scegli la farina d’avena istantanea, carica di zuccheri aggiunti o se ne consumi troppo in una volta.

La farina d’avena può avere effetti negativi per coloro che hanno anche la gastroparesi, che è un ritardo nello svuotamento gastrico. Per coloro che hanno il diabete e la gastroparesi, la fibra nella farina d’avena può rallentare lo svuotamento dello stomaco.

Cose da fare e da non fare per la farina d’avena e il diabete

La farina d’avena può essere un’ottima aggiunta alla tua dieta per aiutare a gestire il diabete. Soprattutto se lo usi per sostituire altre scelte per la colazione ad alto contenuto di carboidrati e zuccheri.

Quando aggiungi la farina d’avena al tuo programma alimentare per il diabete, ci sono diverse cose da tenere a mente:

Le cose da fare

  1. Aggiungi cannella, noci o frutti di bosco.
  2. Scegli avena vecchio stile o tagliata in acciaio.
  3. Usa latte magro o acqua.
  4. Aggiungi un cucchiaio di burro di noci per più proteine ​​e sapore.
  5. Prepara lo yogurt greco per aumentare le proteine, il calcio e la vitamina D.
Healthline

Ci sono molte cose che puoi aggiungere alla tua lista di preparazione della farina d’avena per aumentare i benefici per la salute della farina d’avena.

Quando mangi farina d’avena, ecco cosa dovresti fare:

  • Mangia con una proteina o un grasso sano come uova, burro di noci o yogurt greco. L’aggiunta di 1-2 cucchiai di noci pecan, noci o mandorle tritate può aggiungere proteine ​​e grassi sani, che possono aiutare ulteriormente a stabilizzare la glicemia.
  • Scegli avena vecchio stile o tagliata in acciaio. Queste scelte contengono una maggiore quantità di fibra solubile, che aiuta a regolare meglio lo zucchero nel sangue e sono minimamente elaborate per rallentare la digestione.
  • Usa la cannella. La cannella è ricca di antiossidanti, ha proprietà antinfiammatorie e può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache. Può anche migliorare la sensibilità all’insulina e può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.
  • Aggiungi le bacche. Le bacche hanno anche antiossidanti e buoni nutrienti e possono agire come dolcificanti naturali.
  • Usa latte magro, latte di soia non zuccherato o acqua. L’uso di latte a basso contenuto di grassi o di soia può aumentare i nutrienti senza aggiungere troppi grassi al pasto. L’acqua è preferibile alla panna o al latte più grasso per coloro che cercano di ridurre il contenuto di calorie e grassi. Tuttavia, tieni presente che la quantità di latte utilizzata deve essere considerata per l’assunzione totale di carboidrati per il tuo pasto. Otto once di latte normale contengono circa 12 grammi di carboidrati.

Le cose da non fare

  1. Non utilizzare farina d’avena istantanea preconfezionata o zuccherata.
  2. Non aggiungere troppa frutta secca o dolcificante, nemmeno dolcificanti naturali come il miele.
  3. Non usare la crema.
Healthline

Quando mangi farina d’avena, ecco cosa non dovresti fare:

  • Non utilizzare farina d’avena preconfezionata o istantanea con aggiunta di dolcificanti. La farina d’avena istantanea e aromatizzata contiene zucchero e sale aggiunti. Hanno anche fibre meno solubili. Scegli una varietà sana di farina d’avena.
  • Non aggiungere troppa frutta secca. Solo un cucchiaio di frutta secca può contenere un’elevata quantità di carboidrati. Sii consapevole delle tue porzioni.
  • Non aggiungere troppi dolcificanti calorici. Le persone comunemente aggiungono zucchero, miele, zucchero di canna o sciroppo alla farina d’avena. Questi possono aumentare significativamente i livelli di glucosio nel sangue. Puoi tranquillamente aggiungere dolcificanti senza o ipocalorici.
  • Limita o evita di usare la crema. Usa acqua, latte di soia o latte magro per preparare la farina d’avena.

Altri benefici per la salute della farina d’avena

Oltre allo zucchero nel sangue e ai benefici per la salute del cuore, la farina d’avena può aiutare con:

  • abbassare il colesterolo
  • controllo del peso
  • protezione della pelle
  • riducendo le possibilità di cancro al colon

La farina d’avena non trasformata e non zuccherata è lenta da digerire, il che significa che ti sentirai sazio più a lungo. Questo può aiutare con la perdita di peso e gli obiettivi di gestione del peso. Può anche aiutare a regolare il pH della pelle, che può ridurre l’infiammazione e il prurito.

Il cibo da asporto

Se preparata correttamente, la farina d’avena ha molti vantaggi che possono essere utili per chiunque. Quelli con diabete possono trarre vantaggio dalla sostituzione di altri cereali per la colazione zuccherati e altamente raffinati. Come con tutte le fonti di carboidrati, assicurati di prestare attenzione alle dimensioni delle porzioni.

Puoi iniziare la giornata con un pasto che regola meglio la glicemia e fornisce una fonte di energia a lungo termine. Aiuterà anche a migliorare la salute del tuo cuore. Scegliendo i giusti componenti aggiuntivi, la farina d’avena può essere una ricca colazione quando si vive con il diabete.

Controlla sempre la glicemia per vedere come la farina d’avena ti influenza. Chiunque soffra di diabete è diverso. Parla sempre con il tuo medico prima di apportare modifiche importanti alla dieta. I dietisti registrati possono anche aiutarti a personalizzare un piano alimentare per soddisfare le tue esigenze specifiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here