Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Eliminare i pomodori e altri miti alimentari sull’artrite

Eliminare i pomodori e altri miti alimentari sull’artrite

0
4

Affettare i pomodori

Cibo e artrite

Quasi 23 per cento degli adulti statunitensi è stata diagnosticata l’artrite. La malattia non ha una cura conosciuta, ma ci sono molte opinioni su ciò che può aiutare ad alleviare i sintomi.

Il latte provoca più dolore? I pomodori sono fuori dalla lista sicura? Può spruzzare sale nelle scarpe attirare l’umidità dalle ossa?

Pomodori

Peccato per il povero pomodoro. A lungo considerato velenoso, è spesso diffamato per aver peggiorato l’artrite. Questo perché i pomodori producono naturalmente una tossina chiamata solanina. Si ritiene che questa tossina contribuisca a infiammazione, gonfiore e dolore alle articolazioni.

Tuttavia, non è stata trovata alcuna relazione tra dolore da artrite e pomodori – o uno qualsiasi dei suoi cugini come patate e melanzane – è stata trovata.

Allora come è nato questo mito? Le foglie delle piante di pomodoro sono velenose per proteggere il frutto da animali e funghi.

Per quanto riguarda la patata, evitare quelle con macchie verdi. Queste macchie verdi contengono tossine che potrebbero farti ammalare.

Agrumi

Se ti piace mangiare il pompelmo, chiedi al tuo medico dei farmaci che non dovresti assumere.

Questo alimento salutare per la colazione può interagire con alcuni farmaci, come quelli presi per trattare il colesterolo alto, l’ipertensione, le infezioni e i problemi cardiaci. Ma nessuna prova collega gli agrumi con il dolore da artrite.

In effetti, la vitamina C presente negli agrumi può effettivamente aiutare la tua artrite. Può indurre il tuo corpo a produrre collagene, un componente necessario delle ossa sane.

Aceto

Alcuni sostenitori affermano che bere aceto di mele può ridurre il dolore da artrite e la progressione della malattia perché l’aceto distrugge i radicali liberi che causano l’infiammazione. Questo semplicemente non è il caso.

Non evitare del tutto l’aceto, risparmialo per le insalate.

Uvetta imbevuta di gin

L’uvetta imbevuta di gin può far sparire i sintomi dell’artrite, ma solo fino a quando gli effetti dell’alcol non svaniscono. C’è anche la convinzione che lo zolfo nell’uvetta allevia i dolori articolari.

Tuttavia, non ci sono prove che l’uvetta imbevuta di gin o qualsiasi altra combinazione di alcol e cibo migliorerà la tua artrite.

D’altra parte, troppo alcol può danneggiare il tuo sistema immunitario, lasciandoti vulnerabile alle malattie e peggiorando la tua artrite. Se la tua artrite è complicata dalla gotta, bere vino rosso può peggiorare il dolore.

Latticini

Alcune persone credono che evitare i latticini come latte, yogurt e formaggio ridurrà i sintomi dell’artrite. Questa idea nasce dalla convinzione che molte persone siano intolleranti al lattosio, il che significa che i loro corpi non assorbono adeguatamente i latticini.

Anche le allergie ai latticini sono in aumento, il che ha alimentato questa speculazione.

Qualsiasi condizione che interferisca con l’assorbimento impedisce al corpo di ottenere i nutrienti necessari, che possono danneggiare il sistema immunitario. Ma secondo il National Institutes of Health, la maggior parte delle persone può consumare piccole quantità di latticini senza sintomi.

La linea di fondo? I latticini possono far parte di una dieta sana se si soffre di artrite, a condizione che non si abbia un’allergia ai latticini.

Gelatina

La gelatina ti dà articolazioni gelatinose? Questo mito alimentare deriva probabilmente dal pensiero obsoleto (e scorretto) che le qualità fisiche di un alimento si tradurranno in modi utili per il corpo.

La gelatina ondulata non renderà le articolazioni rigide più traballanti. La gelatina non fa differenza nel dolore da artrite. Se non ti interessa, evitalo. Se è uno dei preferiti, concediti la moderazione.

Sale nelle tue scarpe

Molte persone dicono che la loro artrite peggiora quando il tempo è piovoso o umido. È qui che ha origine la storia delle vecchie mogli secondo cui spargere sale nelle scarpe eliminerà il dolore da artrite.

Il pensiero è che il sale, che attira naturalmente l’umidità su se stesso, attirerà l’umidità dal corpo e allevia il gonfiore delle articolazioni. Peccato che non sia così semplice. Non c’è motivo medico per sfoggiare tacchi alti di sodio.

Digiuno

Non mancano le informazioni sul digiuno e sui suoi presunti benefici per la salute. Secondo alcune ricerche, il digiuno può migliorare i sintomi dell’artrite reumatoide. Ma gli effetti positivi sono a breve termine ei sintomi torneranno una volta che tornerai a una dieta normale.

Non ci sono prove che il digiuno aiuti a curare l’artrite.

Mantenere un peso sano può alleviare la pressione delle articolazioni artritiche. Tuttavia, ci sono modi più sani del digiuno per raggiungere questo obiettivo.

Ad esempio, fai esercizio per un minimo di 30 minuti almeno 3 giorni alla settimana, scegli cibi più sani come frutta, verdura e carni magre e riduci l’apporto calorico giornaliero.

Omega 3

Ecco un rimedio alimentare per l’artrite con prove sostanziali a sostegno della sua efficacia. Gli acidi grassi omega-3 – presenti nel pesce azzurro come salmone, noci, lino, chia e altri alimenti – possono aiutare a ridurre l’infiammazione e il dolore dell’artrite.

Per gli integratori, consumare fino a 2,6 grammi due volte al giorno per un potenziale effetto terapeutico. Ma fai attenzione a lividi o sanguinamento gengivale e abbassa la dose se si verificano.

È stato anche dimostrato che gli Omega-3 migliorano l’umore in caso di depressione.

Ciò che aiuta davvero

L’evidenza più coerente che collega il sollievo dall’artrite e la dieta è semplice:

  • Segui una dieta equilibrata con un’enfasi su frutta e verdura.
  • Mangia più cibi freschi e meno alimenti trasformati.
  • Assicurati che le calorie che assumi forniscano il maggior nutrimento possibile, il che significa niente spazzatura.
  • Mantieni un peso sano.

Se inizi a notare un’associazione con determinati gruppi di alimenti e un aumento del dolore o del gonfiore articolare, prova ad abbassare o eliminare quel cibo per un po ‘, quindi prova ad aggiungere di nuovo piccole quantità per vedere se l’associazione si verifica ancora.

Le diete ricche di fibre e ricche di frutta cruda, verdura, legumi e proteine ​​magre sono la soluzione migliore per sentirsi bene.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here