Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Effetti collaterali del vaccino COVID-19 nei bambini e negli adolescenti

Effetti collaterali del vaccino COVID-19 nei bambini e negli adolescenti

0
10

Roberto Jimenez Mejias/Getty Images

Da marzo 2020, quando la pandemia ha chiuso uffici e scuole in tutto il paese, molti genitori si sono preoccupati che i loro figli si ammalassero. E nonostante alcuni progressi, abbiamo ancora a che fare con queste paure a più di un anno di distanza.

Parte del motivo per cui la pandemia è ancora persistente è che non abbiamo ancora vaccini per tutti. E in parte è anche a causa dell’esitazione del vaccino.

I bambini non sono “piccoli adulti” e loro fare hanno reazioni diverse a malattie, farmaci e vaccinazioni, quindi è normale che i genitori si preoccupino.

Ma ci sono anche molte voci quando si tratta di COVID-19, in particolare sugli effetti collaterali dei vaccini, quindi è importante chiarire eventuali malintesi e miti. Ecco cosa devi sapere:

Bambini e COVID-19

Sebbene sia vero che molti bambini non sviluppano casi di COVID-19 così gravi come gli adulti – e molti potrebbero essere asintomatici – ciò non significa che non possano contrarre il COVID-19.

Infatti, a partire da ottobre 2021, dall’inizio della pandemia si sono verificati oltre 6 milioni di casi di COVID-19 nei bambini. Nell’ultima settimana di settembre 2021, i bambini hanno rappresentato il 26,7% – più di 1 su 4 – dei casi settimanali segnalati.

I bambini in età scolare tra i 5 e i 17 anni e i bambini negli asili nido potrebbero anche essere maggiormente a rischio di contrarre il COVID-19 rispetto ad altri bambini perché hanno maggiori probabilità di esserne esposti quotidianamente. Questo varia, ovviamente, e può dipendere dalle politiche che la scuola ha in atto.

Uno studio ha scoperto che i bambini hanno 3,5 volte più probabilità di avere un focolaio di COVID-19 nella loro scuola se la scuola non ha l’obbligo di mascherina.

Gravità della malattia

Mentre solo l’1-2% di tutti i casi di bambini ha portato al ricovero in ospedale di bambini (almeno negli stati che segnalano attivamente i casi), 1 su 3 di quei bambini che sono stati ricoverati in ospedale hanno richiesto cure intensive, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

La terapia intensiva spesso richiede l’uso di ventilatori o macchine che essenzialmente fanno il lavoro di respirazione per te pompando manualmente aria dentro e fuori dal tuo corpo.

Sembra che i bambini di età inferiore a 1 abbiano le maggiori probabilità di sviluppare sintomi gravi, così come i bambini che hanno condizioni di base come diabete, anemia falciforme o condizioni immunocompromesse che hanno già una maggiore probabilità di sviluppare COVID-19.

Tuttavia, c’era un aumento di 10 volte nei tassi di ospedalizzazione tra i bambini da 0 a 4 anni nel periodo giugno-agosto 2021.

Nel complesso, i bambini e gli adolescenti sotto i 18 anni hanno visto un aumento di 5 volte dei tassi di ospedalizzazione, con tassi tra coloro che non sono vaccinati sono 10 volte superiori a quelli tra i completamente vaccinati. Questo coincide grosso modo con l’ascesa della variante Delta.

I bambini possono anche morire di COVID-19, sebbene l’American Academy of Pediatrics non lo consideri comune. I bambini rappresentano meno dell’1% del totale dei decessi per COVID-19 negli Stati Uniti.

I vaccini COVID-19 disponibili per i bambini

Al momento della stesura di questo articolo, il vaccino Pfizer-BioNTech è disponibile per bambini dai 12 anni in su. È stato completamente approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per bambini e adulti dai 16 anni in su e ha l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni.

Sono in corso studi clinici per bambini di età compresa tra 6 mesi e 11 anni. Quello per i bambini dai 5 agli 11 anni è completo, con i dati delle fasi due e tre che mostrano che il vaccino è sicuro ed efficace.

In effetti, Pfizer ha presentato i suoi dati iniziali alla FDA nel settembre 2021 per questa fascia di età e ha richiesto l’autorizzazione all’uso di emergenza il mese successivo.

Moderna sta conducendo studi clinici sui vaccini per bambini e adolescenti e Johnson & Johnson sta studiando l’uso del vaccino negli adolescenti.

Quali effetti collaterali comuni potrebbe avere mio figlio dal vaccino?

Non tutti hanno effetti collaterali e alcuni bambini non ne avranno affatto.

Ma se tuo figlio ha effetti collaterali, saranno simili a quelli osservati negli adulti. Questi effetti collaterali possono includere:

  • dolore al sito di iniezione
  • fatica
  • mal di testa
  • brividi
  • dolori muscolari
  • febbre

Questi effetti collaterali sono generalmente temporanei e dovrebbero scomparire in circa 48 ore.

Ci sono effetti collaterali più gravi?

Ci sono altri due effetti collaterali molto rari che sono stati segnalati dall’aprile 2021: miocardite e pericardite.

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco, o miocardio, che può influenzare la capacità del cuore di pompare il sangue in tutto il corpo.

La pericardite è un’infiammazione della struttura a due strati simile a una sacca che circonda il cuore, nota anche come pericardio. Questi due strati hanno sempre una piccola quantità di liquido tra di loro per ridurre l’attrito, ma quando questi strati si infiammano, può causare dolore al petto.

I sintomi caratteristici di queste condizioni sono:

  • dolore al petto
  • fiato corto
  • palpitazioni

Questi rari effetti collaterali tendono ad essere più comuni nei maschi, in particolare adolescenti e giovani adulti.

Ma è importante sapere che “c’è un rischio maggiore di miocardite con la malattia COVID-19 rispetto alla vaccinazione COVID-19”, afferma Poinsette.

In particolare, uno studio ha rilevato che la miocardite nella popolazione maschile giovane adulta si verifica fino a 450 casi per milione di COVID-19, ma solo circa 76 per milione di soggetti vaccinati. È importante notare che questa ricerca è attualmente in fase di prestampa, il che significa che non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria e non dovrebbe essere utilizzata come base per la guida clinica.

Devo dare a mio figlio un antidolorifico?

Puoi dare a tuo figlio un antidolorifico dopo il vaccino COVID-19, soprattutto se avverte effetti collaterali come dolore o dolori.

Ma “non è necessario pretrattare con un antidolorifico”, afferma Poinsette. “Non ci sono prove che il pretrattamento riduca gli effetti collaterali”.

Se esistono effetti collaterali e la malattia è tipicamente lieve nei bambini, perché vaccinare mio figlio?

“La vaccinazione è importante per arginare l’ondata della pandemia”, spiega Poinsette. “Anche i bambini con una malattia lieve trasmettono la malattia agli altri”.

Anche i bambini non vaccinati sono ancora a rischio di una grave malattia da COVID-19, anche se tale rischio è inferiore rispetto agli adulti e anche se non hanno una condizione medica di base.

Infatti, secondo il CDC, gli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni che non sono stati vaccinati hanno un Tasso 10 volte più alto di ospedalizzazione rispetto agli adolescenti che sono stati vaccinati.

L’asporto

Il 23 agosto 2021, il FDA ha approvato il vaccino Pfizer-BioNTech per tutti dai 16 anni in su perché il vaccino è sia sicuro che efficace nel prevenire l’infezione da coronavirus che causa il COVID-19.

La FDA ha anche concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni perché i dati degli studi clinici hanno dimostrato che il vaccino è sicuro ed efficace.

Finora, questi vaccini sono stati somministrati a milioni di americani e hanno contribuito a proteggere le persone da gravi infezioni, ospedalizzazione e morte. Per porre davvero fine alla pandemia, i vaccini sono lo strumento più potente per farlo e proteggere le persone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here