Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi È sicuro per te mangiare cibi contenenti glutammato monosodico durante la gravidanza?

È sicuro per te mangiare cibi contenenti glutammato monosodico durante la gravidanza?

0
4

Tagliatelle di ramen nella ciotola

Il glutammato monosodico, noto con l’acronimo MSG, è un esaltatore di sapidità salato – ma la sua reputazione negli anni è stata piuttosto, beh, unsalato.

Molte persone evitano soprattutto l’MSG nei cibi da asporto cinesi e in altri cibi con la convinzione che possa causare mal di testa, nausea, vertigini o persino cancro. (Cordiali saluti: il cibo cinese ha avuto un brutto colpo. Potrebbe essere il cibo più noto a contenere spesso glutammato monosodico aggiunto, ma non è affatto unico, né sempre hanno MSG.)

Durante la gravidanza, potresti essere particolarmente preoccupato per il consumo di glutammato monosodico. Ma siamo qui per mettere le cose in chiaro: per la stragrande maggioranza delle persone, il glutammato monosodico è sicuro da consumare, sia durante la gravidanza che in altri momenti.

Ecco cosa devi sapere su questo composto alimentare saporito e sui tuoi 9 mesi di gravidanza.

Cos’è MSG?

Sebbene tu possa associarlo a un piatto fumante di moo goo gai pan, MSG non è unico per i ristoranti asiatici. Si trova naturalmente in una serie di cibi comuni e naturali, come noci e pomodori.

Questo perché il glutammato monosodico è semplicemente una combinazione di sodio (sale) e dell’amminoacido glutammato.

Oltre alla sua presenza naturale in molti alimenti, il glutammato monosodico è prodotto come ingrediente singolo. Puoi trovarlo per l’acquisto negli Stati Uniti con i marchi Ac’cent, Sazón o Ajinomoto. (Alcune marche vendono anche aromatizzanti MSG con nomi generici come “condimento umami” o “polvere umami”.)

Sulle etichette degli ingredienti, l’MSG può essere un po ‘più complicato da identificare. Sale monosodico, glutammato di sodio, glutammato monosodico monoidrato e “esaltatore di sapidità E621” sono alcuni dei nomi alternativi di questo ingrediente.

MSG è sicuro?

Il Food and Drug Administration (FDA) classifica MSG come “generalmente riconosciuto come sicuro”. Secondo la FDA, nonostante alcune prove aneddotiche di reazioni avverse al glutammato monosodico, gli studi di ricerca non sono stati in grado di innescare risposte negative.

Per questo motivo, la FDA non ha fissato un limite massimo per l’assunzione di MSG per la popolazione generale o per la gravidanza.

Un studio precedente del 2000 ha suggerito che quando le persone consumavano grandi dosi di glutammato monosodico puro (senza cibo), avevano maggiori probabilità di manifestare sintomi spiacevoli rispetto a quando assumevano un placebo.

Tuttavia, nelle situazioni del mondo reale, probabilmente non mangerai glutammato monosodico in grandi dosi direttamente dalla bottiglia (non importa quanto siano estreme le tue voglie di gravidanza!).

Infatti, quando un file commissione scientifica indipendente esaminato l’impatto del glutammato monosodico su sintomi come mal di testa, vampate di calore, formicolio e palpitazioni cardiache, ha scoperto che questi si sono verificati occasionalmente con dosi di 3 grammi o più di glutammato monosodico. Ma una tipica porzione di glutammato monosodico dal cibo è inferiore a 0,5 grammi.

C’è una ricerca limitata sulla sicurezza di MSG durante la gravidanza, in particolare. Tuttavia, è improbabile che attenersi a porzioni normali di alimenti con glutammato monosodico presenti un problema durante la gravidanza se non è mai stato un problema per te prima.

Possibili ragioni per evitare il glutammato monosodico durante la gravidanza

Anche se gli studi non hanno collegato l’MSG a spiacevoli effetti collaterali per la maggior parte delle persone, le allergie e le sensibilità alimentari sono un fenomeno reale. È possibile avere un’allergia o una sensibilità a qualsiasi alimento o ingrediente, incluso il glutammato monosodico.

Se hai avuto reazioni avverse a cibi con alto MSG prima della gravidanza, continua a evitarle mentre ti aspetti (perché l’ultima cosa di cui hai bisogno è Di più nausea, mal di testa o affaticamento in questo momento).

Alcuni cibi ricchi di glutammato monosodico, come zuppe in scatola o snack salati, possono anche essere ricchi di sodio. Durante la gravidanza, è opportuno mantenere il sodio al di sotto o al di sotto del target raccomandato 2.300 milligrammi al giorno per adulti. Ciò può naturalmente portare a limitare alcuni alimenti ad alto contenuto di MSG.

(Le raccomandazioni sul sodio non cambiano specificamente per la gravidanza, ma il medico può suggerire limiti diversi in caso di complicazioni, come l’ipertensione gestazionale.)

Alimenti che contengono MSG

L’MSG esiste sia come composto naturale negli alimenti che come additivo. Ecco dove lo troverai.

L’MSG si trova naturalmente in:

  • pomodori
  • Noci
  • funghi
  • formaggi stagionati, come il parmigiano e il cheddar
  • sarde e acciughe
  • prosciutto crudo
  • brodi

MSG può essere aggiunto a:

  • Piatti cinesi e altri asiatici
  • zuppe in scatola
  • snack salati e salati come patatine o miscele di snack
  • pasti surgelati
  • cibi veloci
  • miscele di condimento

La linea di fondo

Durante la gravidanza, è improbabile che mangiare porzioni di alimenti con glutammato monosodico delle giuste dimensioni ti causi una sfilza di sintomi spiacevoli e non danneggerà nemmeno il tuo bambino in crescita.

Puoi sentirti libero di gustare verdure, noci, brodi aromatizzati all’umami (e, sì, anche l’occasionale cibo da asporto cinese) senza preoccupazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here