Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Donovanosi: cosa devi sapere su questa rara “malattia sessualmente trasmissibile che mangia...

Donovanosi: cosa devi sapere su questa rara “malattia sessualmente trasmissibile che mangia carne”

0
4

La donovanosi è un’infezione a trasmissione sessuale (STI). A volte le persone lo chiamano “STD mangia-carne” a causa dei suoi sintomi, ma in realtà non mangia la tua carne. Piuttosto, provoca piaghe simili a ulcere.

La donovanosi, chiamata anche granuloma inguinale, è relativamente rara. Tuttavia, puoi prevenirlo, così come le sue complicanze potenzialmente gravi e preoccupanti, con la prevenzione delle IST e il trattamento precoce.

L’uso di metodi di barriera come i preservativi può aiutare a prevenire le malattie sessualmente trasmissibili, inclusa la donovanosi. Essere a conoscenza di eventuali sintomi insoliti se sei sessualmente attivo e cercare assistenza quando lo fai può anche prevenire eventuali complicazioni.

Ecco cosa devi sapere su questa particolare STI.

Cos’è la donovanosi?

La donovanosi è causata da un batterio chiamato Klebsiella granulomatis. Come altri tipi di malattie sessualmente trasmissibili, la donovanosi viene trasmessa attraverso il sesso vaginale, anale e orale.

La donovanosi è stata chiamata la “MST mangia-carne” perché provoca piaghe spesse e simili a ulcere che possono eventualmente danneggiare i tessuti genitali.

Se non trattata, possono svilupparsi noduli e cicatrici permanenti. A volte questa IST viene scambiata per cancro genitale.

Come si ottiene la donovanosi?

La donovanosi viene trasmessa principalmente da una persona che ha l’infezione tramite rapporti vaginali o anali. Può essere trasmessa anche attraverso rapporti orali.

In rari casi, la donovanosi è stata trasmessa attraverso il contatto non sessuale, pelle a pelle.

La trasmissione dalla madre al neonato è possibile anche durante il parto se la madre ha un’infezione.

La donovanosi si verifica più spesso nelle regioni subtropicali o tropicali del mondo. Non è comune negli Stati Uniti. La maggior parte dei casi negli Stati Uniti si verifica a seguito di viaggi in aree in cui la donovanosi è più comune.

Una volta che sei stato esposto alla donovanosi, potresti iniziare a vedere i sintomi entro 1-4 mesi.

Come prevenire la donovanosi

Puoi aiutare a ridurre il rischio di contrarre la donovanosi, così come altre malattie sessualmente trasmissibili, utilizzando metodi di barriera durante il sesso.

I preservativi esterni e interni sono misure preventive preferite perché aiutano a proteggere te e il tuo partner dall’esposizione a fluidi corporei che potrebbero contenere i batteri.

I contraccettivi orali come le pillole anticoncezionali o gli IUD non prevengono le malattie sessualmente trasmissibili. Solo i metodi di barriera come i preservativi possono prevenire le malattie sessualmente trasmissibili.

L’unico modo per prevenire completamente la donovanosi o qualsiasi altra IST è l’astinenza. Tuttavia, puoi ridurre notevolmente il rischio utilizzando un metodo di barriera:

  • ogni volta che fai sesso con un nuovo partner
  • quando non conosci lo stato STI del tuo partner

Se ricevi una diagnosi di donovanosi, evita l’attività sessuale fino a quando il medico non determina che l’infezione si è completamente risolta.

Quali sono i fattori di rischio comuni per contrarre la donovanosi?

Mentre chiunque sia sessualmente attivo è a rischio di malattie sessualmente trasmissibili, le persone di età compresa tra 20 e 40 anni sono a maggior rischio di contrarre la donovanosi.

Questa particolare STI è anche più importante nei seguenti paesi e regioni:

  • Brasile
  • i Caraibi
  • India del sud-est
  • Africa meridionale
  • Papua Nuova Guinea

Se hai fatto sesso con qualcuno che ha sviluppato donovanosi entro 60 giorni, contattare il medico per ulteriori istruzioni. Possono raccomandare un trattamento anche se non stai mostrando i sintomi della IST.

Quali sono i sintomi?

I sintomi della donovanosi possono includere quanto segue:

  • ulcere diffuse intorno all’area genitale e all’ano
  • protuberanze rosse sporgenti che possono crescere di dimensioni
  • protuberanze rosse indolori che sanguinano e ricrescono
  • pelle danneggiata
  • perdita di colore del tessuto genitale

Quando cercare assistenza medica

La donovanosi necessita di cure mediche immediate per aiutare a prevenire complicazioni a lungo termine. Il medico diagnosticherà la tua condizione sulla base di un esame fisico e di una biopsia di una delle piaghe. Rivolgiti subito al medico se riscontri:

  • eventuali ulcere nella zona genitale o anale
  • protuberanze rosse che possono o non possono essere dolorose
  • protuberanze sui genitali che sanguinano e crescono di dimensioni

Se ricevi una diagnosi di donovanosi, è importante contattare i tuoi partner in modo che possano essere testati anche loro. Questo può anche aiutare a prevenire l’ulteriore diffusione delle IST.

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomanda inoltre il test HIV per tutti i casi di donovanosi. Questo perché avere piaghe genitali per qualsiasi motivo può aumentare il rischio di trasmissione dell’HIV.

Come viene trattata la donovanosi?

Poiché si tratta di un’infezione batterica, gli antibiotici possono trattarla. Il medico può prescrivere uno dei seguenti antibiotici:

  • azitromicina (Zithromax, Z-Pak)
  • ciprofloxacina (Cetraxal, Ciloxan, Cipro XR)
  • doxiciclina (Doxy-100, Monodox, Targadox)
  • eritromicina (granuli EES, Ery-Tab)
  • trimetoprim/sulfametossazolo (Bactrim, Bactrim DS, Sulfatrim)

Il trattamento richiede in genere un lungo ciclo di antibiotici, che può durare almeno 3 settimane o più. Il medico ti chiederà di entrare per un follow-up per assicurarti che non siano apparse nuove piaghe.

A volte la donovanosi può ripresentarsi. Se ciò accade, avrai bisogno di una nuova dose di trattamento antibiotico. Possono verificarsi ricadute da 6 a 18 mesi dopo che l’infezione sembra risolversi.

Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto cicatriziale rimasto dall’infezione. Questo è più comune nei casi che ricevono un trattamento più tardi nell’infezione.

Quali sono le prospettive per le persone con donovanosi?

Il trattamento precoce è essenziale per prevenire possibili complicanze della donovanosi.

È anche importante terminare l’intero ciclo di antibiotici, anche se i sintomi sono migliorati. Questo aiuta a garantire che l’infezione sia completamente eliminata.

Potrebbero essere necessari diversi mesi prima che la donovanosi si risolva completamente. Se non trattata (o sottotrattata), la donovanosi può causare genitali permanenti:

  • infiammazione
  • cicatrici
  • danno
  • decolorazione dei tessuti

È anche possibile che l’infezione si diffonda al bacino, alle ossa e agli organi interni. Questa IST può persino causare danni all’ano, all’uretra e all’intestino. I tumori possono verificarsi nelle ulcere genitali non trattate.

Tuttavia, la prevenzione delle IST e il trattamento precoce possono evitare queste complicazioni.

Rivolgersi immediatamente al proprio medico se si hanno segni o sintomi precoci di donovanosi o se di recente si ha avuto rapporti sessuali con qualcuno che ha sviluppato donovanosi.

La linea di fondo

La donovanosi è una IST rara ma potenzialmente grave che può comportare il rischio di complicanze a lungo termine se non trattata. La diagnosi precoce e un trattamento adeguato possono prevenire eventuali problemi a lungo termine, come danni permanenti ai tessuti genitali.

L’uso di metodi di barriera come i preservativi può aiutare a prevenire le malattie sessualmente trasmissibili, inclusa la donovanosi. Se sviluppi sintomi insoliti, chiama il tuo medico per il test delle IST.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here