Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Disturbo della funzione piastrinica acquisito

Disturbo della funzione piastrinica acquisito

0
5

Che cos’è un disturbo della funzione piastrinica acquisita?

Le piastrine sono un tipo di cellula del sangue. Svolgono un ruolo importante nella guarigione delle lesioni che provocano sanguinamento. Le piastrine aiutano il corpo a formare coaguli di sangue e a fermare l’emorragia.

Le piastrine di alcune persone non funzionano come dovrebbero. Questo è noto come disturbo della funzione piastrinica. Tali disturbi possono essere ereditati, ma possono anche essere “acquisiti”. I disturbi della funzione piastrinica acquisiti possono essere causati da farmaci, malattie o persino da determinati alimenti. Sono alcuni dei tipi più comuni di malattie del sangue.

Quali sono i sintomi del disturbo della funzione piastrinica acquisita?

I sintomi di questi disturbi variano. Possono essere lievi o gravi. Possono includere:

  • lividi inspiegabili in tutto il corpo
  • sanguinamento dal naso, dalla bocca o dalle gengive
  • sanguinamento mestruale abbondante o prolungato
  • sanguinamento sotto la pelle
  • sanguinamento nei muscoli e nelle articolazioni
  • sangue nel vomito o nelle feci
  • emorragia interna
  • piccole protuberanze rosse sulla pelle (petecchie)

Cosa sono le piastrine e cosa fanno?

Le piastrine lavorano con proteine ​​note come fattori di coagulazione per aiutare il corpo a fermare il sanguinamento dopo un infortunio. Quando un vaso sanguigno è danneggiato, le piastrine sono le prime sulla scena. Coprono il punto ferito a strati per bloccare il flusso di sangue. Alla fine formano una spina temporanea. Questa è la prima fase della coagulazione del sangue. Le fasi successive rafforzano il coagulo e il corpo si prepara a guarire.

Quando qualcuno ha un disturbo piastrinico, la spina non si forma correttamente. Il sanguinamento può protrarsi più a lungo di quanto dovrebbe. I disturbi piastrinici possono anche influenzare le fasi successive della coagulazione. Questo può essere particolarmente pericoloso dopo un infortunio o un intervento chirurgico.

Quali sono le cause dei disturbi della funzione piastrinica acquisita?

I disturbi della funzione piastrinica hanno tre cause principali: farmaci, malattie e alimenti. Possono anche essere causati da integratori.

La funzione piastrinica può essere influenzata in diversi modi. Potrebbero esserci cambiamenti nel modo in cui il corpo segnala alle piastrine. Le piastrine possono diventare meno appiccicose. La malattia piastrinica può anche influenzare altre fasi del processo di coagulazione.

Gli scienziati non sempre capiscono perché o come viene influenzata la funzione piastrinica. Tuttavia, possono ancora vedere i cambiamenti che si verificano. Alcune cose che sono note per influenzare le piastrine includono:

Farmaci

  • aspirina
  • analgesici come ibuprofene e naprossene
  • antistaminici
  • farmaci per l’asma
  • sildenafil (Viagra)
  • farmaci usati per prevenire la formazione di coaguli di sangue, come clopidogrel (Plavix)
  • antibiotici
  • farmaci antidepressivi e antipsicotici
  • farmaci chemioterapici
  • farmaci per abbassare il colesterolo (statine)
  • bloccanti dei canali del calcio
  • cocaina
  • nitriti negli alimenti, come la carne del pranzo e la pancetta
  • acidi grassi omega-3 (come l’olio di pesce)
  • vitamina E
  • Ginkgo biloba
  • aglio
  • Zenzero
  • Chiodi di garofano
  • dong quai
  • ginseng
  • Curcuma
  • corteccia di salice
  • disturbi mieloproliferativi cronici
  • sindrome mielodisplastica
  • leucemia
  • ha acquisito la malattia di von Willebrand
  • risposte autoimmuni
  • sindrome trombotica trombocitopenica porpora-emolitica uremica (TTP-HUS)
  • insufficienza epatica
  • insufficienza renale
  • paraproteinemia
  • coagulazione intravascolare disseminata (DIC)
  • cardiopatia

Alimenti e integratori alimentari

Malattie

Come viene diagnosticato il disturbo della funzione piastrinica acquisita?

La diagnosi di un problema piastrinico richiede diversi passaggi. Il tuo medico ti chiederà dei problemi di sanguinamento. Chiederanno anche informazioni su eventuali farmaci e integratori che prendi. È importante essere onesti perché anche i prodotti naturali possono influire sulla funzione piastrinica.

I test di laboratorio possono essere utilizzati anche per cercare problemi di sanguinamento. Questi test cercano cose diverse:

  • Un esame emocromocitometrico completo (CBC) specifica il numero di cellule del sangue per tipo. Informa il tuo medico se hai un numero sano di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Controlla anche se le tue cellule del sangue si trovano nelle giuste proporzioni.
  • Il tempo di protrombina (PT) mostra la velocità con cui si coagula il sangue.
  • Il tempo di tromboplastina parziale (PTT) è un altro test del tempo di coagulazione del sangue.
  • Gli studi sul tempo di sanguinamento testano quanto tempo ci vuole per fermare l’emorragia dopo un infortunio.
  • Gli studi sull’aggregazione piastrinica verificano quanto sono appiccicose le tue piastrine.
  • La conta piastrinica conta le piastrine.
  • Il test dell’azoto ureico (BUN) / creatinina nel sangue valuta la funzionalità renale.

Il medico può anche testarti per condizioni sottostanti che possono causare disturbi della funzione piastrinica.

Come viene trattato il disturbo della funzione piastrinica acquisita?

Esistono numerosi trattamenti per questa condizione. La scelta del trattamento da parte del medico dipenderà dal fatto che voglia:

  • fermarti rapidamente dal sanguinamento
  • tratta la condizione che causa il problema della coagulazione
  • ridurre il rischio di sanguinamento durante l’intervento chirurgico

Controllo delle emorragie

I medici hanno diverse opzioni per fermare l’emorragia attiva. Possono darti un’infusione di piastrine donate. Possono prescrivere un fattore di coagulazione per facilitare la coagulazione del sangue. A volte viene utilizzato anche un farmaco chiamato desmopressina (DDAVP). Indica al tuo corpo di rilasciare eventuali riserve nascoste di fattore di coagulazione. Questo ti dà un aumento rapido, ma a breve termine, della capacità di coagulazione.

Trattamento delle condizioni sottostanti

Se non stai sanguinando attivamente, il tuo medico vorrà cercare di prevenire futuri sanguinamenti. Ciò significa che devono risolvere qualsiasi cosa stia causando il tuo problema di coagulazione. Potrebbe essere facile, se significa semplicemente interrompere un integratore o un farmaco. Tuttavia, può anche richiedere la diagnosi e il trattamento di una malattia sottostante. A volte, non è possibile trattare la causa del disturbo piastrinico. In questi casi, il medico potrebbe concentrarsi sulla gestione dei sintomi.

Ridurre i rischi di sanguinamento prima dell’intervento chirurgico

Se hai un disturbo piastrinico, parla con il tuo medico prima di sottoporti a un intervento chirurgico. Esistono modi per ridurre al minimo il rischio di sanguinamento. Il medico potrebbe provare ad aumentare i fattori naturali della coagulazione e le piastrine con i farmaci. Nei casi più gravi, potrebbe anche essere necessaria un’infusione di piastrine prima, durante e / o dopo l’intervento chirurgico. Dovresti anche evitare di assumere aspirina o altri farmaci da banco che possono aumentare il rischio di sanguinamento.

Qual è la prospettiva per i disturbi piastrinici acquisiti?

A volte i problemi piastrinici sono facilmente risolvibili. Potrebbe essere necessario evitare un determinato cibo o passare a un farmaco diverso. Altre volte, il controllo può essere più difficile. Se i tuoi problemi piastrinici sono causati da una malattia grave, le tue prospettive possono dipendere da quanto bene gestisci quella condizione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here