Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Disturbo del sonno da ritmo circadiano

Disturbo del sonno da ritmo circadiano

0
2

Cos’è il disturbo del ritmo circadiano del sonno?

Il tuo corpo corre su un orologio interno che ti fa sentire più assonnato di notte e più sveglio e vigile durante il giorno. Questo ritmo naturale sonno-veglia è noto come ritmo circadiano. Un’interruzione di questo ritmo può essere considerata un disturbo del sonno del ritmo circadiano.

Quando il ritmo circadiano viene interrotto, può causare sintomi che vanno dalla sonnolenza diurna alla depressione. Adottare misure per ottenere un programma di sonno più regolare può aiutare ad alleviare questi sintomi.

Disordini del sonno “

Quali sono i sintomi di un disturbo del sonno del ritmo circadiano?

Un disturbo del ritmo circadiano del sonno può avere un impatto su molti aspetti della tua vita. Ogni tipo di disturbo ha sintomi unici. La maggior parte delle persone con disturbi del sonno del ritmo circadiano presenta uno o più di questi sintomi:

  • difficoltà ad addormentarsi
  • difficoltà a restare addormentato
  • non sentirsi riposati dopo aver dormito

Tipi di disturbi del sonno del ritmo circadiano

Esistono diversi tipi di disturbi del sonno del ritmo circadiano. Molte classificazioni si basano su quando una persona di solito va a dormire.

Disturbo della fase del sonno avanzato (ASP)

Le persone con questa condizione vanno a letto prima della maggior parte delle persone, in genere tra le 18:00 e le 21:00. Si svegliano presto, di solito tra le 2:00 e le 5:00. Le persone con ASP hanno maggiori probabilità di essere adulti di mezza età o più anziani.

Sindrome della fase del sonno ritardata (DSPS)

Si stima che dal 7 al 16% degli adolescenti soffra di DSPS. Le persone con questa condizione di solito vanno a dormire più tardi della maggior parte delle persone e si svegliano più tardi della maggior parte o hanno difficoltà a svegliarsi in tempo. Questa condizione è più comune negli adolescenti e nei giovani adulti. Le persone con DSPS spesso si descrivono come “nottambuli”.

Disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24 (Non 24 ore)

In genere, le persone con questo disturbo hanno cervelli che non riconoscono i segnali luminosi che segnalano i ritmi circadiani. Hanno schemi di sonno variabili e irregolari. Spesso, i loro tempi di sonno diventano sempre più tardi fino a quando non dormono durante il giorno. Demenza, cecità o disabilità intellettiva possono essere fattori che contribuiscono a questa condizione.

Disturbo sonno-veglia irregolare (ISWD)

Una persona con questa condizione non dorme per un lungo periodo di tempo. Invece, possono fare brevi sonnellini durante il giorno. È caratterizzato da almeno tre episodi di sonno al giorno, che si verificano in tempi variabili. I sintomi includono un’incapacità cronica di dormire e un’eccessiva sonnolenza. Disturbi neurologici, come la demenza, possono contribuire a questa condizione.

Sindrome sonno-veglia irregolare »

Disturbo da jet lag

Questa condizione colpisce persone di tutte le età e si verifica quando una persona viaggia in un altro fuso orario. Il corpo ha spesso difficoltà ad adattarsi al nuovo tempo. Maggiore è la differenza tra i fusi orari, più significativi sono i sintomi. Questa condizione è solitamente temporanea e colpisce alcune persone più di altre.

Gestione del jet lag »

Disordine da lavoro a turni

Questa condizione si verifica nei lavoratori che lavorano durante la notte o nelle prime ore del mattino. Le persone con questa condizione hanno difficoltà a dormire a sufficienza durante il giorno per compensare il sonno perso durante la notte.

Sonno e veglia »

Quali sono le cause del disturbo del ritmo circadiano del sonno?

Le condizioni che influenzano il sonno includono:

  • luce
  • livelli di attività fisica
  • attività sociali
  • livelli di melatonina, un ormone del sonno

Le interruzioni di uno o più di questi fattori possono portare a un disturbo del sonno del ritmo circadiano.

La ghiandola pineale nel cervello è responsabile del rilascio della melatonina. I pazienti con disturbi che colpiscono il cervello hanno maggiori probabilità di avere un disturbo del sonno del ritmo circadiano.

Chi è a rischio per un disturbo del sonno del ritmo circadiano?

Alcune condizioni mediche possono aumentare le probabilità che una persona soffra di un disturbo del sonno del ritmo circadiano. Ad esempio, le persone con insufficienza cardiaca congestizia o malattia polmonare ostruttiva cronica hanno maggiori probabilità di sperimentare la condizione. Ulteriori fattori di rischio relativi alle condizioni mediche includono:

  • sindromi dolorose croniche
  • demenza
  • ipertiroidismo
  • disabilità intellettuale

L’assunzione di determinati farmaci può stimolare il corpo e rendere difficile il sonno. Questi includono:

  • anfetamine
  • farmaci beta-adrenergici usati per trattare l’asma
  • clonidina
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)
  • steroidi
  • teofillina

Le persone che viaggiano all’estero spesso hanno maggiori probabilità di avere un disturbo del sonno del ritmo circadiano. Anche i turnisti serali sono a rischio.

Come vengono diagnosticati i disturbi del sonno del ritmo circadiano?

Uno specialista in medicina del sonno può diagnosticare un disturbo del sonno del ritmo circadiano. Lo specialista in genere ti consiglia di tenere un diario del sonno. Questo diario descrive in dettaglio quando sei andato a dormire e ti sei svegliato per una o due settimane.

Le persone che hanno difficoltà a tenere un diario del sonno accurato possono optare per l’actigrafia. Questa tecnica utilizza un monitor da polso per misurare i periodi di veglia e sonno.

Uno specialista in medicina del sonno può anche raccomandare uno studio del sonno. Ciò comporta dormire sotto osservazione. Un paziente può indossare un cardiofrequenzimetro, un monitor della respirazione o entrambi durante lo studio del sonno. Questo aiuta uno specialista in medicina del sonno a escludere disturbi del sonno legati al cuore o alla respirazione.

Come viene trattato un disturbo del ritmo circadiano del sonno?

Affrontare la luce e la melatonina, i due fattori principali che influenzano il sonno, può aiutare a ridurre i disturbi del sonno del ritmo circadiano. Una combinazione di modifiche per promuovere un sonno migliore può aiutare i malati a trovare sollievo.

Farmaci

Le persone che hanno problemi a dormire possono acquistare la melatonina, un ormone che regola i cicli sonno-veglia, da banco per migliorare il sonno. Si ritiene che questo rimedio sia efficace anche nel trattamento del jet lag.

Un medico può anche prescrivere da una classe di farmaci noti come benzodiazepine per i pazienti con insonnia acuta. Questi farmaci agiscono rapidamente, ma l’insonnia può ripresentarsi quando il farmaco viene sospeso. Le benzodiazepine sono anche note per creare dipendenza. Esempi inclusi:

  • estazolam
  • flurazepam
  • quazepam (Doral)
  • temazepam (Restoril)
  • triazolam (Halcion)

Gli ipnotici non benzodiazepinici sono un’altra classe di farmaci che trattano i disturbi del sonno del ritmo circadiano. A differenza delle benzodiazepine, questi farmaci non creano dipendenza. Inoltre, non provocano un effetto di rimbalzo o un ritorno dei sintomi, dopo che un paziente smette di prendere il farmaco. Esempi inclusi:

  • eszopiclone (Lunesta)
  • zaleplon (Sonata)
  • zolpidem (Ambien, Ambien CR, Edluar)

Cura della casa

Se hai un disturbo del ritmo circadiano del sonno, potresti trarre beneficio dall’adozione di misure per rendere la tua camera da letto più adatta al sonno. Ciò comprende:

  • svolgere attività tranquille, come leggere, prima di andare a dormire
  • evitando luci intense di notte
  • dormire in una stanza tranquilla e confortevole

Dovresti evitare stimolanti come caffeina, nicotina e un’attività fisica intensa prima di andare a letto. Dovresti anche evitare di bere alcolici, che possono disturbare il sonno.

La terapia della luce intensa o l’accensione di luci più luminose di 2.500 lux per due ore al mattino dopo il risveglio hanno dimostrato di aiutare le persone con DSP a tornare ai loro ritmi di sonno più regolari.

Quali sono le prospettive per il disturbo del ritmo circadiano del sonno?

I disturbi del ritmo circadiano del sonno non sono sempre problematici. Mentre alcune persone potrebbero non mantenere un programma di sonno tradizionale, le persone con disturbi del sonno del ritmo circadiano possono dormire a sufficienza. Per coloro che non dormono abbastanza, le complicazioni possono includere:

  • depressione
  • programma sociale interrotto
  • insonnia
  • difficoltà a concentrarsi sul lavoro

Se le persone che soffrono di disturbi del sonno del ritmo circadiano sono in grado di apportare modifiche alle loro routine del sonno e all’esposizione alla luce, potrebbero probabilmente riprendere un programma di sonno più normale. Altri potrebbero aver bisogno di farmaci o orari di lavoro alterati per ridurre i sintomi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here