Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Disturbo da alimentazione incontrollata: comprendere i trigger

Disturbo da alimentazione incontrollata: comprendere i trigger

0
5

Se ti è stato diagnosticato un disturbo da alimentazione incontrollata (BED), potresti sentirti impotente o fuori controllo. Ma c’è speranza. Comprendere i fattori scatenanti può aiutarti ad anticipare le abbuffate prima che si verifichino. Una volta che sai quali sono i tuoi trigger, puoi armarti di strumenti per ridurre le possibilità che ti arrenderai.

BED è più che mangiare troppo ogni tanto. I sintomi del BED includono:

  • consumare grandi quantità di cibo rapidamente, in un breve periodo di tempo
  • mangiare quando non hai fame
  • mangiare regolarmente da solo o in segreto
  • sensazione di non avere il controllo dei propri schemi alimentari
  • sensazione di depressione, vergogna o disgusto delle proprie abitudini alimentari

BED ha un impatto su persone di tutte le età e dimensioni. Molte persone con BED sono in sovrappeso o obese, ma alcune hanno un peso normale. Non è chiaro il motivo per cui si verifica BED. La genetica, la storia della dieta, la storia familiare, lo stress acuto e le preoccupazioni psicologiche possono avere un ruolo.

Non trattato, BED può causare gravi effetti collaterali fisici. Gli effetti fisici sono spesso causati dall’obesità. Questi includono:

  • colesterolo alto
  • ipertensione
  • cardiopatia
  • malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)
  • diabete di tipo 2
  • apnea notturna
  • malattia della cistifellea

BED può anche avere effetti collaterali psicologici. Questi includono:

  • disturbo bipolare
  • depressione
  • disordine dismorfico del corpo
  • ansia

Trigger comuni e come evitarli

I fattori scatenanti dell’alimentazione svolgono un ruolo importante nel LETTO. Questi possono essere emotivi o ambientali.

Trigger emotivi

Il mangiare emotivo è guidato dal bisogno di essere confortato, non dalla fame. Le persone spesso si abbuffano di cibi come il gelato, i cibi fritti o la pizza che le fanno sentire bene, o ricordano loro un’esperienza positiva o un ricordo confortante. I trigger che portano al mangiare emotivo includono:

  • stress e ansia
  • la noia
  • abitudini o traumi infantili
  • mangiare sociale

Se senti il ​​bisogno di mangiare a causa delle tue emozioni, prova a distrarti. Chiama un amico, fai una passeggiata o pratica tecniche di rilassamento. Puoi anche provare a fare una pausa di cinque minuti prima di mangiare per determinare se stai mangiando perché hai fame o per emozioni. Se la colpa è delle emozioni, identifica e accetta quelle emozioni. Questo può aiutarti a trovare altri modi sani per affrontare i tuoi sentimenti.

Trigger ambientali

I fattori scatenanti ambientali sono cose nel tuo ambiente che ti fanno venire voglia di mangiare. Ad esempio, le feste e altri incontri sociali spesso includono il cibo. Puoi mangiare a questi eventi anche se non hai fame. Vedere i cibi può anche innescare il consumo ambientale, come un piatto di caramelle o una scatola di ciambelle nel tuo ufficio. Grandi imballaggi e porzioni possono anche contribuire al consumo ambientale e rendere difficile smettere di mangiare quando sei pieno.

Ci sono molte cose che puoi fare per combattere i trigger ambientali:

  • pianificare i pasti in anticipo
  • quando mangi fuori, rifiuta il cestino del pane e avvolgi metà del tuo pasto
  • conservare cibi pronti, come patatine o biscotti, in luoghi difficili da raggiungere come armadi alti o il seminterrato
  • sostituire il barattolo dei biscotti con una fruttiera
  • conservare cibi sani nella parte anteriore del frigorifero per un accesso più facile
  • trasferire gli alimenti preconfezionati in contenitori a porzioni controllate
  • usa piatti e posate più piccole per tenere sotto controllo le porzioni

Tieni un diario alimentare

Per affrontare i trigger alimentari, devi prima riconoscerli. Tenere un diario alimentare può essere uno strumento prezioso. Annotare:

  • le volte che mangi
  • ciò che si mangia
  • dove mangi
  • perché mangi, ad esempio per nutrirti o perché eri felice, triste, annoiato, ecc.
  • come ti sei sentito prima e dopo aver mangiato

Nel tempo, dovresti vedere evolversi modelli che indicano i tuoi trigger alimentari. Ricorda, il punto non è tenere traccia delle calorie, ma concentrarti sui motivi per cui mangi.

Quando cercare aiuto

Il binge eating è un’alimentazione incontrollata, per definizione. Alcune persone lo tengono sotto controllo senza un aiuto professionale, ma altri no. Chiedi aiuto se le abitudini alimentari influiscono sulla qualità della vita, sulla felicità o sulla concentrazione. È importante ricevere aiuto il prima possibile per prevenire il peggioramento degli effetti fisici o psicologici.

Se hai problemi con le abbuffate, ricorda che non sei solo. Nonostante i sentimenti fuori controllo, non perdere la fiducia che puoi interrompere il ciclo delle abbuffate. Invece, agisci identificando i trigger alimentari e, se necessario, parlando con il tuo medico per elaborare un piano d’azione di trattamento adatto a te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here