Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Disturbo bipolare: una guida alla terapia

Disturbo bipolare: una guida alla terapia

0
5

La terapia può aiutare

Trascorrere del tempo con il tuo terapista può aiutarti a ottenere informazioni sulla tua condizione e personalità e sviluppare soluzioni su come migliorare la tua vita. Sfortunatamente, a volte è difficile inserire tutto durante le tue visite. Puoi terminare una sessione pensando: “Non siamo arrivati ​​a nessuno degli argomenti di cui volevo discutere!”

Ecco alcuni semplici modi per ottenere il massimo dalle tue sessioni di terapia regolari. Ci sono alcuni modi per assicurarti che i problemi che devi affrontare ottengano il tempo di cui hanno bisogno.

La tua prima visita

Durante la tua prima visita, il tuo terapista raccoglierà generalmente informazioni su di te, sulla tua condizione e sull’impatto dei tuoi sintomi sulla tua vita. Più informazioni hai prontamente a disposizione per il tuo terapista, più velocemente potrà iniziare ad aiutarti.

Ecco alcune informazioni che dovresti essere pronto a fornire:

  • dettagli sui tuoi sintomi attuali
  • perché stai cercando una terapia
  • la tua storia medica
  • eventuali farmaci che stai assumendo

Preparati per ogni visita

Dovresti prepararti in anticipo per massimizzare ogni sessione. Lascia abbastanza tempo per arrivare al tuo appuntamento in modo da non avere fretta quando devi essere rilassato. Dovresti anche astenervi da alcol o droghe ricreative. La terapia è un momento per lavorare sui tuoi problemi, non per auto-medicare per superarli.

Inserimento nel diario e monitoraggio

Tenere un diario può aiutarti a recuperare la memoria durante le sessioni di terapia. Registra i tuoi stati d’animo e le attività tra le sessioni. Annota eventuali problemi che potresti aver avuto o eventuali intuizioni personali che potresti aver avuto. Quindi, rivedi le voci del diario prima della sessione o portalo con te nella sessione.

Presentati per condividere

Il motivo per cui vai in terapia è per aiutarti a risolvere i problemi. Ma avrai poco successo se non sarai pronto a condividere i tuoi pensieri e le tue emozioni. Ciò può includere parlare di ricordi dolorosi o imbarazzanti. Potresti dover rivelare parti della tua personalità di cui non sei orgoglioso, ma il tuo terapista non è lì per giudicarti. Discutere le questioni che ti infastidiscono di più può aiutarti a cambiare o imparare ad accettarti.

Essere aperto

L’apertura non è la stessa della condivisione. Apertura significa disponibilità a rispondere alle domande del terapeuta. Significa anche essere aperti alle rivelazioni su te stesso. Questo può aiutarti a capire il modo in cui agisci, come ti senti e come interagisci con gli altri. Essere aperti ti consente di condividere e prendere ciò che ti viene in mente durante la terapia.

Fai i tuoi compiti

Alcuni tipi di terapia richiedono che tu faccia dei compiti a casa. Questi generalmente consistono nel praticare un’abilità o una tecnica tra le sessioni di terapia. Se il tuo terapista ti assegna dei “compiti a casa”, assicurati di farlo. Prendi appunti sull’esperienza e preparati a discuterne nella prossima sessione. Se ritieni che non saresti in grado di completare un particolare compito a casa, parlane con il tuo terapeuta.

Prendi appunti durante la tua visita

Proprio come dovresti prendere appunti al di fuori della terapia, annota qualsiasi osservazione o conclusione a cui arrivi durante la terapia. Ciò ti consentirà di rivedere ciò che hai lavorato quel giorno. Le note possono servire come promemoria dei progressi che stai facendo.

Poni le tue domande

Il tuo terapista probabilmente ti farà molte domande sugli eventi della tua vita passata e presente. Queste domande sono necessarie per avere un quadro preciso delle tue circostanze. Per creare fiducia, la comunicazione dovrebbe funzionare in entrambe le direzioni. In altre parole, fai domande se qualcuno ti viene incontro. È importante che il tuo terapista lavori con te per trovare le risposte alle tue domande.

Mantieni le tue domande focalizzate sui sintomi, su come influenzano il tuo funzionamento quotidiano e su cosa si può fare per alleviarli.

Le domande personali per il tuo terapeuta non sono appropriate. È meglio che il tuo terapista mantenga un confine professionale.

Prenditi del tempo dopo una sessione

A seconda di ciò che hai discusso con il tuo terapista quel giorno, potresti provare alcune intense emozioni che ti attraversano dopo una sessione. Cerca di pianificare un po ‘di tempo libero dopo ogni sessione per darti il ​​tempo di raccogliere con calma i tuoi pensieri e di assorbire ciò che è appena accaduto. Trascorrere un po ‘di tempo a prendere appunti nel diario sulle tue reazioni, o anche sederti da solo con i tuoi pensieri, può essere molto terapeutico.

Rivisita la sessione

Prima della prossima sessione, rivedi gli appunti della sessione precedente. Rivedi ciò di cui hai parlato e inizia a pensare a ciò che vorresti affrontare nella prossima sessione. Le intuizioni acquisite dalle sessioni non dovrebbero essere limitate all’ufficio del terapeuta. Assicurati di pensare ai tuoi progressi durante i giorni prima della prossima sessione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here