Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Disfunzione linfatica (linfedema)

Disfunzione linfatica (linfedema)

0
3

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cos’è la disfunzione linfatica?

La disfunzione linfatica significa che il sistema linfatico funziona male. Il sistema linfatico è costituito da linfonodi e vasi linfatici che drenano i liquidi dai tessuti del corpo.

I fluidi trasportano tossine, cellule immunitarie e prodotti di scarto ai linfonodi. I vasi linfatici aiutano a mantenere l’equilibrio dei liquidi nel corpo restituendo il fluido linfatico filtrato al flusso sanguigno.

Un sistema linfatico mal funzionante fa sì che i tessuti si gonfino di liquido. Questo si chiama linfedema. Di solito provoca gonfiore alle braccia o alle gambe. Anche altre parti del corpo possono essere colpite.

Puoi nascere con un problema linfatico che causa linfedema. Questo è chiamato linfedema ereditario o primario. Può anche derivare da una varietà di condizioni genetiche complesse.

Puoi anche sviluppare linfedema da una complicanza della malattia o da una lesione. Questo è chiamato linfedema secondario. È un effetto collaterale comune del trattamento del cancro.

La disfunzione linfatica è una condizione cronica per la maggior parte delle persone, ma sono disponibili trattamenti per gestirla e trovare sollievo.

Quali sono le cause della disfunzione linfatica?

Esistono diverse cause di disfunzione linfatica ereditaria (primaria) e secondaria.

Linfedema ereditario (primario)

Il linfedema ereditario è anche noto come linfedema primario. È meno comune del linfedema secondario. È più probabile che tu abbia un linfedema ereditario se ce l’ha anche un membro della famiglia.

Un tipo di linfedema ereditario è noto come malattia di Milroy. Può causare la formazione errata delle strutture che compongono il tuo sistema linfatico.

La malattia di Meige è un’altra forma di linfedema anch’essa ritenuta ereditaria. Tuttavia, l’esatto cambiamento genetico non è stato ancora identificato.

Linfedema secondario

Il trattamento per il cancro al seno con una mastectomia è una delle cause più comuni di linfedema secondario.

I chirurghi spesso rimuovono il tessuto linfatico da sotto il braccio quando rimuovono il tessuto mammario canceroso. I liquidi che fuoriescono dal braccio devono passare attraverso l’ascella. Se i linfonodi vengono rimossi da quest’area, possono verificarsi disfunzione linfatica e gonfiore al braccio.

Anche il cancro e la radioterapia possono causare lo sviluppo di linfedema. I tumori e il tessuto cicatriziale da radiazioni e interventi chirurgici possono causare danni e lesioni al sistema linfatico.

Il linfedema può verificarsi anche dopo il trattamento dei tumori della testa e del collo. Può portare a gonfiore del viso, degli occhi, del collo e delle labbra.

Quali sono i segni e i sintomi della disfunzione linfatica?

Il segno principale della disfunzione linfatica è il linfedema. Il linfedema provoca gonfiore alle braccia o alle gambe. Le dita delle mani o dei piedi possono trattenere il liquido e gonfiarsi. Anche i tessuti della testa e del collo possono essere interessati.

Il gonfiore può limitare la tua libertà di movimento. Potresti avvertire pesantezza o un dolore sordo nell’area interessata. Il linfedema può anche portare a:

  • cambiamenti della pelle
  • decolorazione della pelle
  • vesciche
  • fuoriuscita di liquido dalla pelle
  • infezione

Nella testa e nel collo, il linfedema può influire sulla vista e causare dolore all’orecchio e congestione nasale. Può anche causare problemi con:

  • respirazione
  • deglutizione
  • parlando
  • sbavando

Le persone con disfunzione linfatica congenita possono mostrare sintomi nella prima infanzia. Può anche verificarsi con l’inizio della pubertà o in età adulta, anche oltre i 35 anni.

I sintomi del linfedema secondario possono comparire in qualsiasi momento dopo l’intervento chirurgico. La maggior parte dei sintomi apparirà entro alcuni mesi o alcuni anni dopo l’intervento. Tuttavia, può anche essere ritardato in modo significativo.

Quali complicazioni sono associate alla disfunzione linfatica?

Alcune infezioni possono verificarsi insieme a linfedema, come cellulite o linfangite.

La cellulite è un tipo di infezione batterica della pelle. Ciò è correlato ai cambiamenti della pelle che spesso accompagnano il linfedema, consentendo ai batteri di accedere ai tessuti più profondi.

La linfangite può essere dovuta a un’infezione batterica, virale o fungina dei vasi linfatici.

I sintomi dell’infezione includono una macchia rossa striata o macchiata sulla zona interessata. Altri sintomi comuni includono:

  • febbre
  • prurito
  • brividi

Come viene diagnosticata la disfunzione linfatica?

Il medico eseguirà un esame fisico e ti chiederà informazioni sulla tua storia medica.

Il medico può ordinare test di imaging se sospetta una disfunzione linfatica. Un possibile test è un linfangiogramma. È un tipo di raggi X che utilizza il colorante a contrasto per aiutare a mostrare più chiaramente il percorso dei linfonodi e dei vasi linfatici.

Il medico inietterà spesso il colorante in una vena tra le dita dei piedi. Il colorante può anche essere iniettato nella zona inguinale. Le immagini a raggi X possono rivelare anomalie nel sistema di drenaggio linfatico. Una risonanza magnetica può essere utilizzata al posto della radiografia tradizionale.

Come viene classificato il linfedema?

Il linfedema è comunemente classificato in fasi in base alla sua gravità:

  • Fase 0 (latente). Non si vedono cambiamenti visibili, ma potresti notare cambiamenti nella sensazione, spesso con dolore o tensione.
  • Fase 1 (lieve). Il gonfiore nella zona interessata può cambiare durante il giorno. Il tessuto manterrà una rientranza quando lo si preme (edema da vaiolatura). Non ci sono cambiamenti permanenti nella pelle.
  • Fase 2 (moderata). C’è un gonfiore irreversibile in cui i tuoi tessuti sembrano spugnosi al tatto. Si verifica infiammazione e ispessimento della pelle.
  • Fase 3 (grave). C’è una ritenzione di liquidi in corso. L’area interessata si indurisce e diventa molto grande. I cambiamenti della pelle sono permanenti e spesso si verifica una perdita di funzionalità.

Come viene trattata la disfunzione linfatica?

Gli obiettivi del trattamento sono ridurre il gonfiore precocemente e il più possibile e mantenere la gamma di movimento e la funzionalità dell’area interessata.

Cura della casa

La compressione è un trattamento importante per il linfedema. La compressione dell’arto colpito incoraggia i fluidi linfatici a spostarsi verso il busto e fuori dal braccio o dalla gamba in un modello di circolazione più normale.

Avvolgere saldamente il braccio o la gamba con una benda elastica o indossare un indumento compressivo mantiene una pressione continua sulla zona gonfia. Ciò riduce le dimensioni dell’arto, diminuisce lo stress sulla pelle e migliora la mobilità.

Indumenti compressivi

Gli indumenti compressivi sono calze, calze o maniche appositamente progettati che hanno una vestibilità aderente sull’arto gonfio. Il medico potrebbe suggerirti di acquistare indumenti compressivi di un certo grado o livello di compressione. Il grado o il livello dipenderà dalla gravità del gonfiore. Gli indumenti compressivi standard sono disponibili nella maggior parte delle farmacie e delle drogherie.

I livelli di compressione sono misurati in pressioni di mm Hg (millimetri di mercurio). Maggiore è la compressione necessaria, maggiore dovrebbe essere la pressione.

Sebbene non esista uno standard del settore, questi sono alcuni usato comunemente misure:

  • Basso (classe 1): meno di 20 mm Hg
  • Medio (classe 2): tra 20 e 30 mm Hg
  • Alta (classe 3): maggiore di 30 mm Hg

La compressione gradiente è molto spesso consigliata. Può essere integrato in una calza o manica slip-on o realizzato tramite un involucro auto-applicato. La compressione gradiente è progettata in modo che sia più tesa nel punto più lontano del braccio o della gamba e si allenti gradualmente più in alto sull’arto.

Se non sono disponibili indumenti a compressione gradiente incorporati, uno specialista in linfedema può mostrarti come utilizzare strati di avvolgimento per ottenere lo stesso effetto. Un avvolgimento più stretto e più stretto con molte sovrapposizioni inizia nel punto più lontano. Man mano che l’avvolgimento si sposta più in alto sull’arto, vengono eseguiti più larghi, più larghi e meno sovrapposti.

Acquista la compressione calzini, calze, o maniche.

Compressione pneumatica

Un’altra forma di terapia compressiva è chiamata compressione pneumatica. La compressione pneumatica coinvolge giubbotti o maniche che sono programmati per gonfiarsi e sgonfiarsi per stimolare il corretto flusso del fluido linfatico.

Esercizio

L’esercizio fisico può aiutare a gestire la disfunzione linfatica. I tuoi muscoli si contraggono durante l’esercizio. Queste contrazioni esercitano pressione sui vasi linfatici. Questo aiuta il fluido a muoversi attraverso i vasi e riduce il gonfiore.

Gli esperti in linfedema raccomandano una varietà di esercizi per aiutare a gestire la condizione:

  • Una semplice gamma di esercizi di movimento, come piegamenti del ginocchio o rotazioni del polso, sono progettati per mantenere flessibilità e mobilità.
  • Esercizi leggeri e ripetitivi possono anche impedire al fluido di accumularsi tra le braccia o le gambe. Prova a camminare, a fare yoga o a fare aerobica a basso impatto come il nuoto.

Cerca di fare esercizio da 20 a 30 minuti quasi tutti i giorni della settimana. Parla con il tuo medico prima di iniziare un esercizio di routine.

Procedure mediche e chirurgiche

È comune raccomandare una terapia decongestionante completa (CDT) per il trattamento del linfedema. Ciò include diversi componenti, alcuni già menzionati sopra:

  • indumenti compressivi
  • cura della pelle di routine
  • esercizi per gli arti
  • messaggio di drenaggio linfatico

Il massaggio linfodrenante, noto anche come drenaggio linfatico manuale, è un tipo di massoterapia eseguita da un professionista qualificato di linfedema. La manipolazione dei tessuti consente ai fluidi linfatici di drenare più liberamente.

La frequenza con cui è richiesto il drenaggio linfatico manuale dipende dalla gravità, dalla posizione del gonfiore e dalla quantità di movimento dell’area tollerata. Spesso inizia cinque giorni alla settimana per tre-otto settimane, quindi viene eseguita con la frequenza necessaria per mantenere il miglioramento. Puoi anche ricevere una formazione da un professionista per farlo a casa.

Non sottoporsi a drenaggio manuale se si soffre di cellulite o altri tipi di infezioni della pelle o lesioni della pelle.

La Food and Drug Administration statunitense ha approvato la terapia laser di basso livello per il trattamento del linfedema correlato al cancro al seno. Si consiglia di applicare questo trattamento a un fisioterapista o altro professionista sanitario specializzato in linfedema. Studi hanno scoperto che può essere efficace nel ridurre il gonfiore, il dolore e le dimensioni dell’arto.

La liposuzione può essere efficace nei casi di stadi più avanzati di linfedema quando altre opzioni di trattamento non hanno aiutato. Studi hanno scoperto che può ridurre le dimensioni degli arti, migliorare la funzione, il benessere e la qualità della vita. Tuttavia, seguendo la procedura, è ancora necessario utilizzare indumenti compressivi per mantenere il gonfiore.

Il linfedema che si verifica insieme a un’infezione batterica verrà trattato prima con antibiotici. Gli antibiotici possono aiutare a controllare il dolore e il gonfiore. Aiutano anche a prevenire la diffusione dell’infezione.

Qual è la prospettiva a lungo termine per le persone con disfunzione linfatica?

La tua prospettiva dipende dallo stadio, dalla posizione e dalla causa del linfedema, nonché dalla tua salute generale.

Il linfedema è una condizione in corso che richiede cure continue. Nella maggior parte dei casi, affronterai regolarmente un certo livello di gonfiore, ma può essere gestito.

È importante lavorare con un team sanitario di specialisti in linfedema che includono fisioterapisti e specialisti chirurgici e medici. Il modo migliore per affrontare il linfedema è utilizzare una combinazione di trattamenti e tecniche di gestione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here