Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Diagnosi di un disturbo alimentare

Diagnosi di un disturbo alimentare

0
2

Panoramica

Le persone che hanno un disturbo alimentare possono mangiare troppo poco o troppo cibo. Possono anche essere preoccupati della loro forma o del loro peso.

I disturbi alimentari possono colpire chiunque. Ma le donne negli Stati Uniti hanno il doppio delle probabilità dei maschi di contrarre la malattia, secondo la National Eating Disorders Association (NEDA).

Esistono quattro tipi principali di disturbi alimentari:

  • Anoressia nervosa: le persone con questa condizione non mangiano abbastanza. E possono avere un aspetto estremamente sottile.
  • Bulimia nervosa: le persone con questa condizione mangiano troppo e poi si eliminano per evitare di ingrassare. Possono anche abusare di lassativi e pillole dimagranti.
  • Binge eating: le persone con questa condizione mangiano in modo incontrollabile e non si eliminano.
  • Altri disturbi dell’alimentazione o dell’alimentazione specificati (OSFED): questa condizione era originariamente chiamata “disturbi alimentari non altrimenti specificati” (EDNOS).

La causa esatta dei disturbi alimentari è sconosciuta. Ma diversi fattori possono contribuire alla malattia. I disturbi alimentari possono iniziare negli anni dell’adolescenza e del giovane adulto. Sono epoche in cui molte persone si concentrano sulla propria immagine di sé. La malattia può essere eseguita anche nelle famiglie. Alcuni disturbi emotivi, come il disturbo ossessivo-compulsivo e la depressione, aumentano il rischio di un disturbo alimentare.

I disturbi alimentari possono avere complicazioni gravi e pericolose per la vita. Quindi, è importante ottenere aiuto per queste condizioni. Ma prima che un medico possa curare un disturbo alimentare, deve diagnosticare la condizione. Alcune persone potrebbero negare un problema. Ma alcuni sintomi possono mostrare che qualcuno potrebbe avere problemi con il cibo.

I medici utilizzano valutazioni fisiche e psicologiche per diagnosticare i disturbi alimentari. Si assicureranno anche che tu soddisfi i criteri diagnostici per un disturbo alimentare. Questi criteri sono delineati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicato dall’American Psychiatric Association (APA).

Valutazioni fisiche

Esame fisico

Durante un esame fisico, il medico controllerà altezza, peso e segni vitali. Il medico ascolterà anche i polmoni e il cuore, poiché i disturbi alimentari possono causare:

  • pressione sanguigna alta o bassa
  • respiro lento
  • pulsazioni lente

Il medico può esaminare il tuo addome. Possono anche controllare la secchezza della pelle e dei capelli o cercare unghie fragili. E possono chiedere informazioni su altri possibili problemi, come mal di gola o problemi intestinali. Queste possono essere complicazioni della bulimia.

Test di laboratorio

I disturbi alimentari possono danneggiare il corpo e causare problemi agli organi vitali. Quindi, i medici possono eseguire test di laboratorio, tra cui:

  • un esame emocromocitometrico completo
  • test di funzionalità epatica, renale e tiroidea
  • analisi delle urine

Il medico può anche ordinare una radiografia per cercare le ossa rotte, che può essere un segno di perdita ossea da anoressia o bulimia. E un elettrocardiogramma può controllare le irregolarità del tuo cuore. Il medico può anche esaminare i denti per i segni di carie. Questo è un altro sintomo di un disturbo alimentare.

Valutazioni psicologiche

I medici non diagnosticano i disturbi alimentari sulla base di un esame fisico. È richiesta anche una valutazione psicologica da parte di un medico della salute mentale.

Il tuo medico di salute mentale ti farà domande sulle tue abitudini alimentari. L’obiettivo è capire il tuo atteggiamento nei confronti del cibo e del mangiare. Il dottore deve anche avere un’idea di come percepisci il tuo corpo.

Le domande possono essere personali, soprattutto quando si parla di dieta, abbuffate, purghe o abitudini di esercizio estremo. È importante rispondere onestamente in modo che il medico possa fare una diagnosi accurata e consigliare un piano di trattamento.

Revisione dei criteri diagnostici per i disturbi alimentari

Per essere diagnosticato un disturbo alimentare, è necessario soddisfare i criteri per un tipo specifico di disturbo. I sintomi dei disturbi alimentari variano a seconda del tipo di disturbo alimentare. Possono includere:

Anoressia nervosa

  • aspetto sottile
  • insonnia
  • estrema stanchezza
  • vertigini o svenimenti
  • unghie bluastre
  • capelli e unghie fragili
  • stipsi
  • pelle secca
  • ritmo cardiaco irregolare

Bulimia nervosa

  • paura di aumentare di peso
  • uso estremo di integratori per la perdita di peso
  • vomito forzato
  • esercizio estremo
  • usando regolarmente lassativi, diuretici o clisteri

Binge eating

  • mangiare porzioni di cibo insolitamente grandi
  • mangiare fino a sazietà
  • insistenza nel mangiare da soli
  • essere costantemente a dieta ma senza perdere peso
  • depressione e ansia

prospettiva

Negli Stati Uniti, 20 milioni di donne e 10 milioni di uomini hanno disturbi alimentari. Secondo NEDA, a un certo punto della loro vita svilupperanno disturbi che includono anoressia nervosa, bulimia nervosa e disturbo da alimentazione incontrollata.

I disturbi alimentari sono malattie gravi. Possono portare a complicazioni potenzialmente letali come insufficienza d’organo e morte. Ma con una diagnosi tempestiva, puoi ricevere le cure necessarie e vivere una vita lunga e sana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here