Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Demenza e Alzheimer: quali sono le differenze?

Demenza e Alzheimer: quali sono le differenze?

0
4

Demenza vs Alzheimer

La demenza e il morbo di Alzheimer non sono la stessa cosa. Demenza è un termine generale usato per descrivere i sintomi che hanno un impatto sulla memoria, sulle prestazioni delle attività quotidiane e sulle capacità di comunicazione. La malattia di Alzheimer è il tipo più comune di demenza. La malattia di Alzheimer peggiora con il tempo e influenza la memoria, il linguaggio e il pensiero.

Mentre i più giovani possono sviluppare demenza o morbo di Alzheimer, il rischio aumenta con l’età. Tuttavia, nessuno dei due è considerato una parte normale dell’invecchiamento.

Sebbene i sintomi delle due condizioni possano sovrapporsi, distinguerli è importante per la gestione e il trattamento.

Demenza

La demenza è una sindrome, non una malattia. Una sindrome è un gruppo di sintomi che non ha una diagnosi definitiva. La demenza è un gruppo di sintomi che influisce sui compiti cognitivi mentali come la memoria e il ragionamento. Demenza è un termine generico in cui può rientrare la malattia di Alzheimer. Può verificarsi a causa di una varietà di condizioni, la più comune delle quali è il morbo di Alzheimer.

Le persone possono avere più di un tipo di demenza. Questo è noto come demenza mista. Spesso, le persone con demenza mista hanno più condizioni che possono contribuire alla demenza. Una diagnosi di demenza mista può essere confermata solo in un’autopsia.

Con il progredire della demenza, può avere un enorme impatto sulla capacità di funzionare in modo indipendente. È una delle principali cause di disabilità per gli anziani e pone un carico emotivo e finanziario sulle famiglie e sui caregiver.

Il Organizzazione mondiale della Sanità afferma che 47,5 milioni di persone nel mondo convivono con la demenza.

Sintomi di demenza

È facile trascurare i primi sintomi della demenza, che possono essere lievi. Spesso inizia con semplici episodi di dimenticanza. Le persone affette da demenza hanno difficoltà a tenere traccia del tempo e tendono a smarrirsi in contesti familiari.

Con il progredire della demenza, crescono l’oblio e la confusione. Diventa più difficile ricordare nomi e volti. La cura della persona diventa un problema. Segni evidenti di demenza includono domande ripetitive, igiene inadeguata e scarsa capacità decisionale.

Nella fase più avanzata, le persone con demenza diventano incapaci di prendersi cura di se stesse. Faranno ancora di più per tenere traccia del tempo e ricordare persone e luoghi con cui hanno familiarità. Il comportamento continua a cambiare e può trasformarsi in depressione e aggressività.

Cause di demenza

È più probabile che tu sviluppi la demenza con l’avanzare dell’età. Si verifica quando alcune cellule cerebrali sono danneggiate. Molte condizioni possono causare demenza, comprese malattie degenerative come Alzheimer, Parkinson e Huntington. Ciascuna causa di demenza provoca danni a un diverso insieme di cellule cerebrali.

La malattia di Alzheimer è responsabile di circa il 50-70% di tutti i casi di demenza.

Altre cause di demenza includono:

  • infezioni, come l’HIV
  • malattie vascolari
  • colpo
  • depressione
  • consumo cronico di droghe

Il morbo di Alzheimer

La demenza è il termine applicato a un gruppo di sintomi che hanno un impatto negativo sulla memoria, ma l’Alzheimer è una malattia progressiva del cervello che causa lentamente un deterioramento della memoria e delle funzioni cognitive. La causa esatta è sconosciuta e non è disponibile alcuna cura.

Il National Institutes of Health stima che più di 5 milioni di persone negli Stati Uniti abbiano il morbo di Alzheimer. Sebbene i più giovani possano contrarre l’Alzheimer e lo fanno, i sintomi generalmente iniziano dopo i 60 anni.

Il tempo che intercorre tra la diagnosi e la morte può essere di soli tre anni nelle persone di età superiore a 80 anni. Tuttavia, può essere molto più lungo per i giovani.

Gli effetti dell’Alzheimer sul cervello

Il danno al cervello inizia anni prima che compaiano i sintomi. Depositi anomali di proteine ​​formano placche e grovigli nel cervello di qualcuno con malattia di Alzheimer. Le connessioni tra le cellule si perdono e iniziano a morire. Nei casi avanzati, il cervello mostra un restringimento significativo.

È impossibile diagnosticare l’Alzheimer con completa accuratezza mentre una persona è viva. La diagnosi può essere confermata solo quando il cervello viene esaminato al microscopio durante un’autopsia. Tuttavia, gli specialisti sono in grado di effettuare la diagnosi corretta fino al 90 percento delle volte.

Sintomi di Alzheimer vs demenza

I sintomi dell’Alzheimer e della demenza possono sovrapporsi, ma possono esserci alcune differenze.

Entrambe le condizioni possono causare:

  • un calo della capacità di pensare
  • compromissione della memoria
  • compromissione della comunicazione

I sintomi dell’Alzheimer includono:

  • difficoltà a ricordare eventi o conversazioni recenti
  • apatia
  • depressione
  • giudizio alterato
  • disorientamento
  • confusione
  • cambiamenti comportamentali
  • difficoltà a parlare, deglutire o camminare nelle fasi avanzate della malattia

Alcuni tipi di demenza condividono alcuni di questi sintomi, ma includono o escludono altri sintomi che possono aiutare a fare una diagnosi differenziale. La demenza da corpi di Lewy (LBD), ad esempio, ha molti degli stessi sintomi successivi dell’Alzheimer. Tuttavia, le persone affette da LBD hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi iniziali come allucinazioni visive, difficoltà di equilibrio e disturbi del sonno.

Le persone con demenza dovuta al Parkinson o alla malattia di Huntington hanno maggiori probabilità di sperimentare movimenti involontari nelle prime fasi della malattia.

Trattare la demenza contro il trattamento dell’Alzheimer

Il trattamento per la demenza dipenderà dalla causa esatta e dal tipo di demenza, ma molti trattamenti per la demenza e l’Alzheimer si sovrapporranno.

Trattamento di Alzheimer

Non è disponibile alcuna cura per l’Alzheimer, ma le opzioni per aiutare a gestire i sintomi della malattia includono:

  • farmaci per i cambiamenti comportamentali, come gli antipsicotici
  • farmaci per la perdita di memoria, che includono inibitori della colinesterasi donepezil (Aricept) e rivastigmina (Exelon) e memantina (Namenda)
  • rimedi alternativi che mirano a potenziare la funzione cerebrale o la salute generale, come l’olio di cocco o l’olio di pesce

  • farmaci per i cambiamenti del sonno
  • farmaci per la depressione

Trattamento della demenza

In alcuni casi, il trattamento della condizione che causa la demenza può aiutare. Le condizioni che più probabilmente rispondono al trattamento includono la demenza dovuta a:

  • droghe
  • tumori
  • disordini metabolici
  • ipoglicemia

Nella maggior parte dei casi, la demenza non è reversibile. Tuttavia, molte forme sono curabili. Il farmaco giusto può aiutare a gestire la demenza. I trattamenti per la demenza dipenderanno dalla causa.

Ad esempio, i medici spesso trattano la demenza causata dal morbo di Parkinson e dal LBD con inibitori della colinesterasi che spesso usano anche per curare l’Alzheimer.

Il trattamento per la demenza vascolare si concentrerà sulla prevenzione di ulteriori danni ai vasi sanguigni del cervello e sulla prevenzione dell’ictus.

Le persone con demenza possono anche beneficiare di servizi di supporto forniti da assistenti sanitari a domicilio e altri operatori sanitari. Con il progredire della malattia può essere necessaria una struttura di residenza assistita o una casa di cura.

Outlook per le persone con demenza contro le persone con Alzheimer

Le prospettive per le persone con demenza dipendono interamente dalla causa diretta della demenza. Sono disponibili trattamenti per rendere gestibili i sintomi della demenza dovuta al Parkinson, ma attualmente non esiste un modo per fermare o addirittura rallentare la demenza correlata. La demenza vascolare può essere rallentata in alcuni casi, ma accorcia comunque la durata della vita di una persona. Alcuni tipi di demenza sono reversibili, ma la maggior parte dei tipi sono irreversibili e causeranno invece più danni nel tempo.

L’Alzheimer è una malattia terminale e al momento non è disponibile alcuna cura. La durata di ciascuna delle tre fasi varia. La persona media con diagnosi di Alzheimer ha una durata stimata di circa quattro-otto anni dopo la diagnosi, ma alcune persone possono convivere con l’Alzheimer fino a 20 anni.

Parla con il tuo medico se temi di avere i sintomi della demenza o del morbo di Alzheimer. Iniziare tempestivamente il trattamento può aiutarti a gestire i sintomi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here