Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Dall'anti-vaccino al pro-vaccino: com'è fare il passaggio da adulto

Dall'anti-vaccino al pro-vaccino: com'è fare il passaggio da adulto

0
71

Il modo in cui vediamo il mondo modella chi scegliamo di essere – e condividere esperienze convincenti può inquadrare il modo in cui ci trattiamo, in meglio. Questa è una prospettiva potente.

"Sei in attesa di un booster di tosse convulso. Vuoi occuparti di quel colpo in questo momento? ”Mi chiede casualmente il medico durante una routine fisica nel 2018.

Un colpo.

La semplice menzione di ciò è bastata a farmi iniziare a sudare attraverso il mio abito di carta, proprio come nel 2009, quando ho preso la decisione di farmi prendere da tutti i vaccini.

Vedi, sono stato educato a credere che i vaccini fossero pericolosi. Questa mentalità è stata il risultato di mio fratello minore che soffriva di febbre pericolosamente alta e convulsioni poco dopo aver ricevuto il vaccino MMR quando aveva circa un anno. Alla fine avrebbe ricevuto una diagnosi di autismo, epilessia e gravi disabilità dello sviluppo.

"I vaccini sono importanti per te e per quelli che ti circondano", mi dissi, cercando di pensare più a un giornalista razionale della salute che a qualcuno a cui era stato detto dalle persone di cui mi fidavo maggiormente che i vaccini fossero dannosi.

I miei genitori, devastati dalla prognosi che altera la vita del loro giovane figlio, hanno iniziato a cercare risposte.

Alla fine li hanno trovati in uno studio – ora sfatato e molto criticato – che collegava il vaccino MMR all'autismo. Hanno deciso di fare affidamento sull'immunità del gregge per proteggere tutti i loro bambini da malattie prevenibili con il vaccino.

Fortunatamente per me, ha funzionato, anche se altre persone non vaccinate non sono state così fortunate.

Quindi non ho pensato molto alle vaccinazioni fino all'età di 20 anni, quando ho guadagnato una borsa di studio per studiare all'estero in India. Mentre la polio era scomparsa da tempo negli Stati Uniti, questa malattia prevenibile e altre ancora (nel 2009) stavano ancora infettando le persone.

Mi ha allarmato.

Quindi ho iniziato a leggere tutto ciò che potevo trovare sulle vaccinazioni.

La mia ricerca ha concluso che questi vaccini sono sicuri, importanti per la salute e non responsabili delle disabilità di mio fratello. Mentre ero ancora nervoso, ho trascorso i successivi sei mesi a sparare dopo colpo.

Sembra che quei nervosismi sarebbero tornati un decennio più tardi nello studio del mio dottore. Ho esitato per quella che mi è sembrata un'ora, cercando di evocare il coraggio di ottenere quel booster di tosse convulso.

"L'hai già fatto prima. I vaccini sono importanti per te e per quelli che ti circondano ", mi dissi.

Alla fine sono riuscito a convincermi ad andare fino in fondo.

Ma questa esperienza mi ha fatto riflettere: tutti i bambini adulti delle famiglie titubanti del vaccino hanno una paura persistente se e quando ricevono i loro colpi? E in che modo la loro esperienza da bambini influenza le loro esperienze da adulti?

Ho deciso di rintracciarne alcuni con esperienze simili alle mie per saperne di più. Ecco cosa hanno detto:

La paura radicata può stare con te e influenzare gli altri

Esistono molte ricerche eccellenti a supporto del processo decisionale razionale sui vaccini. Ma se sei stato allevato per temere i vaccini, le emozioni che circondano i colpi possono ancora rendere le vaccinazioni un'esperienza spaventosa.

"Nulla è sicuro o efficace al 100% in medicina. C'è sempre un'analisi rischio-beneficio che deve essere fatta, anche con i vaccini ", spiega il dott. Matthew Daley, pediatra e ricercatore senior presso l'Istituto per la ricerca sulla salute del Kaiser Permanente, che ha studiato la sicurezza e l'esitazione dei vaccini.

"Sebbene ciò sembri una decisione piuttosto razionale e analitica, è anche una decisione emotiva: le persone hanno davvero paura delle cose brutte di cui hanno sentito parlare", afferma.

Alice Bailey *, una donna di 27 anni in Arizona, afferma che i suoi genitori credevano che fosse pericoloso "mettere malattie nel tuo bambino". Così hanno optato per i suoi colpi.

"La mia famiglia non era proprio una famiglia di dottori. Non abbiamo fatto controlli annuali e non siamo andati dal dottore a meno che non si trattasse di un'emergenza ", afferma.

Di conseguenza, Bailey ha ricevuto solo un vaccino contro il tetano da bambino.

Ma dopo aver letto di un giovane altrimenti sano che è quasi morto per l'influenza qualche anno fa, Bailey ha deciso che sarebbe stata una buona idea prendere il vaccino antinfluenzale.

“Avevo davvero paura dell'ago e degli effetti collaterali. Ho fatto molte ricerche e ho convinto i miei due cugini a venire con me all'appuntamento – non volevo andare da solo ", spiega.

Ancora nervosa per i vaccini, Bailey spiega che ha persino preso una decisione difficile quando è diventata proprietaria di un animale domestico.

"Ero così nervoso per vaccinare il mio cane", dice Bailey. “L'ho vista come questa piccola fragile bambina. Quando mi hanno detto che aveva bisogno di tutti questi colpi, ho pensato: "Come mai il suo corpicino può gestire tutto questo?"

Dopo averne parlato con il veterinario, Bailey è andata avanti con le vaccinazioni del suo cane – una decisione di cui è orgogliosa.

"È interessante quanto questa radicata paura possa giocare nelle cose, ma sono felice di poter proteggere il mio cane al meglio delle mie capacità", aggiunge.

"Seguirò le istruzioni del medico per vaccinare i miei figli, se ne avrò mai avuto, e ho intenzione di sottopormi all'influenza ogni anno."

Per alcuni, fornisce un senso di empowerment

La paura persistente, tuttavia, non è un'esperienza universale quando i bambini adulti di genitori anti-vax ottengono i loro colpi. I vaccini possono effettivamente fornire ad alcune persone un senso di autorità sui loro corpi.

"Non ho avuto alcuna esitazione, ho detto loro di darmi tutto ciò che mi mancava", afferma Jackson Veigel, un uomo di 32 anni a Los Angeles, riguardo all'ottenere i suoi vaccini scomparsi all'età di 25 anni come requisito per il suo Licenza EMT.

“Mi sentivo un uomo di ferro. Era come, fottiti, tetano.

Per Veigel, le vaccinazioni si sono concluse in uno sforzo maggiore per prendere le distanze dalla comunità del "culto religioso" in cui è cresciuto. I suoi genitori lo avevano escluso da alcuni vaccini, credendo che fossero dannosi.

"Era un po 'una ribellione, ma si trattava più di fare le cose che pensavo fossero giuste", dice. "I vaccini mi hanno dato un senso di potenziamento."

Avery Grey *, un uomo dell'Alabama nei suoi primi 20 anni, ha anche scelto di prendere il controllo della sua salute ottenendo il primo vaccino della sua vita dopo la notizia delle recenti epidemie di morbillo.

La ricerca sul vaccino MMR ha calmato le sue preoccupazioni sui potenziali effetti collaterali che i suoi genitori lo hanno avvertito di crescere. Ma aveva ancora una profonda paura del dolore dell'ago.

"Costruire la fiducia necessaria per farlo è stata la parte più difficile della vaccinazione", afferma Gray. "Questa non è stata la visita di un medico, è stata la medicina preventiva di cui mi sono davvero sentito bene. Sono entusiasta di tornare indietro e prendere tutti i vaccini ora ".

Le relazioni con i familiari possono cambiare

Quando ho deciso di ottenere le mie vaccinazioni, mio ​​padre ha sostenuto la decisione perché sapeva che sarei stato a rischio di determinate malattie durante il viaggio. Tuttavia, i genitori che evitano il vaccino non sono sempre consapevoli dei loro figli adulti e la scelta di vaccinare può alterare permanentemente le relazioni.

"Mio padre e io non abbiamo parlato per un anno dopo che gli ho detto che mi sono vaccinato", afferma Roan Wright, un 23enne della Carolina del Nord.

"Continuo a sentire questa frase" i vaccini causano gli adulti "e mi sento molto sprezzante. Più accusi le persone di aver fatto del male agli altri e di farli sentire come il cattivo quando stanno cercando di prendere la decisione giusta, più respingeranno ".

"Si è trasformato in tutta questa discussione sulla mia autonomia e sul fatto che sia stata anche la mia chiamata a annullare ciò che pensava fosse meglio per me", dice Wright.

L'incontro con il padre fece discutere Wright se avessero preso la decisione giusta.

"Le convinzioni di mio padre sul fatto che i vaccini siano pericolosi sono sicuramente rimaste impresse in me da adulto. Ma dopo essermi imbattuto nel debunking della ricerca (quei miti), mi sono reso conto che i miei genitori provenivano da un luogo di ignoranza quando hanno deciso di non vaccinarmi ”, spiegano. "Quelle informazioni e le seconde opinioni degli amici hanno rafforzato la mia decisione e il diritto che avevo da adulto di proteggere il mio corpo".

Quando Wright e il padre alla fine fecero ammenda, furono sorpresi di sapere delle sue nuove opinioni sui vaccini.

“Durante quel periodo, ha esaminato articoli più approfonditi e le giustificazioni che aveva usato per non vaccinarmi, e ha realizzato che aveva torto. Ha fatto un completo 180. È stato inaspettato, per non dire altro, ”dice Wright.

L'odio anti-vaccino può ancora suscitare emozioni negative

Quando ottieni la maggior parte dei tuoi colpi in età adulta, vedi i vaccini in modo diverso.

Ti rendi conto che mentre le convinzioni errate dei tuoi genitori sono andate contro il consiglio medico, le loro scelte più che probabilmente provenivano da un luogo di profondo amore per i loro figli. E per questo motivo, può essere difficile scorrere i post difficili che demonizzano i socialisti con esitazione da vaccino.

"Fa male quando vedo l'odio anti-vax online", dice Gray.

"Continuo a sentire questa frase" i vaccini causano gli adulti "e mi sento molto sprezzante. Più accusi le persone di ferire gli altri e farli sentire come i cattivi quando stanno cercando di prendere la decisione giusta, più respingeranno ", aggiunge.

Sebbene convinto della sicurezza e dell'importanza dei vaccini, Wright crede che ci sia disinformazione da entrambe le parti, soprattutto quando si tratta di ipotesi su chi siano questi individui che scelgono di non vaccinare i propri figli.

"È un presupposto classista che i genitori di coloro che scelgono di non vaccinare siano ignoranti o stupidi – è solo falso. Quel gergo medico (sui pericoli dei vaccini) è stato presentato come una svolta scientifica all'epoca, e sia le persone istruite che quelle non istruite sono state ingannate ", afferma Wright.

Alla fine, si tratta di dialogo compassionevole ed empatico

In definitiva, si riduce alla necessità di conversazioni compassionevoli che affrontino le paure emotive delle persone che circondano i vaccini. Qualcosa che la maggior parte delle persone con cui ho parlato per questo articolo crede che potrebbe aiutare ad aumentare i tassi di vaccinazione in generale.

"Se ne parlassimo non con tattiche allarmistiche, ma in un modo veramente onesto incentrato sull'istruzione anziché sulla vergogna, avremmo una conversazione molto diversa", afferma Bailey.

* Questi nomi sono stati cambiati su richiesta degli intervistati.


Joni Sweet è una scrittrice freelance specializzata in viaggi, salute e benessere. Il suo lavoro è stato pubblicato da National Geographic, Forbes, Christian Science Monitor, Lonely Planet, Prevention, HealthyWay, Thrillist e molti altri. Resta al passo con lei su Instagram e controlla il suo portfolio.