Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Costipazione durante la chemioterapia: cause e trattamenti

Costipazione durante la chemioterapia: cause e trattamenti

0
4

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Panoramica

Probabilmente sei pronto ad affrontare la nausea durante la chemioterapia, ma può essere difficile anche per il tuo sistema digestivo.

Alcune persone scoprono che i loro movimenti intestinali diventano meno frequenti o più difficili da superare. Ma ci sono semplici strategie che possono aiutarti a prevenire o alleviare la stitichezza.

Perché la chemioterapia porta alla stitichezza?

Ci sono alcuni fattori in gioco quando si tratta di chemioterapia e costipazione. In alcuni casi, la chemioterapia può causare cambiamenti al rivestimento dell’intestino, portando a costipazione. Anche i cambiamenti nelle abitudini alimentari o nel livello di attività possono innescare irregolarità intestinali.

Potresti assumere farmaci per gestire altri effetti collaterali durante la chemioterapia. Questi possono anche lasciarti stitico.

Cosa posso fare per gestire la stitichezza?

In generale, la stitichezza può essere gestita o prevenuta con modifiche alla dieta o alla routine di esercizio.

Ecco alcune cose che puoi provare:

Aumenta l’assunzione di fibre

Si consigliano circa 25-50 grammi di fibre al giorno. Gli alimenti ricchi di fibre includono quelli ricchi di cereali integrali, come alcuni tipi di pane e cereali. Anche frutta, verdura, riso integrale e fagioli sono buone scelte. Noci o popcorn sono snack sani e ricchi di fibre.

UN Studio del 2016 ha esaminato la relazione tra il consumo di patate dolci e la stitichezza in 120 persone con leucemia che erano sottoposte a chemioterapia. I risultati hanno mostrato che le patate dolci erano utili per ridurre e prevenire la stitichezza.

Prodotti in fibra solubile, come Benefiber e Fiber Choice, sono un altro modo per aumentare l’assunzione giornaliera.

Bere molta acqua o succhi di frutta

Bere liquidi aiuta ad aggiungere umidità alle feci, facilitando il passaggio. La maggior parte delle persone ha bisogno di almeno otto bicchieri d’acqua al giorno per mantenersi idratata.

Le bevande calde come il caffè o il tè spesso aiutano con la stitichezza.

Fai esercizio

Muovere il tuo corpo potrebbe anche far muovere le viscere. Fare una passeggiata o fare degli allungamenti leggeri o lo yoga può essere utile per la digestione.

Assicurati solo di ascoltare il tuo corpo e di non esagerare.

Prova emollienti o lassativi per le feci da banco

Ammorbidenti delle feci e i lassativi sono facilmente disponibili nelle farmacie e possono fornire sollievo.

Ma è importante consultare il medico prima di prenderli. Questi farmaci potrebbero non essere raccomandati per quelli con un basso numero di globuli bianchi o piastrine.

Chiedi informazioni su un clistere

Se soffri di stitichezza grave, chiedi al tuo medico di un clistere, una procedura in cui un liquido o un gas viene iniettato nel retto. Un clistere viene generalmente utilizzato dopo che altri cambiamenti nella dieta e nello stile di vita non hanno offerto sollievo.

I clisteri non dovrebbero essere usati se sei in chemioterapia e hai un basso numero di piastrine.

Quando dovrei chiamare il dottore?

Quando si tratta di movimenti intestinali, ognuno ha un regolare o normale diverso. Se mangi di meno, potresti notare una diminuzione dei movimenti intestinali.

Tuttavia, è importante mantenere i movimenti intestinali regolari durante la chemioterapia. Le feci dure e la stitichezza possono portare a sanguinamento se la conta ematica è bassa.

Il National Cancer Institute consiglia di far sapere al tuo medico se non hai avuto un movimento intestinale in due giorni.

prospettiva

La stitichezza potrebbe essere un effetto collaterale del trattamento chemioterapico. Ma è probabile che sarai in grado di prevenirlo o ridurlo apportando alcuni cambiamenti nello stile di vita, come l’aggiunta di determinati alimenti alla tua dieta o un’attività fisica regolare.

Se non riesci a ottenere sollievo con i rimedi casalinghi, il medico può consigliarti altri trattamenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here