Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cos’è l’acido sorbico?

Cos’è l’acido sorbico?

0
14

L’acido sorbico è un composto presente in natura che è diventato il conservante alimentare più comunemente usato al mondo e rende possibile la catena alimentare globale. È molto efficace nell’inibire la crescita di muffe, che possono rovinare il cibo e diffondere malattie mortali. Ad esempio, quando l’acido sorbico viene spruzzato all’esterno di un prosciutto di campagna, non ci sarà alcuna formazione di muffa per 30 giorni. Ciò consente di spedire e conservare il cibo in tutto il mondo.

L’acido sorbico è un conservante preferito rispetto ai nitrati, che possono formare sottoprodotti cancerogeni. Viene applicato al cibo spruzzando o immergendo il cibo con una soluzione di acido sorbico e acqua.

Come conservante alimentare

L’acido sorbico si trova più comunemente negli alimenti, nei mangimi per animali, nei farmaci e nei cosmetici.

Quando si tratta di alimenti per l’uomo, l’acido sorbico è più comunemente usato in:

  • vini
  • formaggi
  • prodotti da forno
  • prodotti freschi
  • carne e crostacei refrigerati

L’acido sorbico viene utilizzato per conservare le carni grazie alle sue naturali capacità antibiotiche. In effetti, il suo primo utilizzo fu contro una delle tossine più mortali conosciute dall’umanità, i batteri Clostridium botulinum, che può causare botulismo. Il suo utilizzo ha salvato innumerevoli vite prevenendo la crescita batterica e consentendo al tempo stesso di trasportare e conservare le carni in modo sicuro.

A causa delle sue proprietà antifungine, l’acido sorbico viene utilizzato anche in prodotti in scatola, tra cui sottaceti, prugne, ciliegie al maraschino, fichi e insalate preparate.

È sicuro?

La Food and Drug Administration statunitense ritiene che l’acido sorbico sia sicuro per l’uso regolare, poiché non è collegato al cancro o ad altri importanti problemi di salute. Alcune persone possono essere allergiche all’acido sorbico, ma le reazioni sono generalmente lievi e consistono in un leggero prurito cutaneo.

Sebbene rara, può verificarsi dermatite allergica da contatto, ma, ironia della sorte, le creme corticosteroidi da banco che contengono acido sorbico sono spesso il colpevole. Le persone con eczema dovrebbero evitare l’acido sorbico nei cosmetici a causa della possibile irritazione, ma evitarlo negli alimenti non è necessario.

Se la tua pelle reagisce male all’acido sorbico, puoi trattarla risciacquando la zona interessata con acqua e applicando una crema antipruriginosa. Se ti sta causando problemi internamente, bere otto once di acqua in genere riduce i sintomi.

Sebbene estremamente rare, possono verificarsi reazioni tossiche all’acido sorbico quando lo si maneggia nella sua forma pura e non diluita. In questi casi, la rete di dati sulla tossicologia della National Library of Medicine consiglia di lavare la pelle e i vestiti. Se inalato, si raccomanda di portare la persona all’aria aperta. Sebbene estremamente raro, potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale in caso di anafilassi. Questa è una grave reazione allergica che può causare shock, pallore, eruzione cutanea e nausea e vomito.

Il Takeaway

L’acido sorbico si è rivelato vitale per la nostra capacità di immagazzinare il cibo e trasportarlo su lunghe distanze. Le allergie sono rare e generalmente molto lievi, ma l’esposizione all’acido sorbico non diluito potrebbe comportare alcuni rischi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here