Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa significa essere bisognosi?

Cosa significa essere bisognosi?

0
6

immagine ritagliata di due persone sedute vicine, tenendosi per mano
Javier Pardina / Stocksy United

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Non sai se vuoi essere o osso il nuovo barista nel tuo bar di riferimento? Improvvisamente ti senti * incuriosito * dalle star bisessuali sui tuoi feed social? Recentemente google “sono bi-curioso”?

Se è così, è possibile che tu sia bi-curioso!

Continua a leggere per capire meglio cosa significa bi-curioso. Inoltre, scopri in che modo la bisessualità è simile e diversa dalla bisessualità.

Cosa significa?

“Bi-curioso è un’etichetta che suggerisce che una persona sta esplorando di recente se è bisessuale o meno”, spiega Gabrielle Alexa Noel, sostenitrice del bisessuale, fondatrice del Bi Girls Club e autrice del libro di prossima uscita, How to Live With the Internet e non lasciare che ti rovini la vita.

Come promemoria, la bisessualità è più comunemente definita come una delle seguenti:

  1. Il potenziale per essere attratto da persone con generi simili al tuo e dissimili dal tuo.
  2. L’attrazione per le persone di due o più sessi.

L’attivista bisessuale Robyn Ochs, editore dell’antologia Getting Bi: Voices of Bisexuals Around the World, aggiunge: “Bi-curioso implica che una persona sta attualmente facendo domande sulla propria sessualità ma non ha ancora le risposte”.

In quanto tale, il bi-curioso è tipicamente visto come un’identità temporanea, dice.

Quindi questa è la “Q” in LGBTQ +?

La Q in LGBTQ + può stare per “interrogatorio” o “queer” – e talvolta entrambe le cose.

Qualcuno che sta interrogando è qualcuno che sta attualmente esplorando la propria sessualità, e quindi le persone che stanno esplorando se sono bisessuali (AKA bi-curiose) possono rientrare in quella categoria.

E il queer? La risposta è un po ‘più complicata.

Quando si tratta di termini di sessualità, generalmente c’è una definizione che maggior parte persone che si identificano con il termine uso. Ma la definizione esatta dei diversi termini di sessualità può variare in base a chi sta facendo la definizione.

Così, alcuni le persone che si identificano come bi-curiose possono usare una definizione simile per bi-curioso come la definizione di queer e viceversa.

Ma bi-curioso e queer in genere * non * sono sinonimi.

In generale, queer è definito come non La norma. Senso: non cisgender, non eterosessuale, o non allosessuale.

Ma molto più che un’identità di genere o sessualità, per la maggior parte delle persone queer, queer è anche un’identità politica.

Bi-curioso differisce da “queer” in due modi principali:

  1. Bi-curioso è solo un identificatore della sessualità. Non può essere utilizzato come identificatore di sesso.
  2. Il bi-curioso non è intrinsecamente politico.

Da dove ha avuto origine questo termine?

Il primo uso documentato del bi-curioso è stato da qualche parte tra il 1984 e il 1994, a seconda della fonte. Esatto anno a parte, il termine ha debuttato quando la bisessualità stava guadagnando visibilità negli Stati Uniti.

(Per riferimento: il 1990 è stato quando la prima organizzazione bisessuale nazionale si è coalizzata.)

Chi può essere bi-curioso?

In genere, quando le persone parlano di bi-curiosità, parlano di persone che sono (o erano) eterosessuali che ora stanno esplorando l’attrazione per persone con generi simili al loro, dice Ochs.

Ma non commettere errori: “Le persone che sono (o lo erano in precedenza) gay o lesbiche possono essere anche bi-curiose”, dice. “E lo stesso vale per qualsiasi altra identità sessuale.”

In breve: chiunque può essere bi-curioso.

Non è la stessa cosa che essere bisessuali?

Di nuovo: i termini di sessualità variano a seconda di chi li definisce.

E alcune persone pensano che la bisessualità dovrebbe essere definita in modo abbastanza ampio da consentire alle persone che stanno attualmente esplorando la loro (bis) sessualità di abitarla.

Ma in generale, la differenza tra bisessualità e bisessualità è che una è un’identità meno stabile (bisessuale) e l’altra è un’identità più stabile (bisessuale).

La bisessualità, dice Ochs, è tipicamente usata da una persona che è certa di avere il potenziale per essere attratta da persone con generi simili al proprio e dissimili dal proprio.

“La bi-curiosità, d’altra parte, implica un’incertezza”, dice.

Perché questa distinzione è così controversa per alcuni?

Purtroppo, osserva Noel, “c’è molto stigma attorno alla bi-curiosità”.

Perché? “Alcune persone credono che quando le donne cis e (in precedenza?) Eterosessuali si identificano come bisessuali, lo fanno per placare lo sguardo maschile”, spiega. In altre parole: lo stanno facendo per essere caldo.

Avviso spoiler: le persone cis e (in precedenza?) Eterosessuali di qualsiasi genere possono essere sinceramente interessate ad esplorare i diversi generi da cui sono attratte!

“C’è anche il timore nella comunità LGBTQ + che le persone bi-curiose siano estranei che si infiltreranno negli spazi queer, si intrometteranno con i suoi membri e poi se ne andranno”, spiega Ochs.

In altre parole, c’è il timore che le persone bi-curiose danneggino i membri più affermati della comunità LGBTQ + uscendo con loro in modo a metà.

Questa paura ignora totalmente il fatto che le persone LGBTQ + hanno l’agenzia per prendere decisioni informate su chi frequentano o no.

In definitiva, le preoccupazioni sul termine bi-curiosità di solito sono solo bifobia in un altro costume.

Comunque ti identifichi è valido. E il disagio di qualcun altro con la tua sessualità o l’etichetta di sessualità che usi per te stesso non rende la tua identità meno valida.

Perché qualcuno potrebbe scegliere di utilizzare un termine rispetto all’altro?

“Le etichette sono progettate per aiutarci a dare un nome alla nostra esperienza vissuta e alla nostra identità”, spiega Noel.

Quindi qualcuno potrebbe scegliere un’etichetta piuttosto che un’altra perché sente che parla meglio della propria identità.

Come fai a sapere se questo è il termine giusto per te?

Non ci sono quiz Buzzfeed che puoi sostenere o analisi del sangue che puoi ottenere per imparare la tua sessualità.

“Ti è permesso scegliere qualunque parola ti senta meglio”, dice l’attivista bisessuale Shiri Eisner, autore di Bi: Notes for a Revolution.

“Il ‘bi-curioso’ ti dà un senso di conforto? Un senso di avventura? È divertente pensarci? ti rende felice? Ti fa sentire bene con te stesso? ” lei chiede.

Se hai risposto sì a una di queste domande, potrebbe essere il termine giusto per te!

Che aspetto ha in pratica la bi-curiosità?

Bi-curioso implica che qualcuno esplori attivamente la propria (bis) sessualità, il che può essere fatto in un’ampia varietà di modi.

1. Ottieni lo scorrimento

Attuale struttura della relazione e stato permettendo, crea un profilo di incontri online e imposta le tue preferenze su due o più opzioni di genere.

Sii interessato a chi ti senti attratto da cui scorrere verso destra.

2. Effettivamente vai su IRL o URL date con persone di una varietà di generi

L’esperienza non è un prerequisito per la bisessualità, dice Noel. “Non hai assolutamente bisogno di uscire con o fare sesso con due o più sessi per sapere che sei bisessuale”, dice.

Detto questo, andare ad appuntamenti può essere utile per qualcuno che si sta chiedendo se sono bisessuali.

Dopotutto, è molto probabile che tu sia esteticamente attratto da un particolare genere su un’app di appuntamenti, ma in realtà non sei interessato a uscire con loro o ad andare d’accordo con loro. Una serie di date potrebbe rivelare proprio questo.

3. Noodle sul consumo dei media

Pensa ai programmi TV e ai film che guardi, ai libri che leggi o ai podcast che ti piacciono.

Quindi, pensa alle persone / attori / personaggi in quei mezzi a cui ti senti più connesso.

Sono bisessuali? Queer? Sono sessualmente ambigui? Hanno tensione sessuale con qualcuno di un genere simile?

Se è così, spendi un po ‘di energia cerebrale per pensarci.

4. Entra in contatto con la comunità LGBTQ +, in particolare coloro che sono “B”

“Per alcuni, connettersi alla comunità bisessuale gioca un ruolo enorme nel sentirsi a proprio agio nell’identificarsi come bisessuali”, dice Noel.

Ecco perché consiglia di seguire, interagire e avere conversazioni con persone bisessuali.

E se ti identifichi maggiormente con il termine bisessuale o anche con un’altra etichetta?

Congratulazioni per aver trovato un’etichetta adatta!

La tua sessualità può evolversi e i termini che usi per la tua sessualità possono cambiare.

Identificarsi con un identificatore diverso ora non significa che hai mentito quando sei stato identificato come bi-curioso, che non sei mai stato veramente bi-curioso o che lo stavi solo usando come scudo.

Dove puoi saperne di più?

“Se vieni da un background eterosessuale e sei interessato ad esplorare l’attrazione di genere simile, consiglio di saperne di più sulla cultura LGBTQ + in generale e sulla bisessualità in particolare”, afferma Ochs.

Buone risorse per questo includono:

  • We Are Everywhere: Protest, Power, and Pride in the History of Queer Liberation di Matthew Riemer e Leighton Brown
  • @lesbianherstoryarchives, @h_e_r_s_t_o_r_y, @queerappalachia, @LGBThistory e @blacklesbianarchives su Instagram
  • Getting Bi: Voices of Bisexuals Around the World a cura di Robyn Ochs e Sarah Rowley
  • Bi: Notes for a Bisexual Revolution di Shiri Eisner

Se hai già fatto parte della comunità LGBTQ +, nel senso che in precedenza ti sei identificato come lesbica, gay, pansessuale o queer, Ochs consiglia di dedicare un po ‘di tempo a comprendere meglio il ruolo che i bisessuali hanno svolto anche nel movimento per i diritti LGBTQ + come bifobia all’interno della comunità LGBTQ +.

Per questo, controlla:

  • Bisessualità e sfida alla politica lesbica: sesso, lealtà e rivoluzione (The Cutting Edge: Lesbian Life and Literature Series) di Paula C.Rust
  • La donna bisessuale e la “minaccia” per lo spazio lesbico: o se tutte le lesbiche se ne andassero? di Sharon Dale Stone

  • Bi, Butch e Bar Dyke: interpreti pedagogici di classe, genere e sessualità di Michelle Gibson, Martha Marinara e Deborah Meem


Gabrielle Kassel è una scrittrice di sesso e benessere con sede a New York e CrossFit Level 1 Trainer. È diventata una persona mattiniera, ha testato oltre 200 vibratori e mangiata, ubriaca e spazzolata con carbone, tutto in nome del giornalismo. Nel tempo libero, la si può trovare a leggere libri di auto-aiuto e romanzi rosa, panca o pole dance. Seguila su Instagram.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here