Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa sapere sulla terapia per gli amici

Cosa sapere sulla terapia per gli amici

0
4

Tradizionalmente, la terapia relazionale si concentra su:

  • matrimoni
  • famiglie
  • coppie

Ma per molte persone, le amicizie sono le relazioni più durature e soddisfacenti che hanno.

Cosa dovresti fare quando un’amicizia che è stata parte del fondamento della tua vita è improvvisamente traballante? Potresti prendere in considerazione l’idea di andare in terapia con un amico.

Perché la terapia per gli amici è utile

La terapia individuale e familiare può aiutare:

  • promuovere la guarigione
  • risolvere i conflitti
  • migliorare le capacità di comunicazione
  • raggiungere obiettivi di crescita

Allo stesso modo, lavorare con un terapista qualificato può offrire anche ai tuoi amici importanti vantaggi:

Può impedire l’indebolimento del rapporto

Le amicizie, come tutte le connessioni, richiedono manutenzione per prosperare. UN piccolo studio del 2015 ha scoperto che nel tempo le amicizie tendono naturalmente a indebolirsi a meno che le persone non parlino regolarmente tra loro e trascorrano del tempo facendo attività insieme.

Pranzare o giocare a golf può essere sufficiente per ripristinare la vicinanza tra te e un amico, ma se i sentimenti feriti o l’incuria fanno parte della preoccupazione, lavorare con un terapeuta potrebbe giovare a una relazione.

Sviluppa una migliore comprensione dei bisogni reciproci

La terapia offre a entrambi i partecipanti la possibilità di esprimere le proprie esigenze e di essere ascoltati. Un terapista qualificato può creare uno spazio che si senta sicuro e di supporto, in modo che le persone possano condividere i loro sentimenti e chiedere ciò di cui hanno bisogno per il futuro.

Sviluppa migliori capacità di ascolto

Le sessioni di terapia non sono tutte sole e arcobaleni. A volte, un amico può dire qualcosa che non è facile da sentire.

La terapia crea opportunità per ascoltare attivamente il tuo amico con genuino interesse ed empatia, trattenendo il giudizio o le critiche.

Le tue capacità di ascolto potrebbero estendersi per migliorare le tue relazioni con le persone nella tua cerchia.

Facilita la connessione e la vicinanza

Uno studio del 2013 ha rilevato che la divulgazione – parlare di esperienze di vita e condividere informazioni intime – crea amicizie più strette e piacevoli.

Se la tua amicizia è diventata più distante di quanto vorresti che fosse, praticare la divulgazione nello spazio protetto dell’ufficio di un terapista può ripristinare un po ‘della vicinanza che ti è piaciuto in precedenza nella tua amicizia.

Crea spazio per affrontare le preoccupazioni

Potresti essere preoccupato per qualcosa che sta succedendo nella vita del tuo amico come:

  • una relazione tossica o violenta
  • uso di sostanze
  • un problema di salute mentale

In questo caso, andare a una sessione di terapia insieme può consentirti di condividere le tue preoccupazioni e ascoltare il punto di vista del tuo amico su ciò che sta accadendo.

Tuttavia, è importante essere sicuri che il tuo amico non si senta vittima di un’imboscata durante una sessione di terapia.

È una buona idea parlare insieme dello scopo della terapia prima dell’appuntamento, così puoi essere certo che il tuo amico si senta al sicuro e amato, non legato.

Cosa può affrontare

Anche le amicizie stabili colpiscono momenti difficili. Quando un’amicizia è importante per te, affrontare i conflitti e adattarti alle mutevoli circostanze della vita può fare la differenza tra mantenere e perdere un’amicizia preziosa.

Conflitto irrisolto

Se la tua amicizia è iniziata al lavoro oa scuola, è possibile che di tanto in tanto possano sorgere conflitti in quei contesti.

Invece di lasciarli marcire, tu e il tuo amico potreste trarre vantaggio dal discutere l’accaduto con un ascoltatore imparziale che può aiutarti a risolvere il tuo conflitto e ripristinare la pace tra di voi.

concorrenza

Non è insolito che un senso di competizione invada un’amicizia. I ricercatori comportamentali hanno scoperto che la concorrenza può danneggiare le amicizie e altre alleanze significative.

Come fai a riparare quel danno? UN Studio 2018 sulle relazioni con animali non umani ha mostrato che semplicemente sedersi l’uno accanto all’altro aiuta. La terapia può aiutare una persona a esplorare ciò che è alla base della competitività e ad affrontare questi problemi.

Interazioni malsane

Essere amici non significa che la tua relazione sia sana. A volte, le interazioni malsane possono insinuarsi, lasciandoti più solo e più ansioso di quanto non lo sia nelle altre tue relazioni.

Esempi di queste interazioni possono includere:

  • codipendenza
  • tossicità
  • unilateralità

Anche se a volte è necessario abbandonare tali relazioni per riguadagnare la fiducia in se stessi, se il tuo amico è disposto ad affrontare lo squilibrio nella tua relazione, la terapia potrebbe fare una grande differenza.

Distanza

Le persone si diplomano, ricevono trasferimenti di lavoro o nuove distribuzioni, o semplicemente sono troppo occupate per rimanere in contatto come facevano una volta.

Se senti un crescente senso di distanza tra te e un amico, potrebbe essere una conseguenza naturale dei cambiamenti geografici o potrebbe essere una preoccupazione che filtra.

Un terapista può aiutarti a creare un piano per mantenere la vicinanza attraverso i chilometri.

La vita cambia

Le persone non sempre si sposano, hanno figli o avviano attività in sincronia con i loro amici. Se la tua relazione con un caro amico è stata tesa perché sei in diverse fasi della vita, non sei solo.

UN Studio del 2015 sull’amicizia ha osservato che quando le persone invecchiano, gli obblighi familiari e di lavoro spesso limitano la quantità di tempo ed energia che devono dedicare alle loro amicizie.

Quando il tempo è prezioso, passarne una parte in terapia con un amico è un modo potente per dimostrare che l’amicizia è importante per te.

Preoccupazioni del coniuge e del partner

Se la tua dolce metà non ama il tuo amico, può rendere le cose difficili tra di voi, proprio come può essere complicato quando al tuo amico non piace il tuo coniuge. Navigare tra questi problemi non è facile.

Quando coniugi e amici non vanno d’accordo, un terapista potrebbe essere in grado di aiutarti:

  • stabilire i confini
  • esprimere ansie o un senso di perdita
  • trovare nuovi modi per sostenersi a vicenda

Differenti visioni sociali e politiche

Negli ultimi anni le amicizie sono andate in fiamme per le differenze ideologiche. In un clima teso, un terapista neutrale potrebbe essere in grado di aiutare te e qualcuno che ami:

  • risolvi le tue differenze
  • imparare a parlare di argomenti controversi con rispetto
  • capire i punti di vista degli altri
  • trovare modi per amarsi e sostenersi a vicenda

Come potrebbe funzionare

Dopo aver parlato con ognuno di voi della storia della relazione e delle vostre storie personali se stanno influenzando la vostra amicizia, un terapeuta può:

  • chiederti di parlare di ciò che desideri dalla terapia
  • scopri come tu e il tuo amico avete gestito i conflitti in passato
  • darti l’opportunità di condividere quello che pensi possa essere il problema attuale tra di voi
  • aiutarti a identificare eventuali convinzioni, schemi di pensiero o abitudini di comunicazione che potrebbero causare problemi nella tua relazione
  • dotarti di capacità di comunicazione che meglio soddisfano le tue esigenze
  • ti offrono la possibilità di interpretare strategie di risoluzione dei conflitti
  • collaborare con voi per sviluppare un piano per la gestione dei conflitti futuri

Come trovare un consulente

Trovare un terapista efficace di cui tu e il tuo amico vi fidate potrebbe richiedere del tempo.

Potresti trovare utile lavorare con qualcuno che ha ricevuto una formazione in consulenza matrimoniale e familiare, poiché la costruzione di relazioni è al centro di questa specialità.

Un’altra opzione utile può essere un terapeuta specializzato nella risoluzione dei conflitti relazionali.

Se tu e il tuo amico vivete in regioni diverse, uno psicologo virtuale (o un terapista esperto in sessioni online) potrebbe essere l’unica soluzione pratica.

Ecco alcune domande da porre mentre consideri le tue scelte:

  • Costo. Il tuo piano assicurativo potrebbe non coprire la terapia con un amico, quindi probabilmente pagherai di tasca tua per le tue sessioni. Assicurati di comprendere la struttura tariffaria del tuo terapista e i metodi di pagamento disponibili prima di impegnarti. È anche una buona idea decidere con il tuo amico come condividere i costi.
  • Posizione. Se non ti stai incontrando in una sessione online, probabilmente dovrai trovare un terapista la cui posizione in ufficio funzioni per entrambi.
  • Licenza. Indipendentemente dal tipo di terapia che stai perseguendo, è importante verificare che il tuo terapista sia autorizzato nello stato in cui vivi.
  • Formazione. Poiché la terapia dell’amicizia non è comune quanto la consulenza matrimoniale o familiare, potresti voler scoprire se il tuo terapeuta ha esperienza nel lavoro con colleghi, amici o colleghi.

Nelle prime sessioni, presta attenzione ai tuoi pensieri e sentimenti mentre parli con il tuo terapeuta. Porsi domande come:

  • Ti senti a tuo agio in ufficio?
  • Il tuo terapista ascolta bene senza interrompere?
  • Come si sente il tuo amico a lavorare con questo terapista?

Ogni terapista ha un particolare stile di comunicazione e approccio terapeutico. È importante considerare cosa funziona per te.

Concediti il ​​permesso di cambiare terapeuta se tu e il tuo amico ritenete che sia necessario. Non hai bisogno di una ragione: è sufficiente che ti senta fortemente al riguardo.

Come parlare con il tuo amico

Quanto sia facile affrontare questo argomento dipenderà interamente da te e dal tuo amico. Se entrambi avete familiarità con la terapia, l’idea potrebbe sembrare una soluzione naturale e confortevole.

Se tu o il tuo amico non avete mai lavorato con un terapista prima, l’idea potrebbe sembrare strana o addirittura minacciosa.

Può essere utile tenere a mente questi suggerimenti:

  • Scegli attentamente il tuo tempismo. Iniziare la terapia quando hai fretta, quando sono presenti altre persone o quando un conflitto è in pieno vigore potrebbe non darti la risposta che desideri. Idealmente, cercheresti un momento in cui sei sia riposato che relativamente calmo, o anche quando la tua conversazione si rivolge naturalmente all’argomento della tua relazione.
  • Sottolinea l’importanza della tua amicizia. Un modo per iniziare la conversazione è parlare di quanto la relazione significhi per te. Se il tuo amico può vedere che stai suggerendo una terapia come mezzo per preservare o migliorare un’amicizia preziosa, l’idea potrebbe prendere piede.
  • Assicurati che sia chiaro che non stai incolpando il tuo amico. Poche persone vorrebbero sedersi in una sessione di terapia in cui si sentono mirate. Se puoi inquadrare la terapia come un’opportunità per entrambi di apprendere nuove abilità che miglioreranno la tua collaborazione o renderanno il rapporto più forte, potresti ottenere più buy-in.
  • Evita gli ultimatum. Se presenti la terapia come un’opzione o un invito piuttosto che un imperativo, è probabile che il tuo amico risponda in modo più positivo. A nessuno piace essere costretto ad accettare un ultimatum.

La linea di fondo

Le amicizie, come altre relazioni significative, possono incontrare problemi di tanto in tanto. Conflitto, distanza e schemi malsani possono mettere a repentaglio le amicizie che altrimenti potrebbero essere una fonte di supporto potente e duratura.

Se un’amicizia è diventata problematica, potresti trovare utile sederti con un terapista imparziale per aiutarti a soddisfare meglio i bisogni reciproci:

  • identificare le aree problematiche
  • apprendere nuovi metodi di comunicazione
  • capacità di costruzione

Quando sollevi la questione con il tuo amico, sii sensibile al tempo e al luogo e assicurati di presentare l’opzione della terapia in una luce positiva. Puoi anche cercare un terapista insieme, se lo desideri.

Le tue amicizie contano. Va bene spendere tempo, denaro ed energia per assicurarsi che rimangano in buona salute. La terapia è un modo efficace per dare alle tue amicizie l’attenzione che meritano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here