Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa sapere sulla microcefalia

Cosa sapere sulla microcefalia

0
3

Panoramica

Il tuo medico può misurare la crescita del tuo bambino in diversi modi. Ad esempio, il medico controllerà l’altezza o la lunghezza del bambino e il suo peso per sapere se sta crescendo normalmente.

Un’altra misura della crescita del bambino è la circonferenza della testa o la dimensione della testa del tuo bambino. È importante perché può indicare quanto bene sta crescendo il loro cervello.

Se il cervello del tuo bambino non cresce correttamente, potrebbe avere una condizione nota come microcefalia.

La microcefalia è una condizione in cui la testa del tuo bambino è più piccola di quella di altri bambini della stessa età e sesso. Questa condizione può essere presente quando nasce il tuo bambino.

Può anche svilupparsi nei primi 2 anni di vita. Non ha cura. Tuttavia, la diagnosi precoce e il trattamento possono migliorare le prospettive di tuo figlio.

Cosa causa la microcefalia?

Il più delle volte, lo sviluppo anormale del cervello causa questa condizione.

Lo sviluppo anomalo del cervello può verificarsi mentre il bambino è ancora nel grembo materno o durante l’infanzia. Spesso, la causa dello sviluppo anormale del cervello è sconosciuta. Alcune condizioni genetiche possono causare microcefalia.

Condizioni genetiche

Le condizioni genetiche che possono causare microcefalia includono:

Sindrome di Cornelia de Lange

La sindrome di Cornelia de Lange rallenta la crescita del tuo bambino all’interno e all’esterno dell’utero. Le caratteristiche comuni di questa sindrome includono:

  • problemi intellettuali
  • anomalie del braccio e della mano
  • caratteristiche facciali distinte

Ad esempio, i bambini con questa condizione spesso hanno:

  • sopracciglia che crescono insieme al centro
  • orecchie basse
  • un piccolo naso e denti

Sindrome di Down

La sindrome di Down è anche nota come trisomia 21. I bambini con trisomia 21 hanno tipicamente:

  • ritardi cognitivi
  • disabilità intellettiva da lieve a moderata
  • muscoli deboli
  • caratteristiche facciali distintive, come occhi a mandorla, viso tondo e piccoli tratti

Sindrome di Cri-du-chat

I bambini con la sindrome del cri-du-chat, o sindrome del pianto del gatto, hanno un pianto acuto e distinto, come quello di un gatto. Le caratteristiche comuni di questa sindrome rara includono:

  • disabilità intellettuale
  • basso peso alla nascita
  • muscoli deboli
  • alcune caratteristiche del viso, come occhi spalancati, mascella piccola e orecchie basse

Sindrome di Rubinstein-Taybi

I bambini con sindrome di Rubenstein-Taybi sono più corti del normale. Loro hanno anche:

  • grandi pollici e dita dei piedi
  • tratti distintivi del viso
  • disabilità intellettuali

Le persone con la forma grave di questa condizione spesso non sopravvivono all’infanzia passata.

Sindrome di Seckel

La sindrome di Seckel è una condizione rara che causa ritardi nella crescita dentro e fuori dall’utero. Le caratteristiche comuni includono:

  • disabilità intellettuale
  • alcune caratteristiche facciali, tra cui un viso stretto, naso a becco e mascella inclinata.

Sindrome di Smith-Lemli-Opitz

I bambini con sindrome di Smith-Lemli-Opitz hanno:

  • disabilità intellettuali
  • disabilità comportamentali che rispecchiano l’autismo

I primi segni di questo disturbo includono:

  • difficoltà di alimentazione
  • crescita lenta
  • secondo e terzo dito combinato

Trisomia 18

La trisomia 18 è anche nota come sindrome di Edward. Può causare:

  • crescita lenta nell’utero
  • basso peso alla nascita
  • difetti d’organo
  • una testa di forma irregolare

I bambini con trisomia 18 di solito non sopravvivono oltre il primo mese di vita.

Esposizione a virus, droghe o tossine

La microcefalia può anche verificarsi quando tuo figlio è esposto a determinati virus, farmaci o tossine nell’utero. Ad esempio, l’uso di alcol o droghe durante la gravidanza può causare microcefalia nei bambini.

Le seguenti sono altre potenziali cause di microcefalia:

Virus Zika

Le zanzare infette trasmettono il virus Zika all’uomo. L’infezione di solito non è molto grave. Tuttavia, se sviluppi la malattia da virus Zika durante la gravidanza, puoi trasmetterla al tuo bambino.

Il virus Zika può causare microcefalia e molti altri gravi difetti alla nascita. Questi includono:

  • difetti della vista e dell’udito
  • crescita ridotta

Avvelenamento da metilmercurio

Alcune persone usano il metilmercurio per preservare il chicco di semi con cui nutrono gli animali. Può anche formarsi in acqua, portando a pesci contaminati.

L’avvelenamento si verifica quando si mangiano frutti di mare contaminati o carne di un animale che è stato nutrito con semi di cereali contenenti metilmercurio. Se il tuo bambino è esposto a questo veleno, potrebbe sviluppare danni al cervello e al midollo spinale.

Rosolia congenita

Se contraete il virus che causa il morbillo tedesco, o rosolia, entro i primi 3 mesi di gravidanza, il vostro bambino potrebbe sviluppare gravi problemi.

Questi problemi possono includere:

  • perdita dell’udito
  • disabilità intellettuale
  • convulsioni

Tuttavia, questa condizione non è molto comune a causa dell’uso del vaccino contro la rosolia.

Toxoplasmosi congenita

Se sei stato infettato dal parassita Toxoplasma gondii mentre sei incinta, può danneggiare il tuo bambino in via di sviluppo.

Il tuo bambino potrebbe nascere prematuramente con molti problemi fisici, tra cui:

  • convulsioni
  • perdita dell’udito e della vista

Questo parassita si trova in alcune feci di gatto e carne cruda.

Citomegalovirus congenito

Se contraggi il citomegalovirus durante la gravidanza, puoi trasmetterlo al tuo feto attraverso la placenta. Altri bambini piccoli sono portatori comuni di questo virus.

Nei neonati, può causare:

  • ittero
  • eruzioni cutanee
  • convulsioni

Se sei incinta, dovresti prendere precauzioni, tra cui:

  • lavarsi spesso le mani
  • non condividere utensili con bambini di età inferiore a 6 anni

Fenilchetonuria incontrollata (PKU) nella madre

Se sei incinta e soffri di fenilchetonuria (PKU), è importante seguire una dieta a basso contenuto di fenilalanina. Puoi trovare questa sostanza in:

  • latte
  • uova
  • dolcificanti aspartame

Se consumi troppa fenilalanina, può danneggiare il tuo bambino in via di sviluppo.

Complicazioni di consegna

La microcefalia può anche essere causata da alcune complicazioni durante il parto.

  • La diminuzione dell’ossigeno nel cervello del tuo bambino può aumentare il rischio di sviluppare questo disturbo.
  • Anche una grave malnutrizione materna può aumentare le loro possibilità di svilupparla.

Quali complicazioni sono associate alla microcefalia?

I bambini con diagnosi di questa condizione avranno complicazioni da lievi a gravi. I bambini con complicazioni lievi possono avere un’intelligenza normale. Tuttavia, la loro circonferenza della testa sarà sempre piccola per la loro età e sesso.

I bambini con complicazioni più gravi possono sperimentare:

  • disabilità intellettuale
  • funzione motoria ritardata
  • discorso ritardato
  • distorsioni facciali
  • iperattività
  • convulsioni
  • difficoltà con la coordinazione e l’equilibrio

Il nanismo e la bassa statura non sono complicazioni della microcefalia. Tuttavia, possono essere associati alla condizione.

Come viene diagnosticata la microcefalia?

Il medico di tuo figlio può diagnosticare questa condizione monitorando la crescita e lo sviluppo del tuo bambino. Quando partorisci il tuo bambino, il medico misurerà la circonferenza della testa.

Metteranno un metro intorno alla testa del tuo bambino e ne registreranno le dimensioni. Se notano anomalie, possono diagnosticare a tuo figlio la microcefalia.

Il medico di tuo figlio continuerà a misurare la testa di tuo figlio durante gli esami di routine del bebè durante i primi 2 anni di vita. Conserveranno anche registrazioni della crescita e dello sviluppo di tuo figlio. Questo li aiuterà a rilevare eventuali anomalie.

Registra eventuali cambiamenti nello sviluppo del tuo bambino che si verificano tra le visite con il loro medico. Dillo al dottore al prossimo appuntamento.

Come viene trattata la microcefalia?

Non esiste una cura per la microcefalia. Tuttavia, il trattamento è disponibile per le condizioni di tuo figlio. Si concentrerà sulla gestione delle complicazioni.

Se tuo figlio ha una funzione motoria ritardata, la terapia occupazionale può avvantaggiarlo. Se hanno ritardato lo sviluppo del linguaggio, la logopedia può aiutare. Queste terapie aiuteranno a costruire e rafforzare le capacità naturali di tuo figlio.

Se tuo figlio sviluppa alcune complicazioni, come convulsioni o iperattività, il medico può anche prescrivere farmaci per curarle.

Se il medico di tuo figlio gli diagnostica questa condizione, avrai anche bisogno di supporto. È importante trovare operatori sanitari premurosi per il team medico di tuo figlio. Possono aiutarti a prendere decisioni informate.

Potresti anche voler entrare in contatto con altre famiglie i cui bambini vivono con la microcefalia. I gruppi di supporto e le comunità online possono aiutarti a gestire le condizioni di tuo figlio e aiutarti a trovare risorse utili.

La microcefalia può essere prevenuta?

Non è sempre possibile prevenire la microcefalia, soprattutto quando la causa è genetica. Se tuo figlio ha questa condizione, potresti voler cercare una consulenza genetica.

Consulenza genetica può fornire risposte e informazioni rilevanti per le fasi della vita, tra cui:

  • pianificazione per la gravidanza
  • durante la gravidanza
  • prendersi cura dei bambini
  • vivere da adulto

Ottenere un’adeguata assistenza prenatale ed evitare l’uso di alcol e droghe durante la gravidanza può aiutarti a prevenire la microcefalia. I controlli prenatali danno al medico l’opportunità di diagnosticare condizioni materne, come la PKU non controllata.

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomanda alle donne incinte di non recarsi in aree in cui si sono verificati focolai di virus Zika o aree a rischio di epidemie di Zika.

Il CDC consiglia alle donne che stanno pensando di rimanere incinta di seguire le stesse raccomandazioni o almeno di parlare con il proprio medico prima di recarsi in queste aree.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here