Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa fare quando il tuo bambino rifiuta di dormire

Cosa fare quando il tuo bambino rifiuta di dormire

0
4

Bambino sveglio nella culla

E pensavi che le tue notti insonni fossero dietro di te! All’improvviso, il tuo adorabile bambino non andrà a letto o, forse anche peggio, non dormirà tutta la notte. Che cosa succede?

Bene, molto, in realtà. I più piccoli stanno attraversando un sacco di transizioni: dai nuovi fratelli e abilità ai sonnellini. Anche se non c’è un colpevole evidente da incolpare, potrebbero esserci altri problemi in gioco, come troppo tempo sullo schermo o non abbastanza tempo prima che le luci si spengano.

Ecco di quanto sonno ha bisogno tuo figlio, alcune informazioni sui problemi di sonno che potresti avere e cosa fare per farlo tutti riposare meglio la notte.

Quanto è comune questo?

I problemi di sonno hanno un impatto su 25 per cento di bambini piccoli. Questi problemi non sono solo difficili per i genitori; possono anche essere associati a problemi di attenzione, comportamentali ed emotivi per i bambini.

Quanto sonno è sufficiente?

  • I bambini di età compresa tra 1 e 2 anni hanno generalmente bisogno di 11-14 ore di sonno ogni giorno. Ad esempio, un bambino di 2 anni può fare un pisolino di 2 ore durante il giorno e dormire 12 ore di notte.
  • I bambini leggermente più grandi, dai 3 ai 5 anni, necessitano tra le 10 e le 13 ore di sonno in un periodo di 24 ore. Quindi, un bambino di 4 anni può fare solo un pisolino di 1 ora o non fare un pisolino e può dormire da 10 a 12 ore di notte.

La quantità di sonno di cui ha bisogno tuo figlio è altamente individuale. E può variare a seconda di una serie di fattori, ad esempio se tuo figlio è malato o se ha una giornata di riposo. Se tuo figlio dorme costantemente molto meno di quanto raccomandato, potresti contattare il pediatra.

Ecco alcuni segnali per fissare un appuntamento:

  • Il tuo bambino russa o sembra avere difficoltà a respirare mentre dorme.
  • Il tuo bambino si comporta in modo diverso di notte, si sveglia spesso durante la notte o ha paura di dormire o la notte.
  • Il comportamento del tuo bambino durante il giorno è influenzato da problemi di sonno durante la notte.

Correlati: Disturbi del sonno nei bambini: sintomi, cause e trattamenti

Possibili ragioni per difficoltà di sonno del bambino

A parte i disturbi del sonno riconosciuti, ci sono problemi più benigni (innocui) che possono causare problemi prima di coricarsi. Se riesci a identificare cosa sta succedendo, potresti essere in grado di aiutare tuo figlio a sonnecchiare con alcune modifiche alla sua routine.

L’ora di andare a letto di tuo figlio non è rilassante

L’ora di andare a letto è caotica nella tua famiglia? Non sei solo. Tra l’ora del bagno, indossare il pigiama, lavarsi i denti, pettinare i capelli, fare le valigie per il giorno successivo – tutti potrebbero correre alla velocità di Mach.

Se ti senti stressato da tutte le corse in giro, il tuo bambino potrebbe anche raccogliere e trattenere quell’energia invece di rilassarsi.

Tuo figlio sta attraversando grandi cambiamenti o transizioni

I bambini devono affrontare molti cambiamenti. Nuovi fratelli. Nuove situazioni in età prescolare o babysitter. Passare da una culla a un lettino grande. Sonnellini caduti. Vasino. L’elenco potrebbe continuare.

Con il cambiamento arriva la rottura. Potresti notare insieme a problemi di sonno che tuo figlio è più irritabile e più appiccicoso del normale, non mangia tanto o ha qualche altro tipo di differenza nella sua giornata.

Tuo figlio non è stanco

I bambini piccoli sono pieni di vita. Se non hanno una presa adeguata per giocare e bruciare energia, potrebbero non essere stanchi prima di coricarsi.

Alcuni genitori ben intenzionati cercano di stancare i loro figli lasciandoli correre in giro per casa prima che le luci si spengano. Tuttavia, c’è una linea sottile tra super eccitato e stanco. Se lo attraversi, il tuo bambino potrebbe non essere in grado di addormentarsi perché è così esausto che non sa cosa fare di se stesso.

La colpa è dei sonnellini di tuo figlio

Il tuo bambino potrebbe non essere stanco se fa un pisolino troppo. Osserva i requisiti di sonno per la loro età e calcola le ore che passano tra il sonno diurno e quello notturno.

Detto questo, resisti all’impulso di fare un sonnellino troppo presto. Se tuo figlio ha ancora bisogno di riposo diurno, potrebbe effettivamente essere stanco prima di coricarsi, il che porta a quell’enigma difficile da calmare.

Tuo figlio non dormirà da solo

La verità è che il tuo bambino potrebbe non amare l’ora di andare a letto perché gli manchi. I bambini piccoli potrebbero non voler essere separati dai loro caregiver. Oppure potrebbero chiedersi cosa succede dopo essere andati a letto. Tutta quella paura di perdersi qualcosa (sì, i bambini piccoli possono ottenere FOMO!) Può portare alla resistenza prima di coricarsi.

E se sei abbastanza fortunato da portare il tuo piccolo a letto, potrebbero volerti passare il tempo mentre si addormentano. Potrebbero anche non lasciarti lasciare la stanza senza lottare, portando a una bella battaglia prima di andare a dormire.

Tuo figlio ha degli incubi

Che tu te ne sia reso conto o meno, il tuo bambino ha un’immaginazione attiva. Quelle storie carine che ti raccontano durante il giorno possono diventare sinistre nella loro mente di notte.

Mostri sotto il letto, incubi e terrori notturni possono contrastare il sonno in due modi. In primo luogo, potrebbero svegliare tuo figlio da un sonno altrimenti profondo. In secondo luogo, tuo figlio potrebbe avere paura di dormire perché è preoccupato di avere più incubi.

Soluzioni alle difficoltà notturne

Studi mostra che anche il ritmo circadiano di tuo figlio può essere parzialmente responsabile. Ciò significa fondamentalmente che l’orologio interno di tuo figlio potrebbe essere spento. Potresti metterli a letto prima che il loro corpo segnali che sono stanchi. Oppure potresti fare cose, come guardare schermi (luce blu), che stimolano il cervello invece di rilassarlo.

L’igiene del sonno può aiutare a ripristinare e modificare il ritmo circadiano in modo che il bambino sia stanco prima di coricarsi. E potresti essere sorpreso di quanto sia semplice creare buone abitudini che restano fedeli.

Definisci l’ora di andare a dormire

Forse il tuo bambino ha un orario prestabilito per andare a dormire. Forse non lo fanno. In ogni caso, è una buona idea entrare in una routine con l’obiettivo di andare a dormire ogni sera, anche nei fine settimana.

Non solo ti aiuterà come genitore, ma definirà anche le aspettative per tuo figlio. I bambini più piccoli non avranno necessariamente un concetto di tempo, ma lo sentiranno. Dopotutto, il loro orologio interno ticchetta sempre.

Suggerimento: se stai cercando di spostare prima l’ora di andare a letto molto tardi, prova a spostarla in avanti di soli 5-15 minuti alla volta fino a raggiungere il tuo obiettivo.

Rilassati

Una volta impostata l’ora di andare a letto, crea un’intera routine attorno ad essa. Potresti iniziare ad aiutare tuo figlio a rilassarsi circa 30 minuti prima che le luci si spengano. Durante questo periodo di riposo, abbassa le luci, suona musica rilassante e fai un bagno caldo a tuo figlio.

Anche spegnere gli schermi nelle ore prima di andare a letto è fondamentale. Il tempo trascorso davanti allo schermo nelle 2 ore prima di coricarsi può abbassare il livello di melatonina (ormone del sonno) nel corpo.

Dopo esserti cambiato in pigiama e lavato i denti, leggi un libro preferito, racconta una storia o canta una canzone. Poi si spengono le luci, un bacio veloce e buonanotte.

Fornire conforto

Parte della routine notturna potrebbe anche essere la scelta di un amorevole con cui tuo figlio va a letto. Questo potrebbe essere un animale di peluche o una coperta preferiti, qualcosa per fornire conforto quando alla fine lasci la stanza.

Se tuo figlio ha paura del buio, potresti prendere in considerazione l’idea di cercare una luce notturna fioca per alleviare le preoccupazioni. Esperti in particolare dite “debole” perché troppa luce può stimolare il vostro bambino e tenerlo sveglio (di nuovo – torna al ritmo circadiano).

Fissare i limiti

Anche le migliori routine possono cadere vittima delle richieste di tuo figlio. “Solo un’altra storia, mamma!” Suona familiare? O forse nella tua famiglia, è un altro bicchiere d’acqua, un’altra canzone o un’altra coccola. A quest’ultima richiesta, soprattutto, può essere difficile resistere.

Qualunque sia il caso, prova a impostare un limite. Potresti voler creare l’aspettativa di leggere una storia, dare un bacio della buonanotte e poi far addormentare il tuo piccolo.

I limiti si applicano anche a quando tuo figlio arriva su di letto. Se il tuo bambino lascia costantemente la sua stanza, valuta la possibilità di dargli una sorta di “passaggio di ingresso”. Di ‘loro che possono solo un bicchiere d’acqua in più o un bacio in più, ma è una cosa sola. Ciò potrebbe aiutarli a sentire di avere un certo controllo sulla questione.

Considera l’ambiente

La stanza di tuo figlio è troppo calda o fredda? Troppo luminoso o scuro? Troppo rumoroso o silenzioso? Il tuo bambino potrebbe avere problemi a dormire perché è a disagio o in qualche modo sovrastimolato.

Il miglior ambiente in cui dormire è fresco, buio e tranquillo. Dai un’occhiata in giro e vedi se ci sono problemi evidenti. Se la luce esterna entra dalle finestre, prova le tende oscuranti. Se riesci a sentire molto rumore, prova una macchina per il rumore bianco per soffocarlo. Se è troppo caldo o troppo freddo, prova un ventilatore o alza la fiamma.

Guarda i sonnellini

Tuo figlio potrebbe aver bisogno di alcune modifiche al programma dei sonnellini. Se sembrano stanchi alla fine della giornata, valuta la possibilità di dare la priorità ai sonnellini in modo da avvicinarti al loro obiettivo di sonno quotidiano. Se tuo figlio non sembra abbastanza stanco prima di andare a letto, valuta la possibilità di accorciare i sonnellini o di tagliarli del tutto.

Indipendentemente da ciò, assicurati che il pisolino sia abbastanza presto durante la giornata in modo che tuo figlio abbia una finestra di veglia abbastanza lunga prima di andare a dormire. E se il tuo bambino sembra aver bisogno di riposo ma non fa un sonnellino durante il giorno, considera invece di offrire del tempo tranquillo nella sua stanza.

Sii coerente

Qualunque cosa tu scelga di fare, resta fedele. Anche se il tuo nuovo piano sembra non funzionare, provalo almeno per alcune notti. Stai lavorando per creare un ritmo prevedibile e un’aspettativa. Potrebbe volerci del tempo prima che le abitudini di tuo figlio cambino in risposta.

Se le tue tattiche non cambiano ancora dopo una settimana, puoi rivalutare.

Correlati: 10 consigli per far dormire i tuoi bambini

La linea di fondo

Non esitare a contattare il pediatra di tuo figlio per qualsiasi dubbio tu possa avere riguardo alle abitudini del sonno di tuo figlio. Se non è qualcosa di medico, sappi solo che anche questo passerà.

Tuttavia, aiutare tuo figlio a creare una buona igiene del sonno è qualcosa che gli gioverà per il resto della sua vita (e ti aiuterà anche a riposare un po ‘più facilmente!).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here