Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa fare quando il tuo amico ha il cancro al seno

Cosa fare quando il tuo amico ha il cancro al seno

0
6

Heather Lagemann ha iniziato a scrivere il suo blog, Racconti di condotti invasivi, dopo che le è stato diagnosticato un cancro al seno nel 2014. È stato nominato uno dei nostri I migliori blog sul cancro al seno del 2015. Continua a leggere per scoprire come la sua famiglia e i suoi amici l’hanno aiutata con il cancro al seno, la chirurgia e la chemioterapia.

Quando mi è stato diagnosticato un cancro al seno a 32 anni, stavo allattando un bambino, facevo corse all’asilo e guardavo in modo incontrollato “Breaking Bad” su Netflix. Non avevo davvero molta esperienza precedente con il cancro ed era fondamentalmente, tipo, un’orribile malattia di cui le persone morivano nei film. vidi Una passeggiata da ricordare”come un adolescente. Tragico … ed è stato anche fondamentalmente il più vicino al cancro nella vita reale.

È stato lo stesso per molti dei miei amici e della mia famiglia, e con ogni nuovo ostacolo che ho affrontato – lo shock iniziale, la chirurgia, la chemioterapia, i giorni brutti, i giorni peggiori, i giorni calvi, la menopausa a 32 giorni – ho visto la lotta venire oltre loro. Non sapevano cosa dire. Non sapevano cosa fare.

La maggior parte delle persone nella mia vita l’ha scosso, naturalmente, perché in realtà, tutto ciò che una ragazza con il cancro vuole è che la sua gente lo faccia essere lì. Ma, comunque, c’erano altri che avrebbero potuto usare una piccola guida. E va bene, perché non è davvero una situazione normale. Divento strano se c’è una scoreggia non reclamata in giro, quindi non mi aspetto che tu sappia come gestire il mio cancro.

Detto questo, in tutta la mia esperienza di malati di cancro (un’esperienza che nessuno vuole davvero), ho escogitato cinque modi per essere amico di qualcuno con il cancro.

1. Sii normale.

Sembra buon senso, ma va detto. Non volevo che le persone mi guardassero in modo diverso e di certo non volevo che le persone mi trattassero in modo diverso. Mi è stato diagnosticato poco prima di Pasqua e ho detto alla mia famiglia che l’unico modo in cui mi sarei presentato al pranzo di Pasqua era se potevano comportarsi normalmente. Così hanno fatto, e il precedente è stato stabilito. Questo non significava che ignorassero il fatto che avevo il cancro; non sarebbe normale. Così ne abbiamo parlato, ci siamo preoccupati, ci abbiamo scherzato sopra e poi abbiamo frugato tra i cesti pasquali dei nostri figli quando non stavano guardando.

Quindi, se normalmente fai una serata tra ragazze una volta al mese, continua a invitare la tua amica. Potrebbe non essere in grado di andare, ma è bello sentirsi normale. Portala al cinema. Chiedile come sta e lasciala libera di sfogarsi (come avresti fatto a 15 anni, quando il suo ragazzo l’ha mollata, anche se la situazione non potrebbe essere più diversa). Ascolta davvero, poi raccontale le ultime novità, chiedile consigli sui colori dello smalto per unghie e parlale delle cose che tu normalmente voluto. È bello sentirsi normale tramite i tuoi amici in una situazione altrimenti straniera.

2. Sii proattivo.

Ciò significa mai, mai e poi mai dire qualcosa del tipo “Se hai bisogno di qualcosa, fammelo sapere” o “Per favore chiamami se hai bisogno di aiuto”. Non lo farà. Te lo prometto.

Invece, pensa alle cose per cui sai che avrà bisogno di aiuto e vai avanti. Nel bel mezzo della chemioterapia, ho avuto un conoscente che si è presentato e mi ha falciato il prato. Non mi ha scritto né ha bussato alla mia porta. L’ha appena fatto. Non dovevo avere la conversazione imbarazzante di distribuire le mie faccende a un amico – che si è sempre trasformato in, “Sto bene. Stiamo bene. Grazie comunque!” – e non c’era posto perché il mio orgoglio si intromettesse. È stato appena fatto. È stato stupefacente. Dato che il tuo amico non ti chiamerà per dirti per cosa ha bisogno di aiuto, io:

  • Portare il cibo in tavola. Coordinare i pasti è di grande aiuto. Ci sono siti web come mealtrain.com che lo rendono così facile, e non posso dirti quanto stress abbia portato via sapendo che la mia famiglia sarebbe stata nutrita quando non avevo l’energia per farlo. Inoltre, se sei in un negozio di alimentari vicino a lei, mandale un messaggio per vedere se ha finito il latte o i cracker di pesce rosso e raccoglili per lei.
  • Assistenza all’infanzia. Questo può variare, ma per me, non ho potuto prendere in braccio il mio bambino per tre settimane dopo l’intervento. E stare al passo con un bambino di 3 anni durante la chemio? No. Uno dei miei migliori amici ha radunato le truppe e messo insieme un calendario per l’assistenza all’infanzia che si adatta alle mie esigenze, e ne sarò per sempre grato. La tua amica salterà di gioia (o ti sorriderà dal divano) se ti offri di portare i suoi figli allo zoo per la giornata o anche al parco per un’ora.
  • Pulizia. Non ha tempo o energia per quello adesso! La mia casa non è mai stata così disgustosa come quando ero in trattamento attivo e, stranamente, non ho mai avuto più visitatori. Un caro amico o un gruppo di amiche possono partecipare e farlo da soli o assumere un servizio.
  • Cura del prato. A casa mia, di solito se ne occupa mio marito (gli dico che sono troppo carina per falciare o portare fuori la spazzatura, e funziona, anche calvo). Tuttavia, anche mio marito aveva molto da fare, quindi questo è stato davvero utile per non lasciare che il nostro cortile si trasformasse in una giungla.

3. Non fare pressione su di lei.

Stanno succedendo molte cose in questo momento: appuntamenti, scansioni, farmaci, molti sentimenti e paura, probabilmente una menopausa indotta dalla chemioterapia, cercando di guidare la sua famiglia attraverso questo senza sapere davvero come. Quindi, se non risponde al messaggio o ignora le tue chiamate per un po ‘, lascialo scorrere e continua a provare. Probabilmente è sopraffatta, ma sta leggendo i tuoi testi e ascoltando i tuoi messaggi vocali e li apprezza davvero. Se le regali un libro, ad esempio (una cosa carina da fare, dato che ci sono così tanti tempi morti durante la chemio), non aspettarti che lo legga. Ricordo di essermi sentito così male quando un’amica mi ha chiesto più volte di un libro che mi aveva regalato e che non avevo letto. Fondamentalmente, tagliala molto e non aspettarti molto (o davvero niente) da lei in questo momento.

4. Non cercare di “aggiustare” le cose.

È una cosa difficile da fare, stare seduti nel dolore di qualcuno con loro, ma è ciò di cui ha bisogno da te in questo momento. È il tuo istinto naturale voler farla sentire meglio dicendo cose come “Starai bene” o “Sei così forte! Supererai questo! ” o “Ti viene dato solo ciò che puoi gestire” o “Mantieni un atteggiamento positivo”. (Potrei andare avanti per giorni.) Dire queste cose potrebbe fare tu si sentono meglio, ma non ce la faranno sua ti senti meglio, perché non sai davvero che starà bene. È forte, ma non ha voce in capitolo su come andrà a finire. Non vuole sentire che tocca a lei “battere” questo. Quello che vuole è che qualcuno si sieda con lei in questa incertezza perché è spaventoso … e sì, è scomodo.

Mia nipote è una delle poche persone che ha parlato con me della possibilità della mia morte, e aveva 7. Nessun altro era disposto a guardare la morte negli occhi con me, ma era nella mia mente ogni giorno. Non sto dicendo che devi tenere discorsi approfonditi sulla morte, ma sii aperto ai sentimenti del tuo amico. Va bene se non sai cosa dire fintanto che sei disposto ad ascoltare veramente. E credimi, lei sa che questo è difficile anche per te, e apprezzerà la tua disponibilità a “sederti” con lei.

5. Falla sentire speciale.

So che il tuo amico è sinceramente speciale per te, altrimenti non staresti leggendo questo. Ma c’è una grande differenza tra amare qualcuno e fargli sapere che lo ami. La mia parte preferita del cancro – sì, ho una parte preferita del cancro! – era che sembrava dare alle persone un pass gratuito per dirmi cosa provavano per me, ed è stato fantastico. Ho ricevuto così, così tante carte, lettere e messaggi pieni di parole gentili, ricordi dimenticati, incoraggiamento palpabile e amore puro. Sono serviti a risollevarmi in alcuni dei miei giorni peggiori, e in realtà ha cambiato la mia visione del mondo in cui viviamo.

Il cancro può essere incredibilmente solo, quindi ogni piccolo regalo, biglietto per posta e pasto consegnato mi fa sapere che ero ancora una parte del mondo in generale. Inoltre, perché dovrebbe essere prestata più attenzione a te durante il tuo anno del matrimonio rispetto al tuo (si spera, unico) anno del cancro? Dico: quando qualcuno ha il cancro, è allora che dovremmo metterci le palle contro il muro facendolo sentire speciale. Ne hanno bisogno e, onestamente, ha significato più durante il mio anno del cancro che nel mio anno di matrimonio.

Finché ti avvicini al tuo amico con amore, starai bene. E anche se potresti non essere in grado di fare tutto in questo articolo, promettimi che prenderai a calci chiunque cerchi di raccontarle storie sulla nonna, sorella o vicino che avevano morto di cancro al seno, okay?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here