Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa fare con un piercing all’ombelico infetto

Cosa fare con un piercing all’ombelico infetto

0
4

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Panoramica

I piercing all’ombelico sono una delle forme più popolari di body art. Sono generalmente sicuri se un professionista esegue il piercing con l’ago giusto in un ambiente pulito. Condizioni antigeniche e scarsa assistenza post-vendita sono le principali cause di infezioni batteriche dopo il piercing.

Possono essere necessarie da sei settimane a due anni perché un piercing all’ombelico guarisca completamente. Durante questo periodo, sei a rischio di infezione.

Anche una ferita a un vecchio piercing può portare a infezioni. Ad esempio, se il piercing si impiglia nei pantaloni o nelle fibbie delle cinture.

Come dire che è infetto

Quando un piercing è nuovo, è normale vedere gonfiore, arrossamento o scolorimento intorno al sito. Potresti anche avere una scarica chiara che si asciuga e forma una crosta cristallina attorno al piercing. Questi sintomi dovrebbero migliorare nel tempo, non peggiorare.

Due delle complicanze più comuni sono le infezioni batteriche e le reazioni allergiche.

Le infezioni batteriche si verificano quando i batteri dello sporco o di oggetti estranei entrano nel piercing aperto mentre è ancora in via di guarigione. Ricorda, i piercing sono ferite aperte che devono essere mantenute pulite.

I segni di infezione includono:

  • grave gonfiore con dolore e arrossamento
  • scarico giallo, verde, grigio o marrone che ha un odore
  • linee rosse che si irradiano dal sito del piercing
  • febbre, brividi, vertigini, disturbi di stomaco o vomito

Scegli con attenzione

  1. Il piercer è registrato presso l’Association of Professional Piercers (APP).
  2. Il negozio è pulito.
  3. Il piercer utilizza strumenti sterili.
Healthline

Come capire se sei allergico al metallo

Le reazioni allergiche si verificano se sei allergico al tipo di metallo utilizzato. Ad esempio, i gioielli da piercing in nichel sono noti per causare reazioni allergiche nelle persone predisposte.

I metalli che sono sicuri per i piercing includono:

  • acciaio chirurgico
  • oro massiccio 14 o 18 carati
  • niobio
  • titanio
  • platino

I segni di una reazione allergica includono:

  • sviluppo di un’eruzione cutanea pruriginosa e infiammata intorno al piercing che si diffonde in un’area più ampia
  • un buco trafitto che sembra più grande di prima
  • tenerezza che può andare e venire

1. Tenere aperto il foro di perforazione

Se sospetti un’infezione, non rimuovere i gioielli da solo, a meno che il medico non ti dica di farlo. La maggior parte dei piercing non deve essere rimossa per curare le infezioni.

Tenere aperto il foro di perforazione consente al pus di drenare. Lasciare che il foro si chiuda potrebbe intrappolare l’infezione all’interno del corpo, provocando la formazione di un ascesso.

2. Pulire il piercing

La pulizia del piercing è importante, sia per prevenire che per curare un’infezione. Gli esperti raccomandano di pulire un piercing non più di due volte al giorno.

Usa una miscela di acqua salata (1/2 cucchiaino di sale marino per 1 tazza di acqua) per aiutare a rimuovere eventuali secrezioni curative essiccate, seguita da un sapone antibatterico e acqua detergente. Puoi anche usare uno di questi metodi di pulizia da solo.

Non utilizzare alcol o acqua ossigenata, poiché possono seccare la pelle e irritare l’area intorno al piercing.

Per prima cosa, ricordati di lavarti le mani con un sapone antibatterico. Quindi usa un batuffolo di cotone e la tua soluzione detergente per pulire delicatamente l’area intorno all’ombelico e all’anello. Asciugare l’area tamponando con un panno pulito.

3. Usa un impacco caldo

Metti un impacco caldo sul piercing infetto. Questo può aiutare il pus a drenare e far diminuire il gonfiore.

Bagna un impacco, come un panno caldo, con la soluzione detergente. Posiziona l’impacco sul piercing. Asciugare delicatamente l’area con un asciugamano pulito dopo aver utilizzato il panno umido.

4. Applicare una crema antibatterica

L’uso di una crema antibatterica, non un unguento, spesso elimina le infezioni minori. Gli unguenti sono grassi e possono impedire all’ossigeno di raggiungere la ferita, complicando il processo di guarigione.

Puoi acquistare creme antibatteriche da banco, come Neosporina, ma esiste il rischio di irritazione allergica della pelle con questo tipo di prodotto.

Se non hai un’allergia con la crema antibiotica da banco, puoi pulire accuratamente il sito del piercing e poi seguire le indicazioni sul contenitore.

Vai dal tuo dottore

Contatti immediatamente il medico se manifesta segni significativi di infezione, in particolare febbre o nausea. Anche le infezioni minori possono peggiorare senza trattamento.

Il medico potrebbe aver bisogno di prescriverle una crema antibiotica come la mupirocina (Bactroban) o un antibiotico orale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here