Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa devi sapere sull’anemia

Cosa devi sapere sull’anemia

0
6

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cos’è l’anemia?

L’anemia si verifica quando il numero di globuli rossi sani nel corpo è troppo basso. I globuli rossi trasportano l’ossigeno a tutti i tessuti del corpo, quindi un numero basso di globuli rossi indica che la quantità di ossigeno nel sangue è inferiore a quella che dovrebbe essere.

Molti dei sintomi dell’anemia sono causati da un ridotto apporto di ossigeno ai tessuti e agli organi vitali del corpo.

L’anemia viene misurata in base alla quantità di emoglobina, la proteina all’interno dei globuli rossi che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo.

L’anemia colpisce più di 1,6 miliardi di persone Intorno al mondo. Le donne e le persone con malattie croniche come il cancro hanno il più alto rischio di sviluppare anemia.

Cosa causa l’anemia?

Il ferro dietetico, la vitamina B-12 e il folato sono essenziali per la maturazione dei globuli rossi nel corpo. Normalmente, dallo 0,8 all’1% dei globuli rossi del corpo vengono sostituiti ogni giorno e la durata media dei globuli rossi è compresa tra 100 e 120 giorni. Qualsiasi processo che abbia un effetto negativo su questo equilibrio tra la produzione e la distruzione dei globuli rossi può causare anemia.

Le cause dell’anemia sono generalmente suddivise in quelle che riducono la produzione di globuli rossi e quelle che aumentano la distruzione dei globuli rossi.

Fattori che riducono la produzione di globuli rossi

Le cose che tipicamente riducono la produzione di globuli rossi, causando anemia, includono:

  • stimolazione inadeguata della produzione di globuli rossi da parte dell’ormone eritropoietina, che è prodotta dai reni
  • inadeguato apporto alimentare di ferro, vitamina B-12 o folato
  • ipotiroidismo

Fattori di aumento della distruzione dei globuli rossi

D’altra parte, qualsiasi disturbo che distrugge i globuli rossi a una velocità maggiore di quella prodotta può causare anemia. Ciò si verifica in genere a causa di un’emorragia, che può accadere a causa di:

  • endometriosi
  • incidenti
  • lesioni gastrointestinali
  • le mestruazioni
  • parto
  • sanguinamento uterino eccessivo
  • chirurgia
  • cirrosi, che comporta la cicatrizzazione del fegato

  • fibrosi (tessuto cicatriziale) all’interno del midollo osseo
  • emolisi, una rottura dei globuli rossi che può verificarsi con alcuni farmaci o incompatibilità Rh

  • disturbi del fegato e della milza
  • malattie genetiche come:
    • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD)
    • talassemia
    • anemia falciforme

Nel complesso, tuttavia, la carenza di ferro è la causa più comune di anemia. Rappresenta quasi la metà di tutti i casi di anemia ed è un grave disturbo nutrizionale in tutto il mondo.

Fabbisogno nutrizionale giornaliero e anemia

Il fabbisogno giornaliero di vitamine e ferro varia a seconda del sesso e dell’età.

Le donne hanno bisogno di più ferro e folati rispetto agli uomini a causa delle perdite di ferro durante il ciclo mestruale e dello sviluppo fetale durante la gravidanza e l’allattamento.

Ferro

Secondo il National Institutes of Health, l’assunzione giornaliera di ferro raccomandata per gli adulti dai 19 ai 50 anni è la seguente:

Per uomo 8 mg
Per donne 18 mg
Durante la gravidanza 27 mg
Durante l’allattamento 9 mg

Uomini e donne di età superiore ai 50 anni richiedono solo 8 milligrammi (mg) di ferro al giorno. Potrebbe essere necessario un supplemento se non è possibile acquisire livelli di ferro adeguati con la sola dieta.

Buone fonti di ferro nella dieta includono:

  • fegato di pollo e manzo
  • carne di tacchino scura
  • carni rosse, come il manzo
  • frutti di mare
  • cereali fortificati
  • fiocchi d’avena
  • Lenticchie
  • fagioli
  • spinaci

Folato

Il folato è la forma di acido folico che si trova naturalmente nel corpo.

I maschi e le femmine di età superiore ai 14 anni richiedono 400 microgrammi di equivalenti di folato nella dieta (mcg / DFE) al giorno.

Per le donne in gravidanza o in allattamento, l’assunzione raccomandata aumenta a 600 mcg / DFE e 500 mcg / DFE al giorno, rispettivamente.

Esempi di alimenti ricchi di folato sono:

  • fegato di manzo
  • Lenticchie
  • spinaci
  • grandi fagioli del nord
  • asparago
  • uova

Puoi anche aggiungere acido folico alla tua dieta con cereali e pane fortificati.

Vitamina B-12

La raccomandazione giornaliera per adulti per la vitamina B-12 è di 2,4 mcg. Le donne e gli adolescenti in gravidanza hanno bisogno di 2,6 mcg al giorno e quelle che allattano richiedono 2,8 mcg al giorno.

Il fegato di manzo e le vongole sono due delle migliori fonti di vitamina B-12. Altre buone fonti includono:

  • pesce
  • carne
  • pollame
  • uova
  • altri prodotti lattiero-caseari

La vitamina B-12 è disponibile anche come integratore per coloro che non ne ottengono abbastanza dalla sola dieta.

Hai bisogno di un supplemento? Se sai di avere l’anemia o non stai assumendo abbastanza dei suddetti nutrienti, ottieni la tua spinta facendo acquisti qui sotto:

  • ferro
  • folato
  • vitamina B-12

Quali sono i sintomi dell’anemia?

Le persone con anemia appaiono pallide e spesso possono lamentarsi di avere freddo.

Possono anche sperimentare:

  • vertigini o vertigini, soprattutto quando si è attivi o in piedi

  • voglie insolite, come voler mangiare ghiaccio, argilla o sporcizia

  • difficoltà di concentrazione o stanchezza

  • stipsi

Alcuni tipi di anemia possono causare infiammazione della lingua, risultando in una lingua liscia, lucida, rossa e spesso dolorosa.

Se l’anemia è grave, può verificarsi svenimento. Altri sintomi includono:

  • unghie fragili
  • fiato corto
  • dolore al petto

I livelli di ossigeno nel sangue possono essere così bassi che una persona con grave anemia può avere un attacco di cuore.

Se ti sottoponi a un esame fisico e soffri di anemia, i risultati potrebbero mostrare:

  • pressione sanguigna alta o bassa

  • pelle pallida
  • ittero
  • un aumento della frequenza cardiaca
  • un soffio al cuore
  • linfonodi ingrossati
  • una milza o un fegato ingrossati
  • glossite atrofica della lingua

Le persone con segni o sintomi di anemia dovrebbero consultare un medico, soprattutto se si verificano svenimenti o dolori al petto.

Come viene diagnosticata l’anemia?

Una diagnosi di anemia inizia sia con la tua storia clinica che con quella familiare, insieme a un esame fisico.

Una storia familiare di alcuni tipi di anemia come l’anemia falciforme può essere utile. Una storia di esposizione ad agenti tossici in casa o sul posto di lavoro potrebbe indicare una causa ambientale.

Gli esami di laboratorio sono spesso utilizzati per aiutare i medici a scoprire la causa dell’anemia.

I test per diagnosticare l’anemia includono:

  • Emocromo completo (CBC). L’analisi del sangue CBC mostra il numero e la dimensione dei globuli rossi. Mostra anche se i livelli di altri globuli come i globuli bianchi e le piastrine sono normali.
  • Livelli di ferro nel siero. Questo esame del sangue mostra se la carenza di ferro è la causa dell’anemia.
  • Test della ferritina. Questo esame del sangue analizza le riserve di ferro.
  • Test della vitamina B-12. Questo esame del sangue mostra i livelli di vitamina B-12 e aiuta il medico a determinare se sono troppo bassi.
  • Test dell’acido folico. Questo esame del sangue rivela se i livelli sierici di folati sono bassi.
  • Test delle feci per sangue occulto. Questo test applica una sostanza chimica a un campione di feci per vedere se è presente sangue. Se il test è positivo, significa che il sangue viene perso da qualche parte nel tratto gastrointestinale, dalla bocca al retto. Problemi come ulcere gastriche, colite ulcerosa e cancro al colon possono causare sangue nelle feci.

Test aggiuntivi

Sulla base dei risultati di questi test, i medici possono ordinare test aggiuntivi come:

  • un tratto gastrointestinale superiore
  • un clistere di bario
  • radiografie del torace
  • una TAC dell’addome

Come curare l’anemia

Il trattamento dell’anemia dipende da cosa lo causa.

L’anemia causata da quantità inadeguate di ferro nella dieta, vitamina B-12 e folato viene trattata con integratori alimentari. In alcuni casi, sono necessarie iniezioni di B-12 poiché non viene assorbito correttamente dal tratto digestivo.

Il medico e il nutrizionista possono prescrivere una dieta contenente le giuste quantità di vitamine, minerali e altri nutrienti. Una dieta corretta può aiutare a prevenire il ripetersi di questo tipo di anemia.

In alcuni casi, se l’anemia è grave, i medici usano iniezioni di eritropoietina per aumentare la produzione di globuli rossi nel midollo osseo. Se si verifica sanguinamento o il livello di emoglobina è molto basso, può essere necessaria una trasfusione di sangue.

Qual è la prospettiva per l’anemia?

Le prospettive a lungo termine per l’anemia dipendono dalla causa e dalla risposta al trattamento. L’anemia è molto curabile, ma può essere pericolosa se non viene curata.

Presta attenzione alle etichette degli alimenti e investi in un multivitaminico per assicurarti di assumere la quantità giornaliera raccomandata di ferro.

Parla con il tuo medico se stai riscontrando sintomi di anemia, soprattutto se ne hai una storia familiare. Molto probabilmente il tuo medico ti farà iniziare una dieta o un regime di integratori per aumentare l’assunzione di ferro.

Una carenza di ferro può anche essere un segno di condizioni mediche più gravi, quindi è importante prestare attenzione al tuo corpo. Nella maggior parte dei casi, solo modificare la dieta o assumere un integratore di ferro può risolvere la tua anemia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here