Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cosa aspettarsi quando ti aspetti con IBD

Cosa aspettarsi quando ti aspetti con IBD

0
3

Non c’è niente che dica che le persone con malattie infiammatorie intestinali non possano avere gravidanze sane e di successo.

Kristen Curette e Daemaine Hines / Stocksy United

Per quelli di noi che cercano di concepire, è impossibile non sorridere nell’istante in cui quelle linee sul bastone diventano finalmente rosa.

Ma per chiunque viva con una malattia infiammatoria intestinale (IBD), inclusa la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, non è tutto sole e arcobaleni.

La gioia si mescola a tutta la normale ansia di diventare genitore per la prima volta (o di nuovo) e si combina con la preoccupazione di ciò che significa IBD per la gravidanza e tuo figlio.

Avere IBD amplifica tutto il lavoro e le cure abituali necessari per garantire una gravidanza sana. Da come può influenzare la fertilità a cosa succede se hai una riacutizzazione, ecco cosa puoi aspettarti quando ti aspetti di avere una IBD.

Cosa sapere se stai cercando di concepire con IBD

Anche se non tutte le gravidanze sono pianificate, se stai pensando di provare ad avere un bambino e tu o il tuo partner avete l’IBD, è una buona idea consultare un ginecologo e un gastroenterologo.

“La consulenza preconcetto per le donne con IBD è essenziale”, afferma Sarah Streett, MD, direttore clinico della malattia infiammatoria intestinale presso la Stanford Medicine.

Molte persone con IBD sovrastimano la probabilità che il loro bambino sviluppi IBD e la consulenza è un’opportunità per mettere le cose in chiaro, dice Street. È anche un buon momento per te e il tuo medico per ottimizzare il trattamento dell’IBD, confermare che la malattia è in remissione, rivedere la sicurezza dei farmaci e massimizzare la nutrizione.

Mentre la maggior parte delle persone con IBD concepisce con successo, se sei attualmente in una riacutizzazione, potresti avere meno probabilità di ottenere la remissione durante la gravidanza, afferma Jennifer Kulp-Makarov, MD, OB-GYN certificato dal consiglio e specialista in endocrinologia e infertilità riproduttiva (REI ) presso la New Hope Fertility di New York City.

Kulp-Makarov e Streett notano anche che se hai mai subito qualsiasi tipo di intervento chirurgico addominale, le cicatrici potrebbero ridurre i tassi di fertilità.

Tuttavia, l’aiuto riproduttivo assistito, quando necessario, sembra avere lo stesso successo nelle persone con IBD come quelle senza.

Puoi rimanere sui tuoi farmaci IBD durante la gravidanza?

La maggior parte dei farmaci per le malattie infiammatorie intestinali può continuare in sicurezza durante la gravidanza, ma ci sono alcune eccezioni, come il metotrexato e il tofacitinib (Xeljanz).

Il metotrexato non è sicuro durante la gravidanza e dovrebbe essere interrotto almeno 3 mesi prima del concepimento, afferma Streett.

Il tofacitinib, uno dei trattamenti più recentemente approvati per la colite ulcerosa, non ha dimostrato di essere dannoso, ma ci sono potenziali preoccupazioni e per ora non è considerato sicuro, aggiunge.

Ancora una volta, questo è uno dei motivi per cui una visita preconcetto con il tuo gastroenterologo e ginecologo è così essenziale. È un’opportunità per rivedere la sicurezza dei farmaci.

“Il rischio che vediamo più spesso sono le donne o anche i loro operatori sanitari che si preoccupano inutilmente di farmaci sicuri che vengono poi interrotti, con conseguente sfogo della malattia”, afferma Streett.

Cosa succede se hai una riacutizzazione durante la gravidanza?

Secondo Kulp-Makarov, la buona notizia è che molte persone che rimangono incinte mentre sono in remissione dalla loro IBD rimangono in remissione per tutta la gravidanza.

Tuttavia, se hai una fiammata, hai delle opzioni.

“È sempre un equilibrio tra sicurezza e malattia attiva, quindi è sempre importante discutere con il proprio medico”, dice Kulp-Makarov.

Chiedi ai tuoi medici di parlare tra loro. Mentre il trattamento varia ampiamente per le persone con IBD, alcuni farmaci sono sicuri per te durante la gravidanza durante una riacutizzazione.

Quando me lo aspettavo, stavo cercando un nuovo gastroenterologo per curare la mia colite ulcerosa (per fortuna in remissione all’epoca).

Ho chiesto sia al mio medico di base che al ginecologo se avessero dei consigli. Sorprendentemente, entrambi avevano lo stesso gastroenterologo nelle loro liste.

Quel gastroenterologo, nonostante lavorasse per un ospedale diverso dal mio ginecologo, era più che disposto a coordinare le cure.

Avere loro due consultarsi tra loro sui farmaci che stavo assumendo e il mio lavoro di laboratorio mi ha tolto così tanto stress e tempo dal mio piatto.

Che tipo di monitoraggio puoi aspettarti durante la gravidanza?

Le persone con IBD non sono estranee agli appuntamenti dal medico e al lavoro di laboratorio. Quando sei incinta, anche senza IBD, andare dal medico diventa una routine.

Il tipo di monitoraggio che le persone in gravidanza con IBD possono aspettarsi dipenderà principalmente dallo stato della loro malattia.

Kulp-Makarov raccomanda ai suoi pazienti di controllare i livelli di ferro e vitamina B12 entro il primo trimestre di gravidanza, quindi se sono necessari integratori possono iniziare a prenderli presto e quindi farli controllare di nuovo.

“A volte, è più difficile per i pazienti affetti da IBD aumentare di peso, soprattutto con la malattia attiva, quindi potrebbe essere consigliabile consultare un nutrizionista”, afferma Kulp-Makarov.

Dice che, mentre la maggior parte dei pazienti con IBD ha gravidanze fluide, per quelli con malattia attiva c’è un aumento del rischio di parto pretermine o basso peso alla nascita.

In questi casi, consiglia spesso ai pazienti di consultare anche un medico di medicina materno-fetale (MFM), per un consulto o per aiutare a gestire alcuni dei rischi più elevati.

Sebbene non sia sempre possibile per i pazienti con IBD vedere un MFM, Streett afferma che è importante trovare un ostetrico esperto nella cura di donne con IBD o altre condizioni croniche.

Cosa aspettarsi dopo il parto?

Per quanto bello possa essere il periodo postpartum, è anche un momento impegnativo ed è facile metterti per ultimo.

Ma è fondamentale per le neo mamme con IBD essere diligenti nell’assumere i farmaci e continuare a prendersi cura di uno specialista IBD per ridurre al minimo il rischio di una riacutizzazione, specialmente con un neonato a casa.

“Il periodo postpartum per le donne con IBD ha dimostrato di essere un periodo di maggiore rischio per una maggiore attività della malattia”, afferma Streett.

Se hai intenzione di allattare il tuo bambino, parla con il tuo ginecologo e il tuo specialista in IBD dei tuoi farmaci, la maggior parte dei quali sono sicuri.

Il tuo specialista IBD potrebbe anche suggerirti di sottoporsi a una colonscopia entro il primo anno per assicurarti che non ci siano stati cambiamenti importanti durante la gravidanza.

Il mio consiglio: divertiti questa volta. Non c’è niente che dica che quelli di noi con IBD non possano avere gravidanze sane e di successo.


Bridget Shirvell è una scrittrice che vive con la sua famiglia nel Bronx. Il suo lavoro è apparso su Civil Eats, Martha Stewart, The New York Times e altri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here