Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Complicazioni influenzali

Complicazioni influenzali

0
7

Fatti di complicanze influenzali

L’influenza, causata da un virus influenzale, è relativamente comune. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) riferiscono che l’influenza stagionale colpisce circa 8 per cento degli americani ogni anno.

Molte persone possono combattere i sintomi dell’influenza con molto riposo e liquidi. Tuttavia, alcuni gruppi ad alto rischio possono avere complicazioni pericolose e persino mortali.

Il CDC stima che tra 3.000 e 49.000 persone negli Stati Uniti muoiono ogni anno a causa dell’influenza. Detto questo, la stagione influenzale 2017-2018 ha avuto un numero insolitamente alto di morti negli Stati Uniti: 79.000.

Il Organizzazione mondiale della sanità stima che, a livello globale, tra le 290.000 e le 650.000 persone muoiano ogni anno per complicazioni influenzali.

Durante Stagione influenzale 2017-2018, più di 49 milioni di persone hanno contratto l’influenza e quasi 1 milione sono state ricoverate negli Stati Uniti.

Fattori di rischio per complicanze influenzali

Alcuni gruppi sono a maggior rischio di contrarre l’influenza. Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, questi gruppi dovrebbero ricevere la prima priorità quando c’è una carenza di vaccino antinfluenzale. I fattori di rischio includono età, etnia, condizioni esistenti e altri fattori.

I gruppi di età che hanno un rischio aumentato includono:

  • bambini di età inferiore a 5 anni
  • bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni che assumono aspirina o farmaci contenenti salicilato
  • persone che hanno 65 anni o più

I gruppi etnici che hanno un rischio più elevato includono:

  • Nativi americani
  • Nativi dell’Alaska

Anche le persone con una delle seguenti condizioni sono a maggior rischio di complicanze influenzali:

  • asma
  • condizioni cardiache e polmonari
  • disturbi endocrini cronici, come il diabete mellito
  • condizioni di salute croniche che colpiscono i reni e il fegato
  • disturbi neurologici e dello sviluppo neurologico cronici, come epilessia, ictus e paralisi cerebrale
  • malattie del sangue croniche, come l’anemia falciforme
  • disturbi metabolici cronici

Altre persone che sono a maggior rischio includono:

  • persone con un sistema immunitario indebolito, a causa di malattie (come cancro, HIV o AIDS) o uso a lungo termine di farmaci steroidei
  • donne incinte
  • persone patologicamente obese con un indice di massa corporea (BMI) di 40 o superiore

Questi gruppi dovrebbero monitorare attentamente i loro sintomi influenzali. Dovrebbero anche cercare cure mediche immediate al primo segno di complicazioni. Questi spesso compaiono proprio mentre i principali sintomi influenzali come febbre e stanchezza iniziano a scomparire.

Anziani

Le persone che hanno 65 anni o più sono a maggior rischio di complicazioni e morte per influenza. Il CDC stima che queste persone si inventino Dal 54 al 70 percento di visite ospedaliere correlate all’influenza.

Rappresentano anche dal 71 all’85% dei decessi correlati all’influenza, motivo per cui è così importante per gli anziani ricevere un vaccino antinfluenzale.

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Fluzone Hi-Dose, un vaccino a dosi più elevate, per le persone che hanno 65 anni o più.

Fluzone Hi-Dose contiene quattro volte la quantità di antigeni del normale vaccino antinfluenzale. Gli antigeni stimolano il sistema immunitario a produrre anticorpi che combattono il virus dell’influenza.

Un’altra opzione di vaccino antinfluenzale per gli anziani è chiamata FLUAD. Contiene una sostanza per stimolare una risposta immunitaria più forte.

Polmonite

La polmonite è un’infezione dei polmoni che causa l’infiammazione degli alveoli. Ciò causa sintomi come tosse, febbre, tremori e brividi.

La polmonite può svilupparsi e diventare una grave complicanza dell’influenza. Può essere particolarmente pericoloso e persino mortale per le persone in gruppi ad alto rischio.

Rivolgiti immediatamente a un medico se manifesti uno dei seguenti sintomi:

  • tosse grave con grandi quantità di muco
  • problemi di respirazione
  • fiato corto
  • forti brividi o sudorazione
  • febbre superiore a 102 ° F (38,9 ° C) che non sta andando via, soprattutto se hai anche brividi o sudorazione
  • dolore al petto

La polmonite è altamente curabile, spesso con semplici rimedi casalinghi come il sonno e molti liquidi caldi. Tuttavia, i fumatori, gli anziani e le persone con problemi cardiaci o polmonari sono particolarmente inclini a complicazioni legate alla polmonite. Le complicanze legate alla polmonite includono:

  • accumulo di liquidi dentro e intorno ai polmoni
  • batteri nel flusso sanguigno
  • sindrome da distress respiratorio acuto

Bronchite

Questa complicanza è causata dall’irritazione delle mucose dei bronchi nei polmoni.

I sintomi della bronchite includono:

  • tosse (spesso con muco)
  • oppressione toracica
  • fatica
  • leggera febbre
  • brividi

Molto spesso, per curare la bronchite sono sufficienti semplici rimedi. Questi includono:

  • riposando
  • bere molti liquidi
  • utilizzando un umidificatore
  • prendendo farmaci antidolorifici da banco (OTC)

Tuttavia, dovresti contattare il tuo medico se hai la tosse con febbre superiore a 38 ° C (100,4 ° F). Dovresti anche chiamare se la tua tosse fa una delle seguenti cose:

  • dura più di tre settimane
  • interrompe il tuo sonno
  • produce muco di uno strano colore
  • produce sangue

La bronchite cronica non trattata può portare a condizioni più gravi, tra cui polmonite, enfisema, insufficienza cardiaca e ipertensione polmonare.

Sinusite

La sinusite è il gonfiore dei seni. I sintomi includono:

  • congestione nasale
  • gola infiammata
  • gocciolamento nasale
  • dolore ai seni, alla mascella superiore e ai denti
  • un senso dell’olfatto o del gusto ridotto
  • tosse

La sinusite può spesso essere trattata con spray salino OTC, decongestionanti e antidolorifici. Il medico può anche suggerire un corticosteroide nasale come fluticasone (Flonase) o mometasone (Nasonex) per ridurre l’infiammazione. Entrambi sono disponibili al banco o su prescrizione medica.

I sintomi che richiedono cure mediche immediate includono:

  • dolore o gonfiore vicino agli occhi
  • fronte gonfia
  • forte mal di testa
  • confusione mentale
  • cambiamenti di visione, come vedere doppio
  • respirazione difficoltosa
  • rigidità del collo

Questi possono essere segni di sinusite che è peggiorata o diffusa.

Otite media

Meglio conosciuta come un’infezione all’orecchio, l’otite media provoca infiammazione e gonfiore dell’orecchio medio. I sintomi includono:

  • brividi
  • febbre
  • perdita dell’udito
  • drenaggio dell’orecchio
  • vomito
  • cambiamenti di umore

Un adulto con dolore all’orecchio o secrezione dovrebbe consultare il proprio medico il prima possibile. Un bambino dovrebbe essere portato dal proprio medico se:

  • i sintomi durano più di un giorno
  • il dolore all’orecchio è estremo
  • appare la secrezione dell’orecchio
  • non stanno dormendo
  • sono più lunatici del solito

Encefalite

L’encefalite è una condizione rara che si verifica quando un virus influenzale entra nel tessuto cerebrale e provoca infiammazione del cervello. Questo può portare alla distruzione delle cellule nervose, sanguinamento nel cervello e danni al cervello.

I sintomi includono:

  • forte mal di testa
  • febbre alta
  • vomito
  • sensibilità alla luce
  • sonnolenza
  • goffaggine

Sebbene rara, questa condizione può anche causare tremori e difficoltà di movimento.

Rivolgiti immediatamente al medico se manifesti uno dei seguenti sintomi:

  • forte mal di testa o febbre
  • confusione mentale
  • allucinazioni
  • gravi cambiamenti di umore
  • convulsioni
  • paralisi
  • visione doppia
  • problemi di linguaggio o udito

I sintomi dell’encefalite nei bambini piccoli includono:

  • sporgenze nei punti molli del cranio di un neonato
  • rigidità del corpo
  • pianto incontrollabile
  • pianto che peggiora quando il bambino viene preso in braccio
  • perdita di appetito
  • nausea e vomito

Prospettive a lungo termine per le persone con complicanze legate all’influenza

La maggior parte dei sintomi influenzali si risolve entro una o due settimane. Se i sintomi influenzali peggiorano o non scompaiono dopo due settimane, contatta il medico.

Un vaccino antinfluenzale annuale è la migliore misura preventiva per le persone ad alto rischio di complicanze legate all’influenza. Una buona igiene, il lavaggio regolare delle mani ed evitare o limitare il contatto con persone infette possono anche aiutare a prevenire la diffusione dell’influenza.

Anche il trattamento precoce è fondamentale per il successo del trattamento delle complicanze. La maggior parte delle complicanze menzionate risponde bene al trattamento. Detto questo, molti possono diventare più seri senza un trattamento adeguato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here