Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come lo stress di vivere in un mondo razzista sta danneggiando le...

Come lo stress di vivere in un mondo razzista sta danneggiando le persone di colore con IBD

0
6

I nostri problemi vanno dai cibi scatenanti alle notizie scatenanti e non ci sono prescrizioni o steroidi per alleviare il dolore che spesso segue.

Illustrazione di Brittany England

Durante la pandemia di COVID-19, ho trovato particolarmente difficile trovare il positivo in situazioni buie. Tuttavia, ho scoperto l’amore per l’escursionismo e ho un fantastico gruppo di amici a cui non dispiace fare escursioni per ore.

Il 6 giugno abbiamo deciso di fare un’escursione a Roswell, in Georgia, seguita dal pranzo. Durante il pranzo abbiamo parlato dei problemi più urgenti della giornata.

Settimane prima avremmo parlato della pandemia, ma invece siamo stati consumati dalle proteste in corso in tutto il paese contro la brutalità della polizia e l’uccisione di George Floyd.

Questo era un nuovo gruppo di amici e la nostra prima uscita insieme, ma la conversazione sembrava provenire da un luogo di conforto. Abbiamo avuto tutti storie molto simili, dato che siamo tutti afroamericani della stessa età che sono atterrati come trapianti ad Atlanta.

La conversazione è stata politica, dolorosa e reale – ed è stata una conversazione che ho avuto solo con coloro con cui mi fido di essere trasparente.

Abbiamo parlato della protesta che si è svolta proprio nel nostro cortile e del motivo per cui non abbiamo partecipato.

Eravamo tutti preoccupati per il coronavirus, poiché il COVID-19 stava rapidamente uccidendo le persone nella nostra comunità.

Ero particolarmente preoccupato, poiché convivo con la malattia di Crohn dal 2013, il che significa che sono a maggior rischio di gravi complicazioni da COVID-19.

Più parlavamo, più trovavamo la via d’uscita dalla paura che sembrava così piccola in confronto all’entità del problema.

Il quadro più ampio sarebbe: cosa diremmo ai nostri figli? Abbiamo finito di mangiare e abbiamo deciso di andare direttamente al Centennial Park, dove abbiamo sentito che si stava svolgendo la protesta.

Mentre mi sedevo in macchina prima di partire, ho preso un respiro profondo e ho chiamato mia madre per farle sapere i miei piani. Era tutt’altro che scioccata, dato che a casa sono stata scherzosamente chiamata “Angela Davis” a causa dei miei modi grintosi e ribelli quando si tratta di cause a cui tengo profondamente.

Ero terrorizzata per la mia salute, ma avevo più paura di affrontare un giorno una futura figlia o un figlio e dire che avrei lasciato che una malattia ostacolasse la lotta per il loro futuro.

Razzismo sistemico e stress

Settimane prima della mia prima protesta, ho avuto ampie conversazioni con i miei genitori su come fosse pericoloso protestare a causa della mia malattia.

Avevo il cuore spezzato e mi sentivo impotente. Avevo paura di uscire in un grande gruppo per protestare, essendo stato messo in quarantena a casa con il resto del mondo.

Eppure, nonostante non mi fossi esposto a grandi folle durante le proteste, la mia salute soffriva ancora. Più guardavo e leggevo storie sull’ultima persona nera o marrone uccisa per mano della polizia, peggiori i sintomi del mio Crohn, inclusi dolore e insonnia.

Conoscevo fin troppo bene questo tipo di riacutizzazione, poiché sapevo esattamente da cosa derivava.

È ben documentato che lo stress può aggravare la malattia di Crohn, ed era chiaro per me che stavo vivendo una riacutizzazione innescata dallo stress di assistere a come il razzismo sistemico stesse influenzando le persone che mi assomigliavano.

Come le notizie provocano dolore

La prima volta che ho avuto una riacutizzazione del genere è stato nel 2014, un anno dopo la mia diagnosi, quando Tamir Rice è stato ucciso dalla polizia perché impugnava una pistola giocattolo.

Ricordo di aver parlato con mia madre delle pistole giocattolo e di come non ne avesse mai acquistata una o ci avesse permesso di giocarci da bambini.

L’idea che certe restrizioni vengano imposte a un bambino a causa del colore della sua pelle e di come viene percepito è stata una delle cose più offensive che ho dovuto elaborare.

A quel tempo, mi svegliavo in lacrime ogni due mattine, temendo di andare al lavoro e temendo di essere soggetto a conversazioni sul razzismo che vivo ogni giorno con persone che non ne capivano la portata.

Nel 2014, la polizia ha anche ucciso Michael Brown, Jr., Ezell Ford, Eric Garner, Akai Gurley, Laquan McDonald e Yvette Smith.

Mi sono ritrovato a passare ore a leggere articoli e guardare la televisione e i video online di filmati da dash-cam. Mi sembravano tutti omicidi ovvi, ma raramente venivano emesse accuse e ancor più raramente sostenute.

Svegliarsi più e più volte con la notizia della morte di un’altra persona nera o marrone mi stava causando un dolore letterale. Seguivo una dieta rigorosa e prendevo regolarmente le mie iniezioni, ma avevo ancora lo stomaco gonfio, notti agitate, dolore e affaticamento.

Temevo per mio padre, i miei fratelli e i miei nipoti, sapendo che sarebbero stati visti come una minaccia nonostante i loro cuori dolci e gli occhi gentili.

Il trauma quotidiano spesso portava a chiamate con il mio medico e prescrizioni di steroidi per affrontare l’infiammazione che stavo vivendo.

Abbiamo bisogno di parlare di salute mentale e IBD

A giugno, il Washington Post ha riferito che l’ansia e la depressione sono aumentate in seguito alla pubblicazione pubblica del video dell’omicidio di George Floyd.

L’articolo ha osservato che, secondo i risultati del sondaggio del governo federale, il tasso di afroamericani con questi sintomi è aumentato dal 36 al 41 percento (un aumento di 1,4 milioni di persone).

Le persone brune e nere sono colpite in modo sproporzionato dal razzismo sistemico e questo ha un impatto significativo sulla nostra salute mentale, che spesso si manifesta in disturbi fisici, comprese le malattie croniche innescate dallo stress.

Sebbene la malattia di Crohn sia più comune tra le persone di origine europea, il numero è aumentato negli ultimi anni tra gli afroamericani.

Affrontare le riacutizzazioni indotte da traumi è un problema quotidiano per gli afroamericani all’interno della comunità delle malattie infiammatorie intestinali (IBD), ma manca la conversazione sul vivere in un mondo che fa aumentare i sintomi.

I nostri problemi vanno dai cibi scatenanti alle notizie scatenanti e non ci sono prescrizioni o steroidi per alleviare il dolore che spesso segue.


Danielle Cross è la co-fondatrice di BHVA PR, creatrice di contenuti e blogger con sede ad Atlanta, in Georgia, tramite Newport News, in Virginia. I suoi contenuti e blog derivano da esperienze personali che mettono in evidenza la convivenza con una malattia cronica, l’essere neri in America e la vita di un empatico. Nel suo lavoro, spera di aumentare la consapevolezza della malattia di Crohn in tutta la comunità afroamericana e di aiutare gli altri a scoprire il potere interiore di vivere la loro vita migliore anche nei momenti peggiori. Se sei interessato al suo lavoro, puoi trovarla su Instagram, il blog Moonchild, il suo sito web, o sull’app IBD Healthline, dove è ambasciatrice.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here