Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come ho imparato ad accettare la diagnosi di colite ulcerosa da giovane...

Come ho imparato ad accettare la diagnosi di colite ulcerosa da giovane donna

0
4

Il modo in cui vediamo il mondo plasma chi scegliamo di essere e la condivisione di esperienze avvincenti può inquadrare il modo in cui ci trattiamo a vicenda, in meglio. Questa è una prospettiva potente.

“La ragazza con lo stomaco sensibile.” Questo è ciò che ero stato etichettato.

Per anni sono stata solo una ragazza con uno stomaco sensibile che doveva sdraiarsi dopo i pasti, saltare i piani sociali e lasciare la lezione presto. La ragazza che potrebbe essere fuori con i suoi amici una notte, e la prossima a malapena riuscire a lasciare il suo letto. Questi alti e bassi sono diventati il ​​mio modo di vivere.

Ma poi, il 4 agosto 2017, sono passata dalla ragazza con lo stomaco sensibile alla ragazza con una malattia cronica. La ragazza con una malattia autoimmune. La ragazza con la colite ulcerosa.

Mi ci sono voluti quasi 2 anni prima di sentire le parole magiche, “Hai la colite ulcerosa”, e sono stato portato fuori dal centro di gastroenterologia con un opuscolo e una diagnosi. Due anni di dolore, lacrime e confusione. Due anni di aggrappamento alla mia identità di ragazza con lo stomaco sensibile perché avevo paura di essere la ragazza con qualcosa di più serio.

Una ragazza che nega

Nei primi 9 mesi dopo la mia diagnosi di colite ulcerosa, ho assunto una nuova identità: la ragazza negata.

“L’ho detto a tutti. Ne scrivo sul mio blog. Come potrei negare? ” Mi chiedevo, ignorando tutti i razzi, schivando le chiamate del mio medico, correndo ogni giorno chilometro dopo chilometro nonostante i crampi allo stomaco per protesta e assumendomi ogni nuova responsabilità possibile al college.

Il bagliore che stavo ignorando è peggiorato ancora un paio di mesi prima della laurea. Stavo perdendo sempre più sangue, riuscivo a malapena a tenere gli occhi aperti in classe a causa della stanchezza, e lasciavo il lavoro presto più spesso di quanto avessi mai fatto a causa del dolore.

Ma la negazione mi stava tenendo bloccato. La negazione mi diceva che avrei potuto aspettare ancora qualche mese prima di essere a casa. La negazione mi diceva che assorbire i miei ultimi 2 mesi di college era più importante della mia salute. La negazione mi diceva che potevo fare tutte le cose normali che fanno gli altri studenti universitari senza pensarci due volte sulla mia colite ulcerosa.

È stata una smentita che mi ha portato in ospedale un mese dopo la laurea nel 2018. La mia salute era peggiorata e, dopo essere stata incapace di mangiare o bere senza dolori lancinanti, sono stata ricoverata al pronto soccorso.

La negazione aveva creato un cuscino intorno alla mia mente. Mi ha messo nella posizione di “rimanere positivo” in un modo che ora so essere tossico. Ho spinto tutto sotto il tappeto e ho appiccicato un sorriso sul mio viso. Non ho mai elaborato il dolore, la paura o l’ansia che derivano naturalmente dalla malattia cronica.

Il terzo giorno in cui sono rimasto sdraiato nel mio letto d’ospedale, ho deciso che avevo finito di camminare sui gusci d’uovo intorno a me stesso e alla mia diagnosi. Anche se avevo parlato a tutti della mia diagnosi e cambiato la mia dieta per sostenere il mio corpo, mi sono reso conto che non avevo cambiato quello che stava succedendo internamente. Non avevo lavorato sulla mia mentalità o affrontato le emozioni difficili che avevo imbottigliato per supportare meglio la mia colite ulcerosa.

Rifiutando di abbandonare la mia mentalità e il mio stile di vita frenetici, rifiutando di rallentare abbastanza a lungo da ascoltare i miei pensieri e rifiutando di riconoscere il dolore o la paura, mi stavo trattenendo dall’accettazione.

Alla fine ho capito che la mia mentalità era l’ultimo tassello mancante per uscire dalla negazione. La mia missione personale è stata quella di impegnarmi nel mio viaggio di accettazione e di lavorare sulla mentalità andando avanti.

Strumenti per l’autoaccettazione

Credo che trovare accettazione con una malattia cronica è possibile, ed è possibile per tutti. Tuttavia, accettare non significa arrendersi alla propria malattia. Significa riprendersi la vita cambiando la propria mentalità.

La meditazione quotidiana, l’inserimento nel diario e il rallentamento mi hanno aiutato a individuare le mie vere emozioni sulla mia diagnosi e capire i modi in cui avevo bisogno di modificare la mia vita per sostenere il mio corpo. Mi ha aiutato a imparare il potere di essere presente.

Essere presente mi ha aiutato a bandire i pensieri “e se” che mi giravano costantemente nella testa, aiutandomi a vedere che quello che sta succedendo proprio qui, proprio ora, nel mio viaggio con la colite ulcerosa è tutto ciò che conta. Mi ha dato il dono di rallentare abbastanza a lungo da rendermi conto che la mia mentalità è l’unica cosa che posso controllare mentre convivo con una malattia che ha una mente propria.

Anche lavorare sul mio rapporto con me stesso mi ha aiutato immensamente. Man mano che il mio amore per me stesso cresceva, cresceva anche il mio rispetto per me stesso. E quell’amore e il rispetto sono diventati il ​​catalizzatore finale per l’accettazione. A causa di questo amore per me stesso, ho iniziato a dare la priorità ai miei bisogni e ad impegnarmi in routine che mi portassero pace e presenza. L’amor proprio mi ha anche motivato a rilasciare il senso di colpa per aver preso decisioni migliori per me stesso, anche se gli altri non capivano.

Tutti questi pezzi si sono uniti per insegnarmi che il mio mondo interiore – la mia anima, la mia mentalità, le mie emozioni – sono i pezzi più importanti di me. Non quanto lavoro, quanto corro lontano o se sono in grado di “stare al passo” con altre persone della mia età. Nutrire i pezzi del mio mondo interiore mi aiuta a vivere nella bellezza dell’accettazione.

Il mio viaggio verso l’accettazione mi ha mostrato che sono me e che è abbastanza, anche con la colite ulcerosa.

Due anni e mezzo dopo quel ricovero in ospedale che cambia la vita, sono felice di dire di aver trovato un’autentica accettazione vitale. Ho preso i miei pezzi rotti e ho costruito qualcosa di bello: una mente forte e una vita forte. L’accettazione è libertà.

Natalie Kelley, la fondatrice di Plenty and Well, è una mentalità per malattie croniche e un’insegnante di stile di vita, nonché conduttrice del podcast Plenty and Well con sede vicino a Seattle, Washington. Dopo anni di sintomi, le è stata diagnosticata una colite ulcerosa nel 2017 all’età di 21 anni. Ha aperto il suo blog e il suo marchio alcuni anni prima di condividere notizie su salute e benessere. Dopo la diagnosi, ha cambiato percorso per discutere della vita con una malattia cronica e fornire supporto agli altri. Dopo una riacutizzazione che ha cambiato la vita nel 2018 e una degenza in ospedale, Natalie si è resa conto che il suo scopo era più profondo della semplice condivisione della saggezza sui social media. Ha ottenuto la sua certificazione di coaching di salute olistica che l’ha portata dove si trova ora. Offre alle donne con malattie croniche coaching personale e il suo programma di gruppo, The Path to Empowered Acceptance, che aiuta le persone a trovare accettazione, fiducia e gioia nei loro viaggi di salute.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here