Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come funziona l’immunoterapia per trattare il melanoma?

Come funziona l’immunoterapia per trattare il melanoma?

0
3

braccio con IV inserito per infusione

L’immunoterapia è un tipo di trattamento che aiuta il sistema immunitario a lavorare in modo più efficace contro il cancro. A volte è noto come terapia biologica.

Il trattamento con immunoterapia può aiutare:

  • interrompere o rallentare la crescita e la diffusione delle cellule tumorali della pelle del melanoma
  • ridurre i tumori del melanoma che si sono sviluppati in diverse parti del corpo
  • ridurre le probabilità che il melanoma ritorni se è stato rimosso chirurgicamente

Continua a leggere per conoscere i diversi tipi di immunoterapia che possono essere utilizzati per trattare il carcinoma della pelle del melanoma. Quindi parla con il tuo medico per saperne di più sulle tue opzioni di trattamento.

Inibitori del checkpoint

Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi nel sistema immunitario che aiutano a combattere il cancro.

Per impedire alle cellule T di attaccare le cellule sane del corpo, il sistema immunitario utilizza determinate proteine ​​note come “punti di controllo”. A volte le cellule tumorali della pelle del melanoma usano proteine ​​checkpoint per impedire alle cellule T di ucciderle.

Gli inibitori del checkpoint sono un tipo di farmaco che blocca le proteine ​​del checkpoint. Si attaccano agli antigeni all’esterno delle cellule tumorali, il che consente alle cellule T di attaccare e uccidere quelle cellule.

Gli inibitori del checkpoint possono essere prescritti per trattare i melanomi di stadio 3 o 4 che non possono essere rimossi con un intervento chirurgico. Oppure, possono anche essere prescritti in combinazione con un intervento chirurgico.

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato tre tipi di inibitori del checkpoint per il trattamento del melanoma: ipilimumab (Yervoy), pembrolizumab (Keytruda) e nivolumab (Opdivo).

Ipilimumab (Yervoy)

Yervoy blocca un tipo di proteina checkpoint nota come CTLA-4.

Se il medico prescrive Yervoy, riceverà quattro dosi del farmaco attraverso l’infusione endovenosa (IV). Riceverai una dose ogni 3 settimane.

Pembrolizumab (Keytruda)

Keytruda prende di mira una specie di proteina checkpoint chiamata PD-1.

Keytruda viene somministrato per infusione endovenosa, di solito una volta ogni 3 settimane.

Nivolumab (Opdivo)

Come Keytruda, Opdivo prende di mira PD-1.

Se viene trattato con Opdivo, riceverà il farmaco per infusione endovenosa una volta ogni 2-3 settimane. Il medico potrebbe prescrivere Opdivo da solo o in combinazione con Yervoy.

Potenziali effetti collaterali

Il trattamento con inibitori del checkpoint può causare effetti collaterali, come:

  • fatica
  • diarrea
  • mal di testa
  • eruzione cutanea
  • tosse
  • respirazione difficoltosa
  • problemi al fegato, che possono causare pelle e occhi gialli
  • problemi ai polmoni, che possono causare tosse o difficoltà respiratorie
  • problemi alla tiroide, che possono causare variazioni del peso corporeo, della temperatura corporea, della pressione sanguigna o della frequenza cardiaca

In rari casi, il trattamento con inibitori del checkpoint provoca risposte immunitarie potenzialmente letali. Informi immediatamente il medico se si ritiene che potrebbero verificarsi effetti collaterali.

Terapia con citochine

Le citochine sono un tipo di proteina che il tuo corpo produce naturalmente. Gli scienziati possono anche creare citochine artificiali in un laboratorio.

Le citochine agiscono come messaggeri chimici che consentono alle cellule immunitarie di comunicare tra loro. Questo aiuta a controllare come il sistema immunitario risponde alle malattie.

Il trattamento con citochine artificiali può aiutare a rafforzare il sistema immunitario e scatenare una risposta più forte contro le cellule tumorali.

Tre tipi di citochine artificiali sono stati approvati per il trattamento del carcinoma della pelle del melanoma: interferone alfa-2b (Intron A), interferone alfa-2b pegilato (Sylatron) e interleuchina-2 (aldesleuchina, Proleukin).

Interferone alfa-2b (Intron A)

Intron A è usato per trattare il carcinoma cutaneo al melanoma in fase iniziale.

Viene anche usato per trattare alcuni casi avanzati di melanoma, quando il cancro si è diffuso solo nelle aree vicine. Questo è noto come melanoma localmente avanzato.

Intron A viene generalmente somministrato dopo l’intervento chirurgico, come trattamento adiuvante. Può aiutare a ridurre le possibilità che il tumore ritorni dopo essere stato rimosso chirurgicamente.

Se il medico prescrive Intron A, probabilmente riceverà iniezioni ad alte dosi del farmaco diversi giorni alla settimana per un anno.

Interferone alfa-2b pegilato (Sylatron)

Come Intron A, Sylatron viene generalmente somministrato come trattamento adiuvante dopo l’intervento chirurgico. Può aiutare a fermare il ritorno del cancro.

Sylatron viene iniettato sotto la pelle. Se si riceve questo farmaco, il medico prescriverà probabilmente una dose iniziale di 6 mg a settimana per 8 settimane. Dopo aver ricevuto quelle dosi iniziali, il medico può prescrivere una dose più piccola di 3 mg a settimana per un massimo di 5 anni.

Interleuchina-2 (aldesleuchina, Proleuchina)

Il medico può prescrivere Proleukin in caso di carcinoma cutaneo al melanoma di stadio 3 o 4 che si è diffuso ad altre parti del corpo.

A volte, questo farmaco viene utilizzato anche quando il melanoma è tornato dopo il trattamento e ci sono troppi tumori sulla pelle per rimuoverli chirurgicamente.

Il trattamento con Proleukin può aiutare a ridurre e limitare la crescita dei tumori del melanoma.

Se il medico prescrive Proleukin, un operatore sanitario lo inietterà direttamente nel tumore. Avrai bisogno di iniezioni multiple, da due a tre volte al giorno per 1-2 settimane.

Potenziali effetti collaterali

Il trattamento con terapia con citochine può causare effetti indesiderati, come:

  • febbre
  • brividi
  • dolori muscolari
  • dolori articolari
  • fatica
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • perdita di appetito
  • prurito della pelle
  • pelle rossa
  • eruzione cutanea
  • la perdita di capelli
  • accumulo di liquidi
  • cambiamenti d’umore

Questi farmaci possono anche far diminuire il conteggio delle cellule del sangue. Ciò può aumentare il rischio di infezione.

Se pensi di avere sviluppato effetti collaterali, informi immediatamente il medico.

Terapia del virus oncolitico

I virus oncolitici sono virus geneticamente modificati per uccidere le cellule tumorali, senza danneggiare le cellule sane.

Quando un virus oncolitico viene iniettato in un tumore del tumore della pelle del melanoma, entra nelle cellule tumorali e inizia a moltiplicarsi. Ciò provoca lo scoppio e la morte delle cellule tumorali.

Quando le cellule tumorali infette muoiono, rilasciano antigeni. Ciò innesca il tuo sistema immunitario a colpire altre cellule tumorali nel tuo corpo che hanno gli stessi antigeni.

Esiste un tipo di virus oncolitico usato per trattare il melanoma. È noto come talimogene laherparepvec (Imlygic) o T-VEC.

Potenziali effetti collaterali

Il trattamento con T-VEC può causare effetti indesiderati, come:

  • fatica
  • febbre
  • brividi
  • nausea

Se pensi di avere effetti collaterali, contatta il medico.

L’asporto

Se hai il cancro della pelle al melanoma, il medico può prescrivere uno o più tipi di immunoterapia per aiutare a migliorare la capacità del sistema immunitario di trovare e uccidere le cellule tumorali.

L’immunoterapia è spesso combinata con altri trattamenti per il melanoma, come chirurgia, radioterapia o farmaci chemioterapici. Parlate con il vostro medico per saperne di più sulle vostre opzioni di trattamento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here