Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come faccio a sapere di avere la spondilite anchilosante?

Come faccio a sapere di avere la spondilite anchilosante?

0
4

Potresti pensare che il mal di schiena e gli spasmi siano il risultato di un infortunio, ma potrebbe essere la spondilite anchilosante (AS). Ecco cosa cercare per vedere se dovresti fare il test.

Cos’è la spondilite anchilosante?

AS è un tipo di artrite che colpisce tipicamente le vertebre nella colonna vertebrale inferiore. La malattia è caratterizzata dall’infiammazione delle articolazioni vertebrali e delle aree in cui legamenti e tendini si attaccano all’osso. I danni ripetuti e la guarigione fanno progredire l’infiammazione, che può portare alla fusione delle vertebre.

Possono essere colpite anche altre articolazioni, comprese quelle delle costole, del bacino, dei fianchi e dei talloni. L’infiammazione può anche interessare uno o entrambi gli occhi, causando dolore e visione offuscata.

Fattori di rischio di AS

L’AS è una malattia autoimmune e la sua vera causa è sconosciuta. Ma alcuni fattori di rischio sembrano avere un ruolo, tra cui:

  • Età: In genere, sono colpiti quelli nella tarda adolescenza e nella prima metà dell’età adulta.
  • Sesso: I maschi hanno maggiori probabilità di avere AS.
  • Eredità: La presenza di un marcatore genetico chiamato HLA-B27 indica un aumento del rischio di AS.
  • Storia della salute: Anche le infezioni gastrointestinali o genito-urinarie aumentano il rischio di AS.

È importante capire che puoi sviluppare AS anche se non hai questi fattori di rischio. E se hai molti di questi fattori di rischio, potresti non sviluppare mai AS. Alcune persone potrebbero essere geneticamente inclini a contrarre la malattia. Tuttavia, se si verificano frequenti infezioni batteriche nel tratto gastrointestinale o nel tratto genito-urinario, queste infezioni potrebbero innescare un’artrite reattiva, che porta allo sviluppo di AS.

I primi sintomi di AS

I primi sintomi sono solitamente dolore e rigidità articolare nella parte bassa della schiena e nei fianchi, così come le costole, le spalle e la parte posteriore del tallone. Questo dolore e rigidità di solito migliorano con l’esercizio e poi peggiorano con il riposo. I sintomi possono scomparire per un certo periodo di tempo e quindi ripresentarsi.

Quando chiamare il medico

Forse ti starai chiedendo se quel dolore nella parte bassa della schiena è qualcosa di cui preoccuparti. È ora di chiamare il medico se noti uno o più di questi sintomi:

  • Hai iniziato a sentire dolore e rigidità nella zona lombare o pelvica, soprattutto se peggiora al mattino o in altri momenti di riposo.
  • L’esercizio riduce il dolore.
  • Questi sintomi si sono manifestati gradualmente, ma sono durati almeno tre mesi.
  • Il dolore ti sveglia durante la notte e ti impedisce di dormire.
  • I farmaci antinfiammatori non steroidei, come l’ibuprofene (Advil) e il naprossene (Aleve), aiutano i sintomi.
  • Noti dolore alla gabbia toracica ed è difficile o doloroso fare un respiro completo.
  • Uno o entrambi gli occhi sono rossi, gonfi o doloranti.
  • Noti una visione offuscata e un’estrema sensibilità alla luce.

AS diagnosi

La diagnosi di AS può essere difficile, poiché i sintomi possono imitare quelli di altri disturbi. All’inizio, i problemi potrebbero non presentarsi nemmeno nelle scansioni.

È utile tenere un diario dei tuoi sintomi, perché il tuo medico probabilmente vorrà sapere quando e dove hai dolore, quali attività lo rendono peggiore o migliore e quando sono iniziati i sintomi. Questo può aiutare il tuo medico a determinare il giusto set di strumenti diagnostici per te, che possono includere:

  • domande sulla salute, che coprono molti degli argomenti elencati nella sezione precedente
  • esame fisico per individuare “punti caldi” o aree di dolore e infiammazione
  • test di mobilità, per vedere quanto sei in grado di piegarti e torcerti
  • esami del sangue, per verificare il marker genetico HLA-B27 e i marker di infiammazione
  • Scansione a raggi X o MRI per cercare l’infiammazione nelle articolazioni sacroiliache

La verità è che non saprai se hai AS senza un controllo completo dal tuo medico. Se sei preoccupato, è importante parlare con il tuo medico di tutti i tuoi sintomi e di cosa potrebbero significare. Anche se non esiste una cura per l’AS, una serie di opzioni di trattamento può aiutarti a sentirti meglio e continuare a condurre una vita piena.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here