Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come evitare il gonfiore dopo aver mangiato

Come evitare il gonfiore dopo aver mangiato

0
2

Donna che cammina con il cane
Immagini Astrakan / Immagini offset

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Dopo un pasto meraviglioso, sei pronto per rilassarti e passare al resto della giornata. Ma poi succede: i tuoi pantaloni si sentono stretti e il tuo stomaco si sente il doppio delle sue dimensioni normali. Inoltre, potresti anche provare crampi, gas ed eruttazione. Questi sono tutti possibili segni di gonfiore.

Mentre alcune condizioni di salute sottostanti a volte causano gonfiore, è un evento comune che può essere risolto con modifiche alle tue abitudini alimentari. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a evitare quegli episodi di gonfiore a disagio.

1. Conosci i trigger alimentari più comuni

Carboidrati, grassi e proteine ​​possono essere tutti fattori scatenanti del gonfiore. Tuttavia, alcuni cibi possono essere peggiori di altri e i problemi digestivi variano da persona a persona. I trigger di gonfiore comuni includono:

  • mele
  • fagioli
  • verdure crocifere come broccoli, cavolfiori e cavoli
  • latticini
  • lattuga
  • cipolle
  • pesche e pere

Non devi evitare del tutto questi alimenti. Invece, prova a mangiare un potenziale colpevole alla volta e riduci la quantità che mangi se causa gonfiore. Scopri quali alimenti in particolare causano problemi. Ecco un elenco di 13 frutta e verdura a basso contenuto di carboidrati da mangiare.

2. Guarda il tuo apporto di fibre

Gli alimenti fibrosi come cereali integrali, fagioli e legumi possono essere una causa comune di gonfiore. Sebbene questi alimenti siano promossi come più sani rispetto alle loro controparti raffinate, il loro alto contenuto di fibre porta a gonfiarsi in alcune persone.

La fibra è una parte importante di una dieta salutare per il cuore, ma dovresti aumentare gradualmente la quantità che mangi. Ad esempio, invece di passare dai cereali bianchi raffinati ai cereali integrali tutti in una volta, prova a sostituire un prodotto alla volta per vedere come reagisce il tuo corpo.

3. Riponete la saliera

Ormai sai che mangiare troppo sale può causare una serie di problemi di salute a lungo termine, inclusa l’ipertensione. A breve termine, un pasto più salato può portare a ritenzione idrica, che causa gonfiore.

Puoi evitare l’eccesso di sodio nella tua dieta usando erbe aromatiche al posto del sale e riducendo la quantità di alimenti trasformati e confezionati che mangi.

4. Evita i cibi grassi

Ecco un’altra trappola dei pasti ad alto contenuto di grassi: impiegano più tempo per l’elaborazione. Il grasso si muove lentamente attraverso il tratto digestivo e questo può causare gonfiore.

Spiega anche perché il tuo stomaco ha voglia di esplodere dai tuoi vestiti dopo un pasto abbondante e ingrassante, come la tradizionale cena del Ringraziamento.

Tuttavia, non tutti i grassi sono uguali e la digestione può essere diversa tra grassi trans, saturi e insaturi.

Presta attenzione a quali tipi di grasso possono causare problemi. Se i cibi fritti, che hanno grassi saturi e trans, tendono a causare problemi, prova un grasso più sano e insaturo come l’avocado o noci e semi.

Limitare l’assunzione di cibi fritti, trasformati e raffinati può aiutare la digestione e la salute generale.

5. Limitare le bevande gassate

Acqua gassata e soda sono i principali responsabili del gonfiore nel mondo delle bevande. Mentre consumi queste bevande, il gas di anidride carbonica si accumula nel tuo corpo. Questo può portare rapidamente a gonfiore, soprattutto se li bevi velocemente.

L’acqua normale è la migliore. Prova ad aggiungere una fetta di limone per un po ‘di sapore senza gonfiare.

6. Mangia lentamente

Potresti avere l’abitudine di spargere il cibo se sei in difficoltà. Ingerisci anche aria quando lo fai, il che può portare alla ritenzione di gas.

Puoi battere il gonfiore prendendo il tuo tempo mangiando. Mangiare più lentamente può anche ridurre l’assunzione complessiva di cibo, quindi potresti ritrovarti a stringere la cintura piuttosto che allentarla!

7. Vai a fare una passeggiata

Non si possono negare i benefici dell’esercizio per la salute e il benessere generale. Come bonus aggiuntivo, l’allenamento può anche ridurre l’accumulo di gas che contribuisce al gonfiore. Una breve passeggiata può alleviare il gonfiore dopo un pasto, se ne hai voglia.

8. Prova un integratore anti-gas

Gli enzimi digestivi aiutano ad abbattere il cibo e ad assorbire i nutrienti. Un esempio è il integratore anti-gas a-galattosidasi, che aiuta a prevenire l’accumulo di gas da alcuni alimenti.

Mentre di solito sono pubblicizzati per prevenire eruttazioni e flatulenza, queste pillole possono anche alleviare il gonfiore. A seconda della marca, è possibile assumere questi integratori quotidianamente o secondo necessità prima dei pasti per ordine del medico.

Ci sono molti altri enzimi digestivi, tra cui amilasi, lipasi e proteasi, che puoi assumere anche tu. Questi aiutano ad abbattere carboidrati, grassi e proteine ​​e possono essere trovati separatamente o in combinazione di prodotti da banco.

Inoltre, gli integratori probiotici possono aiutare a regolare i batteri buoni nell’intestino, che possono ridurre il gonfiore.

Acquista integratori probiotici.

Quando i cambiamenti dello stile di vita non aiutano

Il gonfiore di solito è solo la risposta naturale del tuo corpo a determinati cibi o abitudini. Ma quando il gonfiore non si allevia con i cambiamenti nella dieta, potrebbe essere il momento di affrontare il problema con il medico.

Questo è particolarmente vero se il gonfiore è accompagnato da forti crampi e movimenti intestinali anormali. Possibili problemi di salute sottostanti includono:

  • Morbo di Crohn
  • allergie alimentari
  • sindrome dell’intestino irritabile (IBS)
  • intolleranza al lattosio
  • celiachia
  • sensibilità al glutine

Non devi sopportare il gonfiore per sempre. Ricorda che determinare la causa alla fine aiuterà a prevenire episodi di gonfiore fastidiosi. Lavora con un dietista registrato se hai bisogno di ulteriore aiuto per trovare gli alimenti o gli integratori giusti per alleviare il gonfiore.

Lo sapevate?

L’American Heart Association e la Food and Drug Administration degli Stati Uniti raccomandano non più di 2.300 mg di sodio al giorno, circa le dimensioni di un cucchiaino di sale. Le persone che sono più sensibili agli effetti del sodio, come quelli con ipertensione o preipertensione, dovrebbero mirare a 1.500 mg o meno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here