Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Come Ann Romney ha affrontato la sua sclerosi multipla

Come Ann Romney ha affrontato la sua sclerosi multipla

0
4

Una diagnosi fatale

La sclerosi multipla (SM) è una condizione che colpisce quasi 1 milione di persone di età superiore ai 18 anni negli Stati Uniti. Causa:

  • debolezza muscolare o spasmi
  • fatica
  • Intorpidimento o formicolio
  • problemi alla vista o alla deglutizione
  • dolore

La SM si verifica quando il sistema immunitario del corpo attacca le strutture di supporto nel cervello, provocandone il danneggiamento e l’infiammazione.

Ann Romney, moglie del senatore statunitense Mitt Romney, ha ricevuto una diagnosi di sclerosi multipla recidivante-remittente nel 1998. Questo tipo di SM va e viene in modo imprevedibile. Per ridurre i suoi sintomi, ha combinato la medicina tradizionale con terapie alternative.

Esordio dei sintomi

Era una frizzante giornata autunnale del 1998 quando Romney sentì le gambe indebolirsi e le mani tremare inspiegabilmente. Ripensandoci, si rese conto di essere inciampata e inciampata sempre più spesso.

Sempre un tipo atletico, giocando a tennis, sciando e facendo jogging regolarmente, Romney si spaventò per la debolezza delle sue membra. Ha chiamato suo fratello Jim, un medico, che le ha detto di vedere un neurologo appena possibile.

Al Brigham and Women’s Hospital di Boston, una risonanza magnetica del suo cervello ha rivelato le lesioni rivelatrici caratteristiche della SM. Il torpore si diffuse al suo petto. “Mi sentivo divorata”, ha detto al Wall Street Journal, per gentile concessione di CBS News.

Steroidi IV

Il trattamento principale per gli attacchi di SM è una dose elevata di steroidi iniettati nel flusso sanguigno nel corso di tre-cinque giorni. Gli steroidi sopprimono il sistema immunitario e calmano i suoi attacchi al cervello. Riducono anche l’infiammazione.

Sebbene alcune persone con SM richiedano altri farmaci per gestire i loro sintomi, per Romney gli steroidi erano sufficienti per ridurre gli attacchi.

Tuttavia, gli effetti collaterali degli steroidi e di altri farmaci sono diventati troppo da sopportare. Per recuperare forza e mobilità, aveva il suo piano.

Terapia equina

Gli steroidi hanno aiutato con l’attacco, ma non hanno aiutato la fatica. “L’inesorabile, estrema stanchezza era improvvisamente la mia nuova realtà”, ha scritto. Poi, Romney ha ricordato il suo amore per i cavalli.

All’inizio poteva andare in bicicletta solo per pochi minuti al giorno. Ma con determinazione, ha presto riacquistato la sua capacità di cavalcare e, con essa, la sua capacità di muoversi e camminare liberamente.

“Il ritmo dell’andatura di un cavallo assimila da vicino quello di un essere umano e muove il corpo del cavaliere in un modo che migliora la forza muscolare, l’equilibrio e la flessibilità”, ha scritto. “La connessione sia fisica che emotiva tra cavallo e umano è potente oltre ogni spiegazione.”

Uno studio del 2017 ha rilevato che la terapia equina, chiamata anche ippoterapia, può migliorare l’equilibrio, l’affaticamento e la qualità generale della vita nelle persone con SM.

Riflessologia

Quando la sua coordinazione tornò, la gamba di Romney rimase insensibile e debole. Ha cercato i servizi di Fritz Blietschau, un meccanico dell’Air Force diventato praticante di riflessologia vicino a Salt Lake City.

La riflessologia è una terapia complementare che prevede il massaggio delle mani e dei piedi per provocare cambiamenti nel dolore o altri benefici in altre parti del corpo.

UN Studio del 2015 ha esaminato la riflessologia e il rilassamento per l’affaticamento nelle donne con SM. I ricercatori hanno scoperto che la riflessologia era più efficace del rilassamento nel ridurre la fatica.

Agopuntura

Romney ha anche cercato l’agopuntura come trattamento. L’agopuntura funziona inserendo aghi sottili in punti specifici della pelle. Si stima che dal 20 al 25% delle persone con SM provi l’agopuntura per alleviare i sintomi.

Sebbene alcuni studi possano aver scoperto che aiuta alcuni pazienti, la maggior parte degli specialisti ritiene che non offra alcun vantaggio.

Famiglia, amici e fiducia in se stessi

“Non credo che nessuno possa prepararsi per una diagnosi come questa, ma sono stato molto fortunato ad avere l’amore e il sostegno di mio marito, della mia famiglia e dei miei amici”, ha scritto Romney.

Sebbene avesse la sua famiglia al suo fianco in ogni fase del percorso, Romney sentiva che il suo atteggiamento personale di autosufficienza l’aveva aiutata a superare il suo calvario.

“Anche se ho avuto l’amorevole sostegno della mia famiglia, sapevo che questa era la mia battaglia”, ha scritto. “Non ero interessato ad andare alle riunioni di gruppo o a ricevere aiuto. Dopotutto, ero forte e indipendente. “

Supporto nella comunità

Ma Romney non può fare tutto da solo. “Con il passare del tempo e con il passare del tempo ho fatto i conti con la convivenza con la sclerosi multipla, mi sono resa conto di quanto mi sbagliavo e di quanta forza puoi guadagnare attraverso gli altri”, ha scritto.

Raccomanda alle persone che convivono con la sclerosi multipla, in particolare le persone di nuova diagnosi, di entrare in contatto e connettersi con altri nella comunità online della National Multiple Sclerosis Society.

La vita oggi

Oggi Romney si occupa della sua SM senza alcun farmaco, preferendo terapie alternative per mantenerla sana, anche se a volte questo si traduce in riacutizzazioni occasionali.

“Questo programma di trattamento ha funzionato per me e sono molto fortunato ad essere in remissione. Ma lo stesso trattamento potrebbe non funzionare per gli altri. E tutti dovrebbero seguire le raccomandazioni del proprio medico personale “, ha scritto Romney.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here