Coma

0
4

Un coma è uno stato prolungato di incoscienza. Un coma si verifica quando una parte del cervello è danneggiata, temporaneamente o permanentemente. Questo danno provoca perdita di coscienza, incapacità di svegliarsi e mancanza di risposta a stimoli come dolore, suono e luce. La parola “coma” deriva dalla parola greca “koma”, che significa “sonno profondo”.

I coma hanno una serie di potenziali cause. Questi vanno da lesioni o malattie a ictus, tumori, abuso di alcol e droghe.

Una persona che è in coma è viva ma non è in grado di muoversi a volontà. Non possono pensare, parlare o rispondere al loro ambiente. Funzioni importanti, come la respirazione e la circolazione sanguigna, rimangono intatte.

Il coma è un’emergenza medica. Gli operatori sanitari devono lavorare rapidamente per preservare la vita e la funzione del cervello. Devono anche mantenere il paziente in buona salute durante il suo coma.

Un coma può essere difficile da diagnosticare e trattare. Di solito non dura più di quattro settimane e il recupero avviene gradualmente. Alcuni pazienti, tuttavia, sono rimasti in coma per anni o addirittura decenni.

Cosa causa il coma?

I coma sono causati da danni al cervello, in particolare il corteccia dell’emisfero cerebrale bilaterale diffusao il sistema di attivazione reticolare. Quest’area del cervello controlla l’eccitazione e la consapevolezza. Il danno qui può derivare da molti potenziali fattori. Ciò include lesioni alla testa, perdita di ossigeno, sanguinamento o pressione nel cervello, infezioni, problemi metabolici e fattori tossici. Alcuni esempi specifici includono:

  • lesioni cerebrali traumatiche, come quelle causate da incidenti stradali o scontri violenti
  • ictus (ridotto afflusso di sangue al cervello)
  • tumori nel cervello o nel tronco cerebrale
  • mancanza di ossigeno al cervello dopo essere stato salvato dall’annegamento o da un attacco di cuore
  • diabete, che fa diventare i livelli di zucchero nel sangue troppo alti (iperglicemia) o troppo bassi (ipoglicemia) e può portare a gonfiore nel cervello
  • sovradosaggio di droghe o alcol
  • avvelenamento da monossido di carbonio
  • accumulo di tossine nel corpo, come ammoniaca, urea o anidride carbonica
  • avvelenamento da metalli pesanti come il piombo
  • infezioni come meningite o encefalite
  • convulsioni ripetute
  • squilibrio elettrolitico

Quali sono i sintomi di un coma?

Un coma è un’emergenza medica e richiede cure mediche immediate. I segni di un coma possono includere:

  • occhi chiusi
  • insensibilità
  • respirazione irregolare
  • nessuna risposta degli arti, ad eccezione dei riflessi
  • nessuna risposta al dolore, ad eccezione dei riflessi
  • gli alunni non rispondono alla luce

Come viene diagnosticato un coma?

Le persone in coma non possono parlare o esprimersi in altri modi. Gli operatori sanitari devono fare affidamento sulle informazioni dei propri cari o dei testimoni. Cercano anche qualsiasi segno fisico che possa fornire informazioni su ciò che ha causato il coma.

L’operatore sanitario chiederà ad amici e parenti eventuali eventi o sintomi che hanno portato al coma. Chiederanno anche dettagli sui recenti cambiamenti nella vita del paziente, nella storia medica e nell’uso di droghe. I farmaci preoccupanti includono farmaci da prescrizione e farmaci da banco, nonché droghe ricreative.

Verrà condotto un esame fisico. Ciò potrebbe includere:

  • controllo dei riflessi
  • osservare i modelli di respirazione
  • verificare la presenza di segni di lividi sulla pelle che potrebbero essere stati causati da un trauma
  • determinare la risposta del paziente a stimoli dolorosi
  • osservando le dimensioni della pupilla

Verranno utilizzati esami del sangue e altri esami di laboratorio per verificare quanto segue:

  • emocromo
  • tiroide e funzionalità epatica
  • livelli di elettroliti
  • avvelenamento da monossido di carbonio
  • overdose di droga
  • sovradosaggio di alcol
  • infezioni del sistema nervoso

I test possono essere utilizzati per creare immagini del cervello (scansioni cerebrali), per individuare aree di lesione cerebrale e per cercare segni di emorragia cerebrale, tumori, ictus o attività convulsiva. Questi test includono:

  • scansioni di tomografia computerizzata (TC), che utilizzano i raggi X per creare un’immagine dettagliata del cervello
  • risonanza magnetica per immagini (MRI),che utilizza onde radio e magneti per visualizzare il cervello; e
  • elettroencefalografia (EEG),che misura l’attività elettrica all’interno del cervello

Come viene trattato un coma?

La prima priorità del trattamento è preservare la vita e la funzione del cervello. Gli antibiotici possono essere somministrati immediatamente, nel caso in cui ci sia un’infezione nel cervello. I farmaci per il trattamento della condizione sottostante saranno somministrati se la causa del coma è nota, come nel caso di un sovradosaggio di droga. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per ridurre il gonfiore nel cervello.

Un team di professionisti medici lavorerà con il paziente in coma una volta stabilizzato. Lavoreranno per prevenire infezioni, piaghe da decubito e contratture muscolari. Il team si assicurerà inoltre di fornire al paziente un’alimentazione equilibrata durante il coma.

Cosa ci si può aspettare a lungo termine?

Un coma di solito non dura più di quattro settimane. Tuttavia, alcune persone possono rimanere in coma molto più a lungo. I risultati a lungo termine dipendono da cosa ha causato il coma e dalla sede e dall’entità del danno al cervello. La prognosi può essere buona per le persone i cui coma sono causati da un sovradosaggio di droga. La gravità del danno cerebrale determina il risultato a lungo termine.

Alcune persone escono da un coma con problemi fisici, intellettuali o psicologici. È improbabile che i pazienti che rimangono in coma per più di un anno escano da quello stato. Le potenziali complicanze durante un coma includono infezioni, coaguli di sangue e piaghe da decubito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here