Cittadino britannico identificato come rapitore di ostaggi nella sinagoga del Texas

0
97

L’FBI nomina Malik Faisal Akram, 44 anni, come l’uomo che ha preso in ostaggio quattro persone per 10 ore nello stato americano del Texas.

Un ostaggio è stato rilasciato illeso dopo essere stato trattenuto per sei ore e gli altri tre sono stati successivamente liberati in sicurezza dalla squadra dell’FBI [Brandon Wade/AP Photo]

Le autorità degli Stati Uniti hanno identificato un cittadino britannico di 44 anni come l’uomo che ha preso in ostaggio quattro persone in una sinagoga del Texas per 10 ore prima che una squadra SWAT dell’FBI prendesse d’assalto l’edificio, ponendo fine a una tesa situazione di stallo che il presidente Joe Biden ha definito “un atto di terrore”.

L’FBI ha identificato l’uomo come Malik Faisal Akram, 44 anni, che è stato ucciso dopo il rilascio sicuro dei suoi quattro ostaggi sabato notte.

In una dichiarazione, l’FBI ha affermato che non vi era alcuna indicazione che qualcun altro fosse coinvolto. Non ha fornito un possibile motivo per l’attacco.

Sabato sera l’FBI e le portavoce della polizia hanno rifiutato di rispondere alle domande su chi ha sparato ad Akram quando la situazione di stallo alla Congregazione Beth Israel vicino a Fort Worth è finita.

Nel Regno Unito, la polizia di Greater Manchester ha affermato che la sua unità antiterrorismo ha effettuato due arresti in relazione all’incidente.

“Due adolescenti sono stati arrestati a South Manchester questa sera”, si legge nella nota. “Rimangono in custodia per essere interrogati”.

Si poteva sentire Akram declamare su un live streaming di Facebook dei servizi e chiedere il rilascio di un neuroscienziato pakistano che è stato condannato per aver tentato di uccidere ufficiali dell’esercito americano in Afghanistan.

Il video della stazione televisiva di Dallas WFAA mostrava persone che correvano fuori da una porta nella sinagoga, e poi un uomo con in mano una pistola che apriva la stessa porta pochi secondi dopo prima di girarsi e chiuderla. Pochi istanti dopo, si udirono diversi colpi di arma da fuoco, seguiti dal suono di un’esplosione.

L’incidente a Colleyville, in Texas, “è stato un atto di terrore”, ha detto Biden, che era a Filadelfia con la First Lady Jill Biden per onorare l’eredità del leader dei diritti civili ucciso Martin Luther King Jr.

“Presumibilmente – non ho tutti i fatti, né il procuratore generale – ma presumibilmente l’affermazione era che aveva le armi per strada”, ha detto Biden.

“Li ha acquistati quando è atterrato e si scopre che a quanto pare non c’erano bombe di cui siamo a conoscenza… A quanto pare ha trascorso la prima notte in un rifugio per senzatetto. Non ho ancora tutti i dettagli, quindi sono riluttante ad entrare in molti più dettagli”, ha detto il presidente.

Un veicolo della polizia con luci blu lampeggianti fuori dalla sinagoga di ColleyvilleL’aggressore, chiamato come cittadino britannico Malik Faisal Akram, è stato ucciso dopo il rilascio dei quattro ostaggi [Brandon Bell/Getty Images via AFP]

L’agente speciale dell’FBI in carica Matt DeSarno ha detto che il rapitore era specificamente concentrato su una questione non direttamente collegata alla comunità ebraica e non c’era alcuna indicazione immediata che l’uomo facesse parte di un piano più ampio. Ma DeSarno ha affermato che l’indagine dell’agenzia “avrà una portata globale”.

Non era chiaro perché Akram avesse scelto la sinagoga.

La polizia è stata chiamata per la prima volta alla sinagoga intorno alle 11:00 e le persone sono state evacuate dall’area circostante subito dopo, ha detto la portavoce dell’FBI di Dallas Katie Chaumont.

Sabato notte una squadra di salvataggio degli ostaggi dell’FBI ha preso d’assalto la sinagoga, ponendo fine a una situazione di stallo di 10 ore con la polizia da parte dell’uomo armato, che ha interrotto un servizio sabbatico e ha preso in ostaggio il rabbino e altre tre persone.

Un ostaggio è stato rilasciato illeso dopo essere stato trattenuto per sei ore e gli altri tre sono stati successivamente liberati in sicurezza dalla squadra dell’FBI.

Domenica, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha condannato la presa di ostaggi in sinagoga come un “atto di terrorismo e antisemitismo”.

“Siamo al fianco degli Stati Uniti nella difesa dei diritti e delle libertà dei nostri cittadini contro coloro che diffondono odio”, ha scritto Truss su Twitter.

La situazione degli ostaggi in Texas sembrava essere un incidente isolato, ma le sinagoghe a New York e in altre parti del paese hanno aumentato la sicurezza in risposta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here