Che cos’è una fotocamera Micro Quattro Terzi?

0
4

immagine di anteprima che mostra il logo micro quattro terzi

Parliamo regolarmente di fotocamere full frame e sensore di ritaglio qui su How-To Geek, ma ci sono anche altri formati di sensori. Diamo una rapida occhiata a un’opzione sempre più popolare: Micro Quattro Terzi.

Un sensore più piccolo con un rapporto di aspetto diverso

Il sensore in formato Micro Quattro Terzi viene normalmente utilizzato in piccole fotocamere mirrorless focalizzate sul consumatore con obiettivi intercambiabili, realizzate da Panasonic e Olympus, anche se è possibile trovarlo anche in alcuni point-and-shoot di fascia alta. È più piccolo del sensore utilizzato in quasi tutte le reflex digitali, sebbene significativamente più grande dei chip presenti nella maggior parte degli smartphone.

Micro Quattro Terzi ha un sensore da 17,3 mm x 13 mm. È un po’ più piccolo del sensore di formato full frame da 36 mm x 24 mm e circa il 60% delle dimensioni del sensore di ritaglio APS-C più comune, 23,6 mm x 15,7 mm.

immagine che mostra le dimensioni relative del sensore
Le dimensioni relative del sensore della maggior parte delle fotocamere smartphone (blu), Micro Quattro Terzi (verde), APS-C (giallo) e Full-Frame (rosso).

Micro Quattro Terzi ha un fattore di ritaglio di circa 2. Ciò significa che un obiettivo da 50 mm su una fotocamera Micro Quattro Terzi ha lo stesso campo visivo di un obiettivo da 100 mm su una fotocamera full frame. (È più o meno lo stesso di un obiettivo da 70 mm su una fotocamera APS-C, che ha un fattore di ritaglio di 1,5.)

Il formato Micro Quattro Terzi ha anche un rapporto di aspetto leggermente diverso dagli altri formati di sensore. Sebbene utilizzino il rapporto di aspetto 3:2, Micro Four Thirds ha un rapporto di aspetto di 4:3 (da cui il nome). Se ottieni una fotocamera Micro Quattro Terzi, potresti trovarti a dover ritagliare le tue immagini più spesso.

Confronto del campo visivo di un obiettivo da 50 mm su una fotocamera full frame, APS-C e Micro Quattro Terzi
Confronto del campo visivo di un obiettivo da 50 mm su una fotocamera full frame, APS-C e Micro Quattro Terzi.

I pro ei contro di Micro Quattro Terzi

La dimensione del sensore influisce molto su un’immagine. Più grande è il sensore, migliori sono le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Questo è il motivo per cui le fotocamere degli smartphone possono faticare così tanto di notte. Influisce anche sulla profondità di campo. Con sensori più grandi, è più facile ottenere sfondi più sfocati e pieni di bokeh. Ancora una volta, i sensori più piccoli sono il motivo per cui gli smartphone devono “fingere”.

Annuncio pubblicitario

Micro Four Thirds si trova in un’interessante intersezione tra smartphone e fotocamere dedicate più grandi. I sensori più grandi possono consentire di scattare immagini di qualità superiore. Tuttavia, non ottieni le stesse prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione o ritratti facili come con una fotocamera full frame.

Anche il fattore di raccolto può essere un vantaggio. Ti consente di ottenere foto più ingrandite con teleobiettivi più corti e più leggeri. È davvero conveniente se ti piace fotografare sport o fauna selvatica. Una delle cose più deludenti delle reflex digitali è quanto siano costosi gli obiettivi lunghi.

A parte il sensore, le fotocamere Micro Quattro Terzi di Olympus e Panasonic sono normalmente convenienti, facili da trasportare e buone per girare video. Se stai cercando una fotocamera mirrorless abbastanza piccola da poter essere portata in giro, vale la pena prenderla in considerazione.

RELAZIONATO: Perché le fotocamere mirrorless non sono più piccole?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here