Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos’è la sindrome di Lima?

Che cos’è la sindrome di Lima?

0
8

Vladimir Godnik / Getty Images

Potresti aver sentito il termine “sindrome di Stoccolma” prima. È quando un individuo sviluppa una connessione positiva con il suo rapitore o aggressore.

Sapevi che esiste un opposto della sindrome di Stoccolma? Si chiama sindrome di Lima. Nella sindrome di Lima, un rapitore o un aggressore forma una connessione positiva con la propria vittima.

Continua a leggere mentre esploriamo cos’è esattamente la sindrome di Lima, la sua storia e altro ancora.

Qual è la definizione della sindrome di Lima?

La sindrome di Lima è una risposta psicologica in cui un rapitore o aggressore sviluppa un legame positivo con una vittima. Quando ciò accade, possono diventare empatici nei confronti delle circostanze o delle condizioni dell’individuo.

Nel complesso, non ci sono molte informazioni disponibili sulla sindrome di Lima. Sebbene ci siano alcuni potenziali esempi di ciò nelle notizie e nella cultura popolare, la ricerca scientifica e gli studi di casi rimangono scarsi.

Qual è la storia dietro la sindrome di Lima?

La sindrome di Lima prende il nome da una crisi di ostaggi iniziata alla fine del 1996 a Lima, in Perù. Durante questa crisi, diverse centinaia di ospiti a una festa organizzata dall’ambasciatore giapponese furono catturati e tenuti in ostaggio.

Molti dei prigionieri erano diplomatici di alto livello e funzionari governativi. I loro rapitori erano membri del Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru (MTRA), la cui richiesta chiave era il rilascio dei membri MTRA dalla prigione.

Nel primo mese della crisi è stato rilasciato un gran numero di ostaggi. Molti di questi ostaggi erano di grande importanza, facendo sembrare il loro rilascio controintuitivo nel contesto della situazione.

Cos’è successo qua?

Piuttosto che gli ostaggi che formano un legame positivo con i loro rapitori, come accade nella sindrome di Stoccolma, sembra che sia avvenuto il contrario: molti dei rapitori hanno cominciato a provare simpatia per i loro prigionieri.

Questa risposta è stata chiamata sindrome di Lima. Gli effetti della sindrome di Lima hanno diminuito la probabilità che i prigionieri venissero danneggiati mentre aumentavano le possibilità che sarebbero stati liberati o autorizzati a fuggire.

La crisi degli ostaggi si è conclusa nella primavera del 1997, quando i rimanenti ostaggi sono stati liberati durante un’operazione delle forze speciali.

Quali sono i sintomi della sindrome di Lima?

In generale, un individuo può avere la sindrome di Lima quando:

  • sono nella posizione di rapitore o abusatore
  • formare una connessione positiva con la loro vittima

È importante notare che il termine “connessione positiva” è molto ampio e potrebbe includere molti tipi di sentimenti. Alcuni esempi potrebbero potenzialmente includere uno o una combinazione dei seguenti:

  • provare empatia per la situazione di un prigioniero
  • diventando più attento ai bisogni o ai desideri di un prigioniero
  • iniziando a identificarsi con un prigioniero
  • sviluppare sentimenti di attaccamento, affetto o persino affetto per un prigioniero

Quali sono le cause della sindrome di Lima?

La sindrome di Lima è ancora poco conosciuta e sono state fatte pochissime ricerche su ciò che la causa. Molto di ciò che sappiamo deriva dalla crisi degli ostaggi che ha dato il nome alla sindrome di Lima.

Dopo la crisi, le persone coinvolte sono state valutate da un’équipe medica, che ha scoperto che molti membri della MTRA hanno sviluppato attaccamenti ai loro prigionieri. Alcuni hanno persino affermato di voler frequentare la scuola in Giappone in futuro.

Sono state inoltre osservate le seguenti caratteristiche:

  • Gioventù: Molti dei membri MTRA coinvolti nella crisi degli ostaggi erano adolescenti o giovani adulti.
  • Ideologia: Molti dei rapitori avevano poca conoscenza delle reali questioni politiche dietro l’operazione e sembravano essere coinvolti più per guadagno monetario.

Da queste informazioni, sembra che gli individui che sviluppano la sindrome di Lima possano essere più giovani, più inesperti o privi di forti convinzioni.

Oltre a queste qualità, altri fattori potrebbero svolgere un ruolo:

  • Rapporto: Stabilire un rapporto amichevole con un rapitore potrebbe contribuire a creare un legame positivo. Ricorda che molti dei prigionieri nella crisi di Lima erano diplomatici che avrebbero avuto esperienza di comunicazione e negoziazione.
  • Tempo: Trascorrere un periodo prolungato con una persona potrebbe favorire la crescita di una connessione. Tuttavia, è improbabile che questo abbia avuto un ruolo importante nella crisi di Lima, poiché molti ostaggi sono stati rilasciati presto.

Quali sono alcuni esempi di sindrome di Lima?

Oltre alla crisi degli ostaggi a Lima, potresti chiederti altri esempi della sindrome di Lima. Esploriamo alcuni esempi di seguito.

La bella e la bestia

Nella classica fiaba “La bella e la bestia”, il personaggio Belle viene catturato dalla Bestia per vendicare l’intrusione di suo padre. (Le specifiche variano tra le versioni, ma questo è un punto centrale della trama.)

Inizialmente, la Bestia è crudele con lei e la rinchiude in una stanza del castello. A differenza di qualcuno che sta vivendo la sindrome di Stoccolma, Belle ha sentimenti negativi e risentiti verso la Bestia.

Nel corso del tempo, i sentimenti della Bestia nei confronti di Belle si ammorbidiscono. Si identifica con la sua situazione di prigionia e le consente la libertà all’interno del parco del castello. Desiderando ancora lasciare la sua prigionia, Belle nota con cautela questi cambiamenti nella Bestia.

Ma quando il padre di Belle si ammala, Belle chiede alla Bestia di lasciarla andare in modo che possa prendersi cura di suo padre malato. La Bestia, provando empatia per lei, le permette di lasciare il castello per tornare a casa.

Va notato che quando Belle se ne va, non ha intenzione di tornare al castello della Bestia. Alla fine, lo fa per impedire che la Bestia riformata venga uccisa dai cittadini, che sono stati provocati a ucciderlo da un antagonista di nome Gaston.

Un caso reale di sindrome di Lima

Un esempio della sindrome di Lima nella vita reale è documentato in un articolo di Vice sulla connessione positiva che si è formata tra un uomo nell’Uttar Pradesh, in India, e i suoi rapitori.

In realtà è un buon esempio sia della sindrome di Lima che della sindrome di Stoccolma sul lavoro, poiché l’uomo rapito ha iniziato a relazionarsi con i valori dei suoi rapitori e i rapitori hanno iniziato a trattarlo gentilmente e alla fine lo hanno rilasciato nel suo villaggio.

Come puoi affrontare la sindrome di Lima?

Attualmente, non abbiamo molte informazioni o rapporti di prima mano sulla sindrome di Lima e su come può avere un impatto su coloro che la sviluppano.

Il legame tra i rapitori e i loro prigionieri e ciò che lo influenza è un argomento che richiede più ricerca.

A prima vista, si è tentati di vedere la sindrome di Lima sotto una luce positiva. Questo perché è associato a un rapitore o abusatore che sviluppa una connessione positiva o empatia con la vittima.

Ma è importante tenere a mente che questa connessione si verifica all’interno di una dinamica di potere ineguale e spesso in circostanze traumatiche.

Per questo motivo, è possibile che le persone con la sindrome di Lima possano sperimentare pensieri e sentimenti conflittuali o confusi.

Se sei stato coinvolto in una situazione in cui ritieni di aver sviluppato la sindrome di Lima, cerca una consulenza psicologica per aiutarti a comprendere e affrontare meglio i sentimenti che stai vivendo.

Come si confronta la sindrome di Lima con la sindrome di Stoccolma?

Nella sindrome di Stoccolma, un individuo sviluppa sentimenti positivi verso il suo rapitore o aggressore. È l’opposto della sindrome di Lima.

Si ritiene che la sindrome di Stoccolma possa essere un meccanismo di coping per aiutare qualcuno a elaborare e accettare la propria situazione durante un periodo di trauma.

Mentre la sindrome di Lima è poco definita, ci sono quattro caratteristiche che sono spesso associati allo sviluppo della sindrome di Stoccolma. Questi sono quando un individuo:

  • crede che ci sia una minaccia per la loro vita che verrà portata a termine
  • percepisce valore in piccoli atti di gentilezza da parte del loro rapitore o aggressore
  • è isolato da punti di vista o prospettive diverse da quelle del loro rapitore o aggressore
  • non crede di poter fuggire dalla loro situazione

Ci sono più ricerche sulla sindrome di Stoccolma che sulla sindrome di Lima, anche se spesso sono limitate a piccoli studi.

Oltre alle situazioni di rapimento e ostaggio, la ricerca indica che la sindrome di Stoccolma può insorgere nelle seguenti situazioni:

  • Relazioni abusive: Questo può includere qualsiasi forma di abuso fisico, emotivo o sessuale. Un documento del 2007 rileva che è possibile che coloro che subiscono abusi formino un attaccamento o collaborino con il loro aggressore.
  • Traffico sessuale: UN Studio 2018 analizzando le interviste con le lavoratrici del sesso ha scoperto che molti dei loro resoconti personali della loro esperienza erano coerenti con gli aspetti della sindrome di Stoccolma.
  • Abusi sui minori: UN articolo del 2005 osserva che il legame emotivo che può svilupparsi tra un bambino e il suo aggressore può consentire a chi abusa ma anche proteggerlo molto tempo dopo che l’abuso è cessato.
  • Gli sport: Un documento del 2018 ha esplorato le dinamiche relazionali tra atleti e allenatori che utilizzano metodi di coaching abusivi e come può essere un esempio della sindrome di Stoccolma.

È anche importante ricordare che ogni individuo reagisce in modo diverso allo stress e al trauma. Pertanto, non tutte le persone svilupperanno la sindrome di Stoccolma se poste in una delle situazioni di cui sopra.

Mentre la sindrome di Lima è stata osservata in scenari di rapimento e presa di ostaggi, al momento non è noto se possa svilupparsi all’interno dei quattro scenari aggiuntivi discussi sopra.

L’asporto

La sindrome di Lima è una risposta psicologica in cui un rapitore o un aggressore forma una connessione positiva con una vittima. È l’opposto della sindrome di Stoccolma ed è stata descritta per la prima volta dopo una crisi di ostaggi a Lima, in Perù, negli anni ’90.

I rapporti successivi alla crisi degli ostaggi di Lima indicano che la giovinezza, l’inesperienza e l’ideologia dei rapitori potrebbero aver avuto un ruolo nello sviluppo della sindrome di Lima. Potrebbe aver contribuito anche un rapporto con i loro prigionieri.

Nel complesso, ci sono poche informazioni attualmente disponibili sulla sindrome di Lima o su come e quando trattarla. Prendere parte alla consulenza psicologica può aiutare le persone a far fronte ai sentimenti associati alla sindrome di Lima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here