Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos’è la respirazione artificiale e in cosa differisce dalla RCP?

Che cos’è la respirazione artificiale e in cosa differisce dalla RCP?

0
6

Una donna esegue la respirazione artificiale su un manichino.
Peter Muller/Getty Images

La respirazione artificiale è un tipo di primo soccorso che viene dato alle persone che hanno smesso di respirare. Durante la respirazione di soccorso, soffi aria nella bocca di una persona per fornire loro ossigeno vitale.

La respirazione di soccorso può essere eseguita da sola o come parte della rianimazione cardiopolmonare (RCP). La tecnica utilizzata può variare a seconda che venga eseguita su un adulto o su un bambino.

In questo articolo, discuteremo più in dettaglio la tecnica della respirazione artificiale, quando è necessaria e in che modo differisce dalla RCP.

Che cos’è la respirazione artificiale e quando è necessaria?

L’ossigeno è essenziale per la vita. Quando respiri, l’ossigeno entra nel flusso sanguigno attraverso minuscole sacche d’aria nei polmoni chiamate alveoli. Una volta nel flusso sanguigno, l’ossigeno può viaggiare in ogni parte del corpo.

La respirazione di soccorso è una tecnica di primo soccorso che viene eseguita quando qualcuno ha smesso di respirare (noto anche come arresto respiratorio). La respirazione di soccorso viene anche chiamata rianimazione bocca a bocca.

Le situazioni che possono causare l’arresto della respirazione possono includere quanto segue:

  • un infortunio dovuto a caduta, incidente stradale o scossa elettrica
  • quasi annegamento
  • un infarto
  • qualcosa bloccato nella trachea
  • condizioni che rendono difficile la respirazione, come polmonite, asma o disturbo polmonare ostruttivo cronico (BPCO)
  • un’overdose di droga o alcol
  • una lesione da inalazione dovuta alla respirazione di fumo o fumi chimici

Quando esegui la respirazione artificiale, soffi delicatamente aria nella bocca di una persona. Questo aiuta a fornire loro ossigeno vitale fino all’arrivo dell’aiuto medico.

In che modo la respirazione artificiale differisce dalla RCP?

I respiri di soccorso possono essere somministrati da soli o come parte della RCP. Per questo motivo, potresti chiederti in che modo i due sono diversi.

I respiri di soccorso possono essere somministrati da soli quando una persona ha il polso ma non respira. La RCP viene eseguita quando il battito cardiaco di una persona e il respiro si è fermato. La RCP prevede cicli di compressioni toraciche e respirazione artificiale.

Non è raro che l’arresto cardiaco (arresto del battito cardiaco) si verifichi poco dopo l’arresto respiratorio. Per questo motivo, potresti scoprire che somministrare la RCP è più comune in una situazione di emergenza rispetto alla sola somministrazione di respiri di soccorso.

Ci sono situazioni in cui la respirazione artificiale non dovrebbe essere eseguita?

Ci sono alcuni casi in cui la respirazione artificiale non è raccomandata. Ciò è più applicabile quando la respirazione artificiale viene eseguita come parte della RCP.

L’American Heart Association (AHA) ha aggiornato le sue linee guida CPR nel 2010. In queste nuove linee guida, l’AHA raccomanda:

  • Le persone senza addestramento alla RCP eseguono la RCP solo con le mani. Questa è la RCP che utilizza solo compressioni toraciche senza ventilazioni di soccorso. In questa situazione, eseguiresti compressioni toraciche rapide e ininterrotte fino all’arrivo dei soccorsi.
  • Le compressioni toraciche vengono prima della respirazione artificiale. Potresti aver sentito parlare dell’ABC del primo soccorso, che sta per vie aeree, respirazione e compressioni. Questo acronimo è stato ora aggiornato in CAB (compressioni, vie aeree, respirazione), con le compressioni toraciche prima della respirazione.

Questi cambiamenti sono avvenuti perché il processo di apertura delle vie aeree e di somministrazione efficace di respiri di soccorso può richiedere tempo vitale. Secondo le nuove linee guida, l’inizio tempestivo delle compressioni toraciche può aiutare a pompare il sangue ancora ossigenato nei tessuti del corpo.

La ricerca supporta questi cambiamenti. Ad esempio, una revisione del 2017 ha rilevato che, quando la RCP viene eseguita da un astante, la semplice somministrazione di compressioni toraciche aumentava la sopravvivenza rispetto alla RCP che prevedeva sia le compressioni toraciche che la respirazione artificiale.

Come eseguire la respirazione artificiale per un adulto?

Passaggio 1: chiama il 911

Se incontri qualcuno che non risponde e non respira, chiama il 911. Se sei in un gruppo, chiedi a un’altra persona di chiamare mentre procedi al passaggio successivo.

Note importanti: In una situazione in cui qualcuno ha il polso ma non respira, è importante essere consapevoli di quanto segue:

  • Qualcuno che non respira o non respira bene può emettere suoni ansimanti occasionali. Questa non è la stessa cosa della respirazione normale.
  • L’arresto respiratorio può talvolta verificarsi prima dell’arresto cardiaco. Se in qualsiasi momento noti che il polso della persona si è fermato, inizia immediatamente la RCP.

Passaggio 2: aprire le vie aeree

Per erogare efficacemente respiri di soccorso, è essenziale che le vie aeree della persona siano aperte e libere. Per aprire le vie aeree di una persona, procedi come segue:

  1. Metti la mano sulla loro fronte.
  2. Inclina delicatamente la testa all’indietro.
  3. Usa le dita dell’altra mano per sollevare delicatamente il mento verso l’alto.

Passaggio 3: eseguire respiri di soccorso

Ora che le vie aeree sono aperte, puoi procedere con la respirazione artificiale. Per farlo:

  1. Usa le dita di una mano per chiudere le narici della persona. Questo aiuta a prevenire la fuoriuscita di aria attraverso il naso.
  2. Copri la loro bocca con la tua, formando un sigillo in modo che l’aria non fuoriesca.
  3. Dare respiri di soccorso respirando delicatamente nella loro bocca. Un respiro di soccorso dovrebbe durare circa 1 secondo. Cerca di dare un respiro di soccorso ogni 5-6 secondi. Si tratta di circa 10-12 respiri al minuto.
  4. Controlla se il torace della persona si alza mentre esegui il primo respiro di soccorso. In caso contrario, ripetere il passaggio 2 (aprire le vie aeree) prima di eseguire ulteriori ventilazioni di soccorso.
  5. Continua a somministrare respiri di soccorso fino all’arrivo dei servizi medici di emergenza (EMS) o fino a quando la persona non inizia a respirare normalmente da sola.

Nota importante: È anche possibile eseguire respiri di soccorso bocca a naso. Questa è un’opzione quando la bocca di una persona è troppo ferita per fornire efficacemente respiri di soccorso usando una tecnica bocca a bocca.

I passaggi sono diversi per un bambino o un neonato?

I passaggi per la respirazione artificiale su un bambino o un neonato sono simili a quelli per gli adulti. Tuttavia, ci sono alcune cose importanti di cui essere consapevoli.

Tecnica

La tecnica utilizzata per i respiri di soccorso può dipendere dalle dimensioni del bambino:

  • Neonati e bambini piccoli. Forma un sigillo attorno a entrambe le bocche e naso quando si eseguono respiri di soccorso. Se è difficile formare un buon sigillo in questo modo, prova invece una tecnica bocca a naso o bocca a bocca.
  • Bambini più grandi. Usa la tecnica della bocca a bocca.

Frequenza dei respiri

Il numero di respiri somministrati al minuto è leggermente superiore per bambini e neonati rispetto agli adulti.

Cerca di dare da 12 a 20 respiri di soccorso al minuto per un bambino o un neonato che non respira. Si tratta di circa 1 respiro di soccorso ogni 3-5 secondi.

risorse

Se desideri essere addestrato alla RCP e alla respirazione artificiale, prendi in considerazione i corsi offerti dalla Croce Rossa americana o dall’American Heart Association.

Anche risorse locali come scuole e vigili del fuoco possono avere lezioni.

La linea di fondo

La respirazione di soccorso è un tipo di primo soccorso che viene utilizzato se qualcuno ha smesso di respirare. Durante la respirazione di soccorso, respiri delicatamente nella bocca di una persona ogni pochi secondi. Questo aiuta a fornire loro ossigeno fino all’arrivo dei soccorsi. La respirazione artificiale non è la stessa della RCP.

La RCP viene eseguita quando una persona non respira e non ha il polso. Si tratta di cicli di compressioni toraciche e respirazione artificiale. Tuttavia, è consigliabile che le persone non addestrate alla RCP eseguano solo compressioni toraciche, senza respirazione artificiale, se qualcuno non ha battito cardiaco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here