Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos’è la chemioterapia adiuvante e quando è necessaria?

Che cos’è la chemioterapia adiuvante e quando è necessaria?

0
5

La chemioterapia è usata per trattare molti tipi di cancro. La chemioterapia adiuvante è quando si ottiene la chemio dopo il trattamento primario, di solito un intervento chirurgico.

In questo articolo, daremo un’occhiata più da vicino alla chemioterapia sia adiuvante che neoadiuvante, quando sono tipicamente utilizzate e perché il tuo medico potrebbe raccomandarne una piuttosto che l’altra.

Cos’è la chemioterapia adiuvante?

La terapia adiuvante è qualsiasi tipo di terapia che segue il trattamento primario. Quindi, la chemioterapia adiuvante si svolge dopo aver subito un trattamento di prima linea, come un intervento chirurgico per rimuovere un tumore canceroso.

L’obiettivo principale della chemioterapia adiuvante è ridurre la possibilità che il cancro ritorni e migliorare l’esito del trattamento di prima linea.

A volte le cellule tumorali possono essere lasciate indietro dopo l’intervento chirurgico. È anche possibile che le cellule tumorali circolino nel flusso sanguigno o nel sistema linfatico.

Le cellule tumorali in viaggio non vengono visualizzate nei test di imaging. Senza trattamento, possono trovare la loro strada verso organi distanti per formare nuovi tumori.

La chemioterapia è un trattamento sistemico. I farmaci chemio attaccano le cellule in rapida divisione, come le cellule tumorali, in tutto il corpo.

È anche importante sapere che i farmaci chemioterapici possono distruggere anche le cellule sane perché la chemioterapia tradizionale non si rivolge specificamente solo alle cellule tumorali.

Ma il trattamento chemioterapico può aiutare a ridurre il rischio che le cellule tumorali si diffondano ad organi distanti. Il tuo medico lavorerà con te per monitorare la tua esperienza di trattamento.

Quando è tipicamente raccomandata la chemioterapia adiuvante?

Il medico può raccomandare la chemioterapia adiuvante se:

  • hai un particolare tipo di cancro o porti determinati biomarcatori noti per rispondere bene ai farmaci chemioterapici
  • sei portatore di mutazioni genetiche specifiche che comportano un alto rischio di recidiva del cancro
  • durante l’intervento chirurgico, sono state trovate cellule tumorali nei tuoi linfonodi
  • il tuo cancro non è positivo per i recettori ormonali, rendendo inefficace la terapia ormonale
  • hai un cancro in stadio avanzato

Le terapie adiuvanti sono spesso utilizzate per trattare i seguenti tumori:

  • Seno
  • polmone
  • colon

Anche così, ci sono fattori individuali che guidano la decisione di utilizzare la chemioterapia adiuvante.

Ad esempio, una revisione della ricerca del 2017 ha rilevato che la chemio adiuvante è una cura standard e benefica per le persone con adenocarcinoma del colon in stadio 3.

Ma non tutte le persone con cancro al colon in stadio 2 ottengono lo stesso beneficio. Nello stadio 2 del cancro del colon, l’uso della chemio adiuvante può dipendere da alcuni biomarcatori.

Tutti questi fattori devono essere considerati quando si decide se la chemio adiuvante può essere utile.

Cos’è la chemioterapia neoadiuvante?

Chemioterapia neoadiuvante significa che la chemio avviene prima del trattamento principale. L’obiettivo è aumentare le probabilità che il trattamento principale, solitamente un intervento chirurgico o una radioterapia, abbia successo.

Come con la chemioterapia adiuvante, ci sono molti fattori coinvolti nella scelta del momento della chemio neoadiuvante.

Il medico potrebbe raccomandare la chemioterapia neoadiuvante nelle seguenti situazioni:

  • Il tumore primario è grande o preme sugli organi vitali, il che può rendere l’intervento chirurgico complicato e rischioso. La chemio potrebbe essere in grado di ridurre prima il tumore, quindi è meno rischioso rimuoverlo.
  • C’è una possibilità che le cellule tumorali si siano staccate dal tumore primario. Eventuali complicazioni dovute alla chirurgia possono ritardare l’inizio della chemio adiuvante. Iniziare con la chemio può prevenire lo sviluppo di tumori negli organi distanti.
  • Fare prima la chemio può aiutare i medici a vedere quanto sia efficace. Questo può essere preso in considerazione in un piano di trattamento a lungo termine.
  • Nel cancro al seno, la riduzione del tumore prima dell’intervento chirurgico può consentire un intervento chirurgico di conservazione del seno su una mastectomia.

Il medico probabilmente utilizzerà test di imaging per monitorare la riduzione del tumore con chemio neoadiuvante. In alcuni casi, potrebbe esserci una risposta patologica completa. Ciò significa che nessun cancro si trova nel tessuto rimosso durante l’intervento chirurgico.

La tua risposta alla terapia neoadiuvante può aiutare a guidare le decisioni sulla terapia adiuvante.

UN Revisione della ricerca del 2015 ha dimostrato che in alcuni tipi di cancro la terapia neoadiuvante è collegata a una sopravvivenza favorevole.

Quali sono gli effetti collaterali della chemioterapia adiuvante o neoadiuvante?

Non importa quando lo prendi, ci sono molti potenziali effetti collaterali della chemioterapia. Questi effetti collaterali possono variare parecchio da un farmaco chemio all’altro.

I farmaci chemio agiscono attaccando le cellule in rapida crescita, come le cellule tumorali. Ma anche alcune cellule sane crescono rapidamente. Queste cellule sane possono essere danneggiate nel processo. Ciò può causare effetti collaterali come:

  • nausea

  • fatica
  • la perdita di capelli
  • lividi e sanguinamento facilmente
  • ulcere alla bocca, secchezza delle fauci

  • infezione
  • anemia
  • perdita di appetito
  • perdita di peso
  • diarrea, costipazione

  • condizioni delle urine e della vescica
  • intorpidimento, formicolio, dolore ai nervi
  • modifiche alla pelle e alle unghie

  • cambiamenti di umore
  • cambiamenti nel desiderio e nella funzione sessuale
  • perdita di concentrazione e messa a fuoco, comunemente indicato come “cervello chemio”

Ognuno reagisce in modo diverso alla chemio. In genere non avrai tutti questi effetti collaterali.

Alcuni farmaci chemio possono causare effetti collaterali a lungo termine come:

  • menopausa precoce
  • danni ai nervi
  • danni al cuore, ai polmoni o ai reni

Il tuo team di oncologia ti fornirà consigli per la cura di te stesso per aiutarti ad affrontare molti di questi effetti collaterali. Possono anche aiutare a prevenirne alcuni, come la nausea, somministrandoti farmaci insieme al trattamento.

Potresti essere tentato di ignorare alcuni effetti collaterali, ma è importante menzionarli. Molti sono curabili. E alcuni potrebbero indicare una condizione grave che deve essere affrontata.

La chemioterapia adiuvante o neoadiuvante è giusta per te?

La chemioterapia è una parte necessaria del tuo piano di trattamento? Dovresti averlo prima o dopo il trattamento primario? Queste sono decisioni che discuterete con il vostro oncologo subito dopo la diagnosi. Ecco alcune domande che potresti porre:

Domande da porre

  • Perché mi consigliate la chemio adiuvante o neoadiuvante? Qual è l’obiettivo?
  • Cosa posso aspettarmi se ho la chemio?
  • Esistono alternative?
  • Quali sono i potenziali effetti collaterali e complicazioni?
  • Di quanti trattamenti avrò bisogno?
  • Dove si svolgeranno i trattamenti e quanto dureranno?
  • La mia assicurazione sanitaria lo coprirà? E se non ho un’assicurazione sanitaria?
  • Come sapremo che sta funzionando?
  • Se non funziona, qual è il passo successivo?
Healthline

Quali altri tipi di terapie adiuvanti possono essere utilizzati con il cancro?

Oltre alla chemioterapia, i trattamenti adiuvanti possono includere:

  • Terapia ormonale è spesso usato per i tumori positivi ai recettori ormonali.
  • Immunoterapia può essere utilizzato per aiutare il sistema immunitario a riconoscere e combattere le cellule tumorali.
  • Radioterapia può aiutare a colpire un particolare tumore o organo.
  • Terapia mirata può essere un’opzione per i tumori che portano mutazioni o anomalie specifiche.

La linea di fondo

La chemioterapia adiuvante è la chemio che si ottiene dopo il trattamento primario, come la chirurgia o le radiazioni. La chemioterapia neoadiuvante è quando si effettua la chemio prima del trattamento primario.

Il fatto che tu riceva la chemio prima o dopo il trattamento di prima linea dipende da molti fattori, tra cui il tipo di cancro, i biomarcatori e le dimensioni e la posizione dei tumori.

L’obiettivo della chemioterapia adiuvante è ridurre il rischio che il cancro si diffonda o si ripresenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here