Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos’è il rilascio miofasciale e funziona?

Che cos’è il rilascio miofasciale e funziona?

0
3

Cos’è il rilascio miofasciale?

Il rilascio miofasciale è un tipo di terapia fisica spesso usato per trattare la sindrome del dolore miofasciale. La sindrome del dolore miofasciale è un disturbo del dolore cronico causato dalla sensibilità e dalla tensione nei tessuti miofasciali. Questi tessuti circondano e supportano i muscoli di tutto il corpo. Il dolore di solito proviene da punti specifici all’interno dei tessuti miofasciali chiamati “punti trigger”.

Il rilascio miofasciale si concentra sulla riduzione del dolore allentando la tensione e la tensione nei punti trigger. Non è sempre facile capire quale punto trigger sia responsabile del dolore. Localizzare il dolore in un punto trigger specifico è molto difficile. Per questo motivo, il rilascio miofasciale viene spesso utilizzato su un’ampia area di muscoli e tessuti piuttosto che in singoli punti.

Come funziona il rilascio miofasciale?

La maggior parte dei trattamenti di rilascio miofasciale si svolge durante una sessione di terapia di massaggio. Alcuni chiropratici e medici tradizionali possono anche offrirlo.

Il tuo terapista massaggia delicatamente la miofascia e rileva le aree rigide o irrigidite. La miofascia normale dovrebbe essere flessibile ed elastica. Il terapista inizierà a massaggiare e allungare le aree che si sentono rigide con una leggera pressione manuale. Il terapista quindi aiuta il tessuto e la guaina di supporto a rilasciare la pressione e la tensione. Il processo viene ripetuto più volte sullo stesso punto trigger e su altri punti trigger finché il terapista non sente che la tensione è completamente rilasciata.

Scopri il programma in 10 fasi dell’American Chronic Pain Association per affrontare il dolore cronico »

Queste aree in cui sta lavorando il massaggiatore potrebbero non essere vicine all’origine del dolore o al punto in cui senti il ​​dolore in modo più evidente. Il rilascio miofasciale agisce sulla rete muscolare più ampia che potrebbe causare il dolore. Cerca di ridurre la tensione in tutto il corpo rilasciando i punti trigger su un’ampia sezione del sistema muscolare.

Chi potrebbe trarre vantaggio dal rilascio miofasciale?

I pazienti con sindrome del dolore miofasciale traggono spesso beneficio da questo tipo di terapia. Le persone che soffrono di mal di testa cronico possono anche trovare sollievo dal rilascio miofasciale. Massaggiare delicatamente i muscoli tesi dentro e intorno al collo e alla testa può ridurre il mal di testa.

Alcune persone con insufficienza venosa, che si verifica quando il sangue si accumula nelle vene profonde della gamba, possono anche essere candidate al rilascio miofasciale. Durante l’insufficienza venosa, la pozza di sangue si allunga e alla fine danneggia le vene delle gambe. Potresti provare una sensazione dolorosa e dolorosa nella gamba colpita. Il rilascio miofasciale potrebbe essere utilizzato in combinazione con altri trattamenti per ridurre il ristagno e il dolore causati dall’insufficienza venosa.

Quali sono i rischi del rilascio miofasciale?

Il rilascio miofasciale dalla massoterapia ha pochissimi rischi. Che tu stia cercando di rilassarti o di alleviare il mal di schiena, la massoterapia può essere utile per la riduzione del dolore.

Tuttavia, il massaggio non è l’ideale per le persone:

  • con ustioni, ferite o ferite dolorose
  • con fratture o ossa rotte
  • con ossa fragili o deboli
  • con trombosi venosa profonda o problemi alle vene profonde
  • prendendo farmaci per fluidificare il sangue

In casi molto rari, la massoterapia può causare:

  • emorragia interna
  • paralisi temporanea o difficoltà a muovere i muscoli
  • reazione allergica a oli, gel o lozioni
  • danni ai nervi

La scienza supporta il rilascio miofasciale?

La maggior parte degli studi esamina il massaggio e la manipolazione chiropratica. Tuttavia, ci sono pochi studi che esaminano specificamente il rilascio miofasciale. Questo perché gli stili di terapia differiscono da professionista a professionista. Ciò significa che è difficile ottenere un ampio supporto medico. I medici possono essere più propensi a raccomandare trattamenti più tradizionali.

Tuttavia, a causa della relativa mancanza di rischio, molti pazienti con dolore alla schiena cronico o anche a breve termine potrebbero essere interessati a provarlo per vedere se la terapia fornisce qualche sollievo. Ciò è particolarmente vero se stai cercando di evitare un intervento chirurgico.

Consulta un massaggiatore e il tuo medico

Parla con il tuo medico o fisioterapista se sei interessato a provare il rilascio miofasciale. Potresti avere un grande successo con questo tipo di trattamento alternativo per il mal di schiena. Tuttavia, è necessario essere consapevoli dei rischi e dei potenziali pericoli come si farebbe con qualsiasi tipo di trattamento medico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here