Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cosa causa il dolore al seno?

Che cosa causa il dolore al seno?

0
6

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cos’è il dolore al seno?

Il seno si sviluppa a causa di un aumento degli estrogeni durante la pubertà. Durante il ciclo mestruale, vari ormoni causano cambiamenti nel tessuto mammario che possono portare a dolore o disagio in alcune donne. Sebbene il seno in genere non faccia male, il dolore al seno occasionale è comune.

Il dolore al seno, chiamato anche mastalgia, è una condizione comune tra le donne. Il dolore è generalmente classificato come ciclico o non ciclico.

Il dolore ciclico significa che il dolore è associato al ciclo mestruale. Il dolore legato al ciclo mestruale tende a diminuire durante o dopo il ciclo.

Il dolore non ciclico può avere molte cause, comprese lesioni al seno. A volte il dolore non ciclico può provenire dai muscoli o dai tessuti circostanti piuttosto che dal seno stesso. Il dolore non ciclico è molto meno comune del dolore ciclico e le sue cause possono essere più difficili da identificare.

La mastalgia può variare di intensità da un dolore acuto a un lieve formicolio. Alcune donne possono avvertire la tenerezza del seno o il loro seno può sentirsi più pieno del solito.

Cause di dolore al seno

Il dolore al seno può essere causato da una varietà di fattori. Due delle cause più comuni sono le fluttuazioni ormonali e il seno fibrocistico (grumoso).

Fluttuazioni ormonali

Il ciclo mestruale di una donna causa fluttuazioni ormonali negli estrogeni e nel progesterone. Questi due ormoni possono far sentire il seno di una donna gonfio, nodoso e talvolta doloroso.

Le donne a volte riferiscono che questo dolore peggiora con l’invecchiamento a causa della maggiore sensibilità agli ormoni man mano che una donna invecchia. A volte, le donne che soffrono di dolore mestruale non avranno il dolore dopo la menopausa.

Se il dolore al seno è dovuto a fluttuazioni ormonali, di solito noterai che il dolore peggiora due o tre giorni prima del ciclo. A volte il dolore continuerà per tutto il ciclo mestruale.

Per determinare se il dolore al seno è collegato al ciclo mestruale, tieni un registro delle mestruazioni e annota quando provi dolore durante il mese. Dopo uno o due cicli, uno schema può diventare chiaro.

I periodi di sviluppo che influenzano il ciclo mestruale di una donna e potenzialmente causano dolore al seno includono:

  • pubertà
  • gravidanza
  • menopausa

Cisti al seno

Quando una donna invecchia, il suo seno subisce cambiamenti noti come involuzione. Questo è quando il tessuto mammario viene sostituito dal grasso. Un effetto collaterale di questo è lo sviluppo di cisti e più tessuto fibroso. Questi sono noti come cambiamenti fibrocistici o tessuto mammario fibrocistico.

Mentre i seni fibrocistici non sempre causano dolore, possono. Questi cambiamenti di solito non sono motivo di preoccupazione.

Il seno fibrocistico può sembrare bitorzoluto e può aumentare la tenerezza. Questo di solito si verifica nella parte superiore ed esterna del seno. I noduli possono anche aumentare di dimensioni durante il ciclo mestruale.

Allattamento al seno e dolore al seno

L’allattamento al seno è un modo naturale e nutriente per nutrire il tuo bambino, ma non è privo di insidie ​​e difficoltà. Puoi provare dolore al seno durante l’allattamento per una serie di motivi. Questi includono:

Mastite

La mastite è un’infezione dei dotti lattiferi. Ciò può causare dolore forte e forte, nonché screpolature, prurito, bruciore o vesciche sui capezzoli. Altri sintomi includono strisce rosse sul seno, febbre e brividi. Il medico li tratterà con antibiotici.

Ingorgo

L’ingorgo si verifica quando il tuo seno diventa troppo pieno. Il tuo seno apparirà ingrossato e la tua pelle sarà tesa e dolorante. Se non puoi nutrire il tuo bambino presto, puoi provare a tirare o spremere manualmente il tuo latte.

Puoi farlo posizionando il pollice sopra il seno e le dita sotto il seno. Ruota lentamente le dita all’indietro contro la parete toracica e in avanti verso i capezzoli per svuotare il seno.

Chiusura impropria

Se il tuo bambino non si attacca adeguatamente al tuo capezzolo, probabilmente proverai dolore al seno. I segni che il tuo bambino potrebbe non attaccarsi correttamente includono capezzoli screpolati e dolore ai capezzoli.

Un consulente per l’allattamento presso l’ospedale in cui hai partorito può in genere aiutarti a stabilire un attacco più sano.

Ricorda: l’allattamento al seno non deve far male. Rivolgiti al tuo medico o chiama uno specialista dell’allattamento se hai difficoltà ad allattare. Puoi anche visitare La Leche League International per trovare un consulente per l’allattamento certificato nella tua zona.

Altre cause

Il dolore al seno può avere altre cause, tra cui:

Dieta

I cibi che una donna mangia possono contribuire al dolore al seno. Le donne che seguono diete malsane, come quelle ad alto contenuto di grassi e carboidrati raffinati, possono anche essere maggiormente a rischio di dolore al seno.

Preoccupazioni extramammarie

A volte il dolore al seno non è dovuto al seno, ma a causa dell’irritazione del petto, delle braccia o dei muscoli della schiena. Questo è comune se ti sei impegnato in attività come rastrellamento, canottaggio, spalare e sci d’acqua.

Dimensioni del seno

Le donne con seni più grandi o seni che non sono proporzionati alla loro corporatura possono provare disagio al collo e alle spalle.

Chirurgia del seno

Se hai subito un intervento chirurgico al seno, il dolore causato dalla formazione di tessuto cicatriziale può persistere dopo che le incisioni sono guarite.

Farmaci

Antidepressivi, terapia ormonale, antibiotici e farmaci per le malattie cardiache possono tutti contribuire al dolore al seno. Anche se non dovresti interrompere l’assunzione di questi farmaci se hai dolore al seno, parla con il tuo medico se sono disponibili opzioni alternative.

Fumo

È noto che il fumo aumenta i livelli di epinefrina nel tessuto mammario. Questo può far male al seno di una donna.

Il dolore al seno è collegato al cancro al seno?

Il dolore al seno non è solitamente collegato al cancro al seno. Avere dolore al seno o seno fibrocistico non significa che sei a maggior rischio di sviluppare il cancro. Tuttavia, il tessuto bitorzoluto può rendere più difficile vedere i tumori su una mammografia.

Se soffri di dolore al seno localizzato in una sola area e che è costante per tutto il mese senza fluttuazioni del livello di dolore, chiama il medico. Esempi di test diagnostici possono includere:

  • Mammografia. I medici utilizzano questo test di imaging per identificare anomalie nel tessuto mammario.
  • Ultrasuoni. Un’ecografia è una scansione che penetra nel tessuto mammario. I medici possono usarlo per identificare i noduli nel tessuto mammario senza esporre una donna alle radiazioni.

  • Risonanza magnetica per immagini (MRI). Una risonanza magnetica viene utilizzata per creare immagini dettagliate del tessuto mammario per identificare lesioni potenzialmente cancerose.

  • Biopsia. Una biopsia è la rimozione del tessuto mammario in modo che un medico possa esaminare il tessuto al microscopio per la presenza di cellule cancerose.

Un medico può utilizzare questi test per determinare se il dolore al seno può essere correlato al cancro.

Cosa può aiutare a ridurre il dolore al seno?

Il trattamento varierà a seconda che il dolore al seno sia ciclico o non ciclico. Prima di curarti, il medico valuterà la tua età, la tua storia clinica e la gravità del tuo dolore.

Il trattamento per il dolore ciclico può includere:

  • indossare un reggiseno di sostegno 24 ore al giorno quando il dolore è peggiore
  • riducendo l’assunzione di sodio
  • prendendo integratori di calcio
  • prendendo contraccettivi orali, che possono aiutare a rendere i suoi livelli ormonali più uniformi
  • prendendo estrogeni bloccanti, come il tamoxifene
  • assumere farmaci per alleviare il dolore, compresi i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene o acetaminofene

Il trattamento per il dolore non ciclico dipenderà dalla causa del dolore al seno. Una volta identificata la causa, il medico prescriverà trattamenti correlati specifici.

Parla sempre con il tuo medico prima di iniziare a prendere integratori per assicurarti che non interferiscano con i medicinali che stai assumendo o con qualsiasi condizione che potresti avere.

Quando vedere il tuo dottore

Se il dolore al seno è improvviso e accompagnato da dolore toracico, formicolio e intorpidimento alle estremità, consultare immediatamente un medico. Questi sintomi possono indicare un attacco di cuore.

Fissa un appuntamento per vedere il tuo medico se il tuo dolore:

  • ti tiene lontano dalle attività quotidiane
  • dura più di due settimane
  • accompagna un nuovo nodulo che sembra diventare più spesso
  • sembra essere concentrato in un’area specifica del seno
  • sembra peggiorare con il tempo

Al tuo appuntamento, puoi aspettarti che il tuo medico ti chieda i tuoi sintomi. Le domande potrebbero includere:

  • Quando è iniziato il tuo dolore al seno?
  • Cosa peggiora il tuo dolore al seno? Qualcosa sembra renderlo migliore?
  • Noti che il dolore peggiora durante il ciclo mestruale?
  • Come valuteresti il ​​dolore? Come si sente il dolore?

Il tuo medico probabilmente eseguirà un esame fisico. Possono anche raccomandare test di imaging, come una mammografia, per visualizzare il tessuto mammario. Ciò potrebbe consentire loro di identificare le cisti nel tessuto mammario.

Se hai il seno cistico, il medico potrebbe eseguire una biopsia con ago. Questa è una procedura in cui un ago sottile viene inserito nella cisti per rimuovere un piccolo campione di tessuto per il test.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here