Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cause e fattori di rischio per l’ADHD

Cause e fattori di rischio per l’ADHD

0
1

Quali fattori contribuiscono all’ADHD?

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo neurocomportamentale. Cioè, l’ADHD influenza il modo in cui il cervello di una persona elabora le informazioni. Di conseguenza influenza il comportamento.

Circa 5 per cento dei bambini negli Stati Uniti ha l’ADHD secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

La causa esatta di questa condizione è sconosciuta. I ricercatori ritengono che la genetica, la nutrizione, i problemi del sistema nervoso centrale durante lo sviluppo e altri fattori giochino un ruolo significativo secondo la Mayo Clinic.

Geni e ADHD

Ci sono prove evidenti che i geni di una persona influenzano l’ADHD. I ricercatori hanno scoperto che l’ADHD viene eseguito in famiglie in studi su gemelli e famiglie. È stato scoperto che colpisce i parenti stretti delle persone con ADHD. Tu e i tuoi fratelli avete maggiori probabilità di avere l’ADHD se tua madre o tuo padre ce l’hanno.

Nessuno è ancora stato in grado di scoprire esattamente quali geni influenzano l’ADHD. Molti studi hanno esaminato se esiste una connessione tra ADHD e il gene DRD4. La ricerca preliminare indica che questo gene influenza i recettori della dopamina nel cervello. Alcune persone con ADHD hanno una variazione di questo gene. Ciò ha portato molti esperti a credere che possa svolgere un ruolo nello sviluppo della condizione. Probabilmente c’è più di un gene responsabile dell’ADHD.

È importante notare che l’ADHD è stato diagnosticato in individui che non hanno una storia familiare della condizione. Anche l’ambiente di una persona e una combinazione di altri fattori possono influenzare lo sviluppo o meno di questo disturbo.

Neurotossine legate all’ADHD

Molti ricercatori ritengono che possa esserci una connessione tra l’ADHD e alcune comuni sostanze chimiche neurotossiche, vale a dire il piombo e alcuni pesticidi. L’esposizione al piombo nei bambini può influire il livello di istruzione raggiunto. È anche potenzialmente associato a disattenzione, iperattività e impulsività.

L’esposizione a pesticidi organofosfati può anche essere collegata all’ADHD. Questi pesticidi sono sostanze chimiche spruzzate su prati e prodotti agricoli. Gli organofosfati hanno potenzialmente effetti negativi sullo sviluppo neurologico dei bambini secondo a Studio 2016.

Nutrizione e sintomi di ADHD

Non ci sono prove concrete che coloranti alimentari e conservanti possano causare iperattività in alcuni bambini secondo la Mayo Clinic. Gli alimenti con coloranti artificiali includono la maggior parte degli snack trasformati e confezionati. Il conservante del benzoato di sodio si trova in torte di frutta, marmellate, bevande analcoliche e condimenti. I ricercatori non hanno determinato se questi ingredienti influenzano l’ADHD.

Fumo e consumo di alcol durante la gravidanza

Forse il legame più forte tra l’ambiente e l’ADHD si verifica prima della nascita di un bambino. L’esposizione prenatale al fumo è associata ai comportamenti dei bambini con ADHD secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie.

I bambini che sono stati esposti ad alcol e droghe mentre erano nel grembo materno hanno maggiori probabilità di avere l’ADHD secondo a Studio del 2012.

Miti comuni: cosa non causa l’ADHD

Ci sono molti miti su ciò che causa l’ADHD. La ricerca non ha trovato prove che l’ADHD sia causato da:

  • consumare quantità eccessive di zucchero
  • guardare la TV
  • giocare ai videogiochi
  • povertà
  • scarsa genitorialità

Questi fattori possono potenzialmente peggiorare i sintomi dell’ADHD. Nessuno di questi fattori ha dimostrato di causare direttamente l’ADHD.

Ulteriori informazioni: 7 segni di ADHD »

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here