Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Cause dell’Alzheimer: è ereditario?

Cause dell’Alzheimer: è ereditario?

0
13

Aumentano i casi di malattia di Alzheimer

L’Alzheimer’s Association afferma che la malattia di Alzheimer è la sesta principale causa di morte negli Stati Uniti e che più di 5 milioni di americani sono affetti da questa condizione. Inoltre, un anziano su tre muore di Alzheimer o di qualche altro tipo di demenza. Questo numero probabilmente aumenterà con l’aumento della popolazione che invecchia.

Gli scienziati hanno studiato l’Alzheimer per decenni, ma ancora non esiste una cura. Scopri di più su come i geni sono correlati allo sviluppo dell’Alzheimer e su altre potenziali cause della condizione.

Cos’è il morbo di Alzheimer?

La malattia di Alzheimer danneggia il tuo cervello, distruggendo gradualmente la memoria e le capacità di pensiero. I ricercatori ritengono che il danno inizi fino a un decennio prima della comparsa dei sintomi. Depositi anomali di proteine ​​formano placche dure e grovigli in tutto il cervello. Questi depositi interferiscono con la normale funzione cerebrale.

Man mano che crescono, le placche possono interrompere la comunicazione tra i neuroni, i messaggeri nel cervello. Alla fine questi neuroni muoiono, danneggiando così tanto il tuo cervello che parti di esso iniziano a ridursi.

Causa n. 1: mutazioni genetiche

La malattia di Alzheimer non è completamente compresa. Gli scienziati ritengono che per la maggior parte delle persone la malattia abbia fattori genetici, di stile di vita e ambientali. Tutti questi fattori possono lavorare insieme per creare le giuste condizioni affinché la malattia attecchisca.

C’è una componente ereditaria dell’Alzheimer. Le persone i cui genitori o fratelli hanno la malattia corrono un rischio leggermente maggiore di sviluppare la condizione. Tuttavia, siamo ancora molto lontani dalla comprensione delle mutazioni genetiche che portano allo sviluppo effettivo della malattia.

Causa n. 2: età

Invecchiando, diventi più vulnerabile ai fattori che possono causare l’Alzheimer. Nel 2010 c’erano 4,7 milioni di persone di età pari o superiore a 65 anni con malattia di Alzheimer. Di questi, 0,7 milioni avevano da 65 a 74 anni, 2,3 milioni da 75 a 84 anni e 1,8 milioni avevano 85 anni o più.

Causa n. 3: genere

L’Alzheimer colpisce più donne che uomini. Gli scienziati teorizzano che ciò sia dovuto al fatto che le donne generalmente vivono più a lungo degli uomini. Di conseguenza, le donne hanno maggiori probabilità di contrarre la malattia nei loro ultimi anni da senior.

UN Studio del 2010 suggerisce che gli ormoni potrebbero avere qualcosa a che fare con questo. Il livello dell’ormone femminile estrogeno diminuisce nel corpo di una donna dopo la menopausa. I ricercatori ritengono che l’ormone protegga il cervello delle giovani donne dai danni. Ma man mano che i livelli precipitano nell’età avanzata, le cellule cerebrali diventano più vulnerabili alla malattia.

Causa n. 4: trauma cranico passato

L’Alzheimer’s Association afferma che gli scienziati hanno trovato un collegamento tra lesioni cerebrali traumatiche e un maggior rischio di demenza. Dopo una lesione traumatica, il tuo cervello crea grandi quantità di beta amiloide. Questa è la stessa proteina che si sviluppa nelle placche dannose che sono un segno distintivo dell’Alzheimer.

C’è una differenza: dopo una lesione cerebrale traumatica, la beta amiloide, sebbene presente, non si accumula nelle placche. Tuttavia, il danno può aumentare il rischio che lo facciano più tardi nella vita.

Causa n. 5: lieve deterioramento cognitivo

Le persone che hanno già un lieve deterioramento cognitivo possono essere maggiormente a rischio di sviluppare l’Alzheimer in piena regola. Un lieve deterioramento cognitivo non ha necessariamente un impatto importante sulla vita quotidiana di una persona. Tuttavia, può avere alcuni effetti sulla memoria, sulle capacità di pensiero, sulla percezione visiva e sulla capacità di prendere decisioni corrette.

Gli scienziati stanno cercando di capire perché alcuni casi di lieve deterioramento cognitivo progrediscono nell’Alzheimer. UN Studio del 2006 mostra che la presenza di alcune proteine ​​nel cervello, come la beta amiloide, aumenta il rischio di malattia.

Causa n. 6: stile di vita e salute del cuore

Il tuo stile di vita potrebbe avere molto a che fare con la tua probabilità di sviluppare l’Alzheimer. La salute del cuore, in particolare, sembra essere strettamente correlata alla salute del cervello. Mangiare una dieta sana, fare esercizio fisico regolarmente, smettere di fumare, controllare il diabete e controllare la pressione sanguigna e il colesterolo fanno bene al cuore. Possono anche mantenere il cervello sano e resistente.

Gli anziani con malattia coronarica o malattia arteriosa periferica hanno un rischio maggiore di demenza e malattia di Alzheimer.

Causa # 7: disturbi del sonno

Alcune ricerche indicano che un sonno di qualità può essere importante per la prevenzione della malattia di Alzheimer. Uno studio del 2013 pubblicato in JAMA Neurology hanno intervistato adulti con un’età media di 76 anni a cui non era stata diagnosticata la malattia. Coloro che hanno avuto un sonno povero o limitato hanno avuto un aumento dell’accumulo di placche beta-amiloidi nel cervello.

Sono necessari ulteriori studi. Gli scienziati non sono ancora sicuri se il sonno povero sia una causa dell’Alzheimer o se le prime fasi della malattia possano influenzare il sonno. Entrambi possono essere veri.

Causa n. 8: mancanza di apprendimento permanente

Quanto usi il cervello nel corso della tua vita può anche influenzare il tuo rischio di Alzheimer. Uno studio del 2012 ha riportato che le persone che stimolavano regolarmente il loro cervello con attività mentali impegnative avevano meno depositi di beta-amiloide. Queste attività sono state importanti per tutta la vita. Ma gli sforzi nella prima e nella mezza età erano associati alla maggiore riduzione del rischio.

Livelli più elevati di istruzione formale, un lavoro stimolante, attività ricreative mentalmente impegnative e frequenti interazioni sociali possono anche proteggere la salute del cervello.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here