Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Catetere associato UTI (CAUTI)

Catetere associato UTI (CAUTI)

0
8

Che cos’è un’infezione del tratto urinario associata a catetere (CAUTI)?

Un’infezione del tratto urinario associata a catetere (CAUTI) è una delle infezioni più comuni che una persona può contrarre in ospedale, secondo l’American Association of Critical-Care Nurses.

I cateteri a permanenza sono la causa di questa infezione. Un catetere a permanenza è un tubo inserito nell’uretra. Drena l’urina dalla vescica in una sacca di raccolta. Potresti aver bisogno di un catetere se hai subito un intervento chirurgico o non puoi controllare la funzione della vescica e c’è la necessità di monitorare attentamente la quantità di urina prodotta dai reni.

Quali sono i sintomi di una CAUTI?

Un CAUTI ha sintomi simili a una tipica infezione del tratto urinario (UTI). Questi includono:

  • urina torbida
  • sangue nelle urine
  • forte odore di urina
  • perdita di urina intorno al catetere
  • pressione, dolore o fastidio nella parte bassa della schiena o nello stomaco
  • brividi
  • febbre
  • stanchezza inspiegabile
  • vomito

Le CAUTI possono essere difficili da diagnosticare se sei già ricoverato in ospedale perché sintomi simili possono essere parte della tua malattia originale. Negli anziani, i cambiamenti nello stato mentale o la confusione possono essere segni di una CAUTI.

Se hai un catetere e noti un fastidio localizzato, informi immediatamente l’infermiere o il medico.

Cosa causa un CAUTI?

Batteri o funghi possono entrare nel tratto urinario attraverso il catetere. Lì possono moltiplicarsi, causando un’infezione.

Esistono diversi modi in cui l’infezione può verificarsi durante il cateterismo. Per esempio:

  • il catetere può essere contaminato al momento dell’inserimento
  • la sacca di drenaggio potrebbe non essere svuotata abbastanza spesso
  • i batteri provenienti da un movimento intestinale possono entrare nel catetere
  • l’urina nella sacca del catetere può fluire all’indietro nella vescica
  • il catetere potrebbe non essere pulito regolarmente

Tecniche di inserimento e rimozione pulite possono aiutare a ridurre il rischio di una CAUTI. È necessaria anche la cura quotidiana del catetere. I cateteri non dovrebbero essere lasciati più a lungo del necessario, poiché un uso prolungato è associato a un rischio più elevato di infezione.

Come viene diagnosticata una CAUTI?

Un CAUTI viene diagnosticato utilizzando un test delle urine. L’analisi delle urine può rilevare le cellule del sangue nelle urine. La loro presenza può segnalare un’infezione.

Un altro test utile è l’urinocoltura. Questo test identifica eventuali batteri o funghi nelle urine. Sapere cosa ha causato l’infezione può aiutare il medico a curarla.

A volte, la tua vescica non sposta l’urina fuori dal tuo corpo abbastanza velocemente. Questo può accadere anche con un catetere. L’urina trattenuta ha maggiori probabilità di sviluppare batteri. Il rischio di infezione aumenta quanto più a lungo l’urina rimane nella vescica. Il medico potrebbe consigliarti un test di imaging della vescica, come un’ecografia, per vedere se stai trattenendo l’urina.

Potenziali complicazioni di un CAUTI

Il trattamento tempestivo di un CAUTI è essenziale. Un UTI non trattato può portare a un’infezione renale più grave. Inoltre, le persone con cateteri potrebbero già avere condizioni che compromettono il loro sistema immunitario. Combattere un CAUTI può causare ulteriore stress al sistema immunitario. Questo ti rende più vulnerabile a future infezioni.

Come viene trattata una CAUTI?

Le CAUTI tendono ad essere più resistenti al trattamento rispetto ad altre IVU. Questo è vero in generale per le infezioni nosocomiali. I CAUTI sono pericolosi perché possono portare a gravi infezioni renali. Ciò rende la diagnosi e il trattamento tempestivi vitali per la tua salute a lungo termine.

Il tuo medico probabilmente prescriverà antibiotici per uccidere i batteri nocivi. Nella maggior parte dei casi, questi saranno antibiotici orali. Le possono essere somministrati antibiotici per via endovenosa in caso di infezione grave. Se l’infezione provoca spasmi alla vescica, il medico può prescrivere un antispasmodico per alleviare il dolore alla vescica.

Aumentare l’assunzione di liquidi può anche aiutarti a sentirti meglio eliminando i batteri dal sistema urinario. Alcuni fluidi dovrebbero essere evitati. Questi includono:

  • alcol
  • succhi di agrumi
  • bevande contenenti caffeina, come le bibite

Come si possono prevenire i CAUTIs?

Le CAUTI sono una delle infezioni ospedaliere più comuni. Pertanto, molte organizzazioni sanitarie pongono grande enfasi sulla prevenzione.

Il medico valuterà attentamente se è necessario un catetere. Rimuoveranno anche un catetere necessario il prima possibile.

Inoltre, tu o il personale dell’ospedale dovete:

  • pulire intorno al catetere ogni giorno
  • pulire la pelle intorno al catetere ogni giorno
  • tieni la sacca di drenaggio sotto la vescica
  • svuotare la sacca di drenaggio più volte al giorno
  • evitare che il tubo del catetere si attorcigli
  • lavarsi le mani prima e dopo aver toccato il catetere o la sacca di drenaggio
  • cambiare il catetere almeno una volta al mese

Anche il lavaggio frequente delle mani e le buone pratiche igieniche da parte del personale ospedaliero possono aiutare a prevenire le CAUTI.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here