Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Caro diario di pompaggio: il mio primo giorno di ritorno al lavoro...

Caro diario di pompaggio: il mio primo giorno di ritorno al lavoro dopo il congedo di maternità è stato più difficile di quanto pensassi

0
51

Facendo quei primi passi in ufficio dopo un congedo di maternità pieno di notti insonni, coccole per bambini e un sacco di trasudamenti e rumori può essere strano. Aggiungi pumping al tuo calendario e diventa ancora più strano. Ecco una mamma che si prende il suo primo giorno fa.

Era la notte prima del mio ritorno al lavoro. Il mio stomaco aveva un nodo contorto di nervi. L'idea di lasciare il mio bambino e comportarmi come un adulto funzionale (e indossare abiti veri ?!) era scoraggiante.

Inoltre, dovevo capire come avrei dovuto adattarmi al mio programma di lavoro, capire il mio nuovo ruolo di mamma lavoratrice e portare a casa abbastanza latte materno per sostenere l'esistenza di mia figlia. È stato terrificante.

Mi sono sdraiato sul letto (pensando che sarei andato a dormire – ah, che cosa è dormire?) E pensieri ansiosi mi hanno attraversato la mente:

  • Vorrei il mio bambino respingere il seno dopo che torno al lavoro? Ricorderebbe anche CHI SONO?
  • Prenderebbe una bottiglia tre o quattro volte al giorno? COSA SE STA FAVORISCE ?!
  • Devo cacciare le persone fuori dalla stanza della nostra madre multiuso tre volte al giorno?
  • Le persone al lavoro rispetteranno abbastanza le mie finestre da 30 minuti in modo da poter continuare ad allattare mia figlia?
  • Pomperò abbastanza latte?
  • Il pompaggio mi farà ingorgare?

L'allattamento al seno è difficile

Il mio congedo di maternità era un ottovolante emotivo di 4 mesi. L'allattamento al seno, di gran lunga, la parte più stimolante. Mi è stato detto che l'allattamento al seno è un'esperienza magica (spunti visivi di me seduto su un giglio che allatta il mio bambino), quindi sono rimasto scioccato dal fatto che le prime settimane mi hanno portato a credere che il mio bambino avesse sette file di denti sotto quel ghigno gommoso.

Fortunatamente, il pianificatore in me era preparato. Ho fissato un appuntamento con un consulente per l'allattamento per venire a casa mia il giorno dopo la nascita di mia figlia. (A proposito, questo può sembrare un lusso, ma alcune assicurazioni coprono il supporto all'allattamento e ci sono organizzazioni che aiutano le madri gratuitamente come La Leche League, quindi guarda cosa offre la tua compagnia assicurativa.)

Con il costante supporto del mio consulente per l'allattamento e il mio ostinato impegno per la causa (nel frattempo credendo davvero che l'alimentazione sia la migliore), io e il mio bambino abbiamo fatto progressi lenti. Alla fine, sono cresciuto per godermi l'allattamento. E sì, è diventato piuttosto magico.

Il pompaggio è un secondo vicino

Se potessi superare le sfide dell'allattamento al seno, potrei fare qualsiasi cosa! Ero pronto (una specie di) per un nuovo capitolo. Era giunto il momento per il mio ritorno al lavoro, in missione per riscoprire la mia identità e riutilizzare il cervello!

Non sapevo, stavo semplicemente trasformando la pagina in un capitolo dedicato al pompaggio al lavoro. E, come l'allattamento al seno, neanche quello era magico.

Ma ho pianificato. Mi sentivo pronto. Ho bloccato il mio calendario online ogni 3 ore con "Please Do Not Book" e speravo che funzionasse. Quanto potrebbe essere difficile? (In retrospettiva: Ah! Non avevo idea di quanto alla fine sarebbe diventato pompaggio stimolante, divertente, doloroso ed emotivamente estenuante sul lavoro.)

Il mio primo giorno

Non piangere, mi dico.

Non piango. Continuo a giocare a faccia in su. Esamino i movimenti per preparare tutto per la giornata.

La mia lista di controllo mentale:

  • Bottiglie per bambino – controllare
  • Reggiseno di pompaggio – controllare
  • Flange: controllare
  • Bollette anatra – controlla
  • Sacchetti con cerniera per conservare le parti della pompa nel frigorifero tra un utilizzo e l'altro
  • Dispositivo di raffreddamento con impacchi di ghiaccio – controllare

Faccio un po 'di respiro profondo. Non sono triste. Io non ho paura. SONO. COSÌ. ANSIOSO. Prendo una nota mentale per parlare con qualcuno della potenziale ansia postpartum.

Dico a mia figlia di 4 mesi che andrò a lavorare. Le dico che prometto di essere a casa entro le 17:00 Le dico perché mi fa sentire meglio. Le dico perché penso che capisca. Le do un bacio enorme. Prendo la mia borsa. Vado al mio primo giorno da mamma lavoratrice. Ho capito.

No non lo so. Sono a 5 minuti da casa mia e mi rendo conto di aver dimenticato la mia pompa. Mi giro. Torna a casa mia per prendere la mia borsa da pompaggio, cercando davvero di non stabilire un contatto visivo con il mio bambino perché potrebbe essere quello che mi fa scoppiare le lacrime, e io mi allontano in punta di piedi. Respiro profondo. io adesso prendi questo.

Perché nessuno mi ha detto quanto sia strano?

Dico i miei saluti ai colleghi, mi sistemo alla mia scrivania, controllo la Nest Cam per la centesima volta per assicurarmi che mia tata metta giù la mia bambina per un pisolino proprio come ho chiesto – e mi rendo conto che è già tempo per il mio primo pompa.

Perché nessuno mi ha detto quanto sia strano? Entro nella stanza di allattamento del mio ufficio che funge anche da sala riunioni e triplica come sala di meditazione, butto fuori due dei miei colleghi maschi che scherzano innocentemente: "Ma dobbiamo anche pompare!" Super divertente, ragazzi.

Chiudo la porta e mi sistemo. Prima di spogliarmi e indossare il mio reggiseno di pompaggio torno alla porta e mi assicuro che sia bloccato. Lo faccio altre tre volte. Per favore, per favore, per favore, nessuno entra per vedermi come la vacca da latte che sento come se fossi diventata.

Inizio a pompare. Mi sento strano essere in uno stato così vulnerabile nel mio posto di lavoro. Mando un messaggio alla mia amica, anche una mamma che allatta, e le chiedo perché non mi ha detto quanto sia strano sedersi in una stanza, praticamente in topless, esprimendo il latte mentre i miei colleghi stanno galivantando proprio fuori dalla porta. Dice che non voleva spaventarmi.

A tre minuti dalla pompa, qualcuno bussa alla porta. "Occupato! La stanza è occupata! ”

La respirazione più profonda alla fine produce solo 3 once dopo 20 minuti. È normale? Ricordo che qualcuno mi ha detto che lo stress potrebbe influenzare negativamente l'approvvigionamento di latte. Mi devo rilassare. Tolgo la pompa, attorcizzo la flangia e verso il latte sui jeans. Non tutte le 3 once di latte, ma abbastanza per avere una macchia enorme sui miei pantaloni. Qualcuno noterà? Mi interessa anche? No, no.

Quello che mi interessa è passare la giornata in questo nuovo ruolo. Sì, è lo stesso lavoro che ho avuto 4 mesi fa. Ma ora che sono un genitore, tutto sembra diverso. È meglio, è molto più difficile, è la mia nuova vita. E penso di poterlo fare.

Suggerimenti per il pompaggio al lavoro

Ti lascio con alcune cose che vorrei che qualcuno mi dicesse (ehi, amico, ho scritto un messaggio mentre ero seduto nudo nella mia stanza di meditazione, ti guardo!). Spero che i miei consigli ti rendano il tuo primo giorno indietro e quelle pompe nella "stanza della lattazione", un po 'più facile:

  1. Porta un bagaglio lavabile riutilizzabile per mettere le tue parti. Tra una pompa e l'altra, mettilo in un frigorifero, quindi dovrai solo lavare tutto una volta alla fine della giornata. (Detto questo, il CDC raccomanda dopo aver lavato le parti ogni pompa, quindi fai quello che ti sembra giusto.)
  2. Concediti una pausa e rilassati in grandi progetti o incontri pesanti. Probabilmente non sarai in grado di pensare chiaramente al lavoro almeno per la prima settimana. La mia mente era così concentrata su come abituarsi a questo nuovo programma, stare lontano dal mio bambino e imparare come non spargere latte sui jeans che era difficile concentrarsi su compiti di lavoro reali.
  3. Indossa abiti facili da pompare. Abiti che ti escono solo sopra la testa significano che devi sederti completamente nudo, il che aumenta l'ansia (ma richiede anche qualche risata).
  4. Se non sei soddisfatto del tuo spazio di pompaggio sul lavoro, parla! È possibile che il tuo spazio possa essere migliorato se qualcuno ti chiede (e in caso contrario, conosci i tuoi diritti). Dopo questa esperienza, ho parlato con la nostra gente delle risorse umane che si occupa di problemi di costruzione. Da allora, hanno collegato le mamme che allattano con una stanza da mamma incredibile.
  5. Porta acqua e snack nella stanza per l'allattamento. Ripeto, porto acqua e spuntini. La sete e la fame durante l'allattamento non è uno scherzo.
  6. Fidati di me, tutto inizierà a sembrare normale. Proprio come diventare mamma richiede del tempo, anche la transizione in una mamma che lavora.

Renata Tanenbaum guida il marketing di prodotto presso Healthline. Ha una bambina di nome Raiya che ha sconvolto il suo mondo quando è nata nel 2018. Renata cerca, e spesso lotta, di trovare un equilibrio attraverso l'agopuntura, l'esercizio fisico, le coccole e il tempo con gli adulti che parlano in frasi intere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here