Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Capire le allergie ai coloranti alimentari

Capire le allergie ai coloranti alimentari

0
5

Allergie ai coloranti alimentari

Hai mai notato che non ti senti bene dopo aver mangiato certi cibi? La tipica dieta americana contiene molti ingredienti che potrebbero non essere d’accordo con tutti, inclusi lattosio, grano, soia e additivi come glutammato monosodico e coloranti alimentari.

Potresti avere un’intolleranza o un’allergia se hai una reazione fisica dopo aver mangiato cibi che contengono questi ingredienti.

L’intolleranza alimentare significa che il tuo corpo non scompone correttamente il cibo o che sei sensibile ad esso. Un’allergia alimentare comporta una reazione del sistema immunitario che può essere grave.

La Food and Drug Administration (FDA) si assicura che tutti gli additivi alimentari, compresi i coloranti, siano sicuri da mangiare. Eppure alcune persone sono più sensibili ai coloranti rispetto ad altre. E anche se le allergie ai coloranti alimentari sono piuttosto rare, possono comunque verificarsi.

Se sospetti di essere allergico a un particolare colorante, ecco come individuare i segni ed evitare i cibi che lo contengono.

Coloranti alimentari che possono causare allergie

Le allergie ai coloranti alimentari sono piuttosto rare. Nel complesso, gli esperti ritengono che solo un piccolo numero di persone sia affetto da coloranti alimentari. Gli additivi alimentari possono essere presenti in natura o prodotti in laboratorio.

Alcuni coloranti in particolare sono stati collegati a reazioni allergiche:

Carminio

Il carminio, noto anche come estratto di cocciniglia o rosso naturale 4, proviene da insetti essiccati. È stato utilizzato negli alimenti dal XVI secolo. Si trova anche nei cosmetici.

È stata osservata una varietà di reazioni tra cui gonfiore del viso, eruzioni cutanee e respiro sibilante. Si sospetta anche che abbia un ruolo nei casi di shock anafilattico in cui una causa non è facilmente identificata.

Puoi trovare il colorante rosso naturale 4 in:

  • hamburger e salsicce
  • bevande
  • caramella
  • yogurt alla frutta

Rosso 40

Il rosso 40, noto anche come rosso allura, è il colorante rosso più comunemente usato in una varietà di prodotti. Il colorante proviene da distillati di petrolio o catrami di carbone. Gli alimenti che non sono rossi a volte possono contenere Red 40, ma la FDA impone che il colorante sia elencato per nome sulle etichette degli alimenti e dei prodotti.

Il Center for Science in the Public Interest ha pubblicato uno studio in cui afferma che Red 40 può causare reazioni allergiche in alcune persone, come orticaria e gonfiore del viso.

Puoi trovare Red 40 in:

  • cereale
  • le bevande
  • cosmetici
  • caramella
  • spuntini di frutta

Giallo 5

Il giallo 5, noto anche come tartrazina, è uno dei tre coloranti alimentari gialli che sono stati associati a reazioni allergiche. Le persone hanno riportato orticaria e gonfiore dopo aver mangiato cibi contenenti Giallo 5.

Studi di molti anni fa suggerivano anche che la tartrazina potesse scatenare attacchi di asma nei bambini, sebbene ricerca recente non ha trovato le stesse prove.

Puoi trovare Yellow 5 in alimenti come:

  • caramella
  • verdure in scatola
  • formaggio
  • bevande
  • gelato
  • ketchup
  • condimenti per insalata
  • hot dog

Giallo 6

Chiamato anche Sunset Yellow, Yellow 6 è il terzo colorante più utilizzato. Rapporti di ipersensibilità umana a Yellow 6 risalgono al 1949. Ci sono stati casi che collegano il colorante a casi di shock anafilattico, crampi allo stomaco, lesioni cutanee e orticaria.

Yellow 6 può essere trovato in:

  • cereali
  • droghe
  • gelatina
  • caramelle
  • salsiccia
  • cosmetici
  • prodotti da forno

Annatto

Un altro colorante giallo, l’annatto, proviene dai semi dell’albero achiote, che si trova nei paesi tropicali. L’annatto conferisce agli alimenti un colore giallo-arancio. Ci sono casi di lievi reazioni cutanee da annatto.

Alcuni studi hanno riportato casi di gravi reazioni anafilattiche in persone sensibili a questo colorante.

Annatto si trova in:

  • cereali
  • formaggi
  • bevande
  • spuntini

Blu 1

Blue 1, chiamato anche Brilliant Blue, è il più comune dei due coloranti blu approvati dalla FDA e uno dei più vecchi coloranti approvati in uso. Alcuni studi hanno collegato il colorante a reazioni di ipersensibilità negli esseri umani.

Blue 1 si trova in:

  • le bevande
  • cereali
  • caramelle
  • droghe
  • cosmetici (escluso il contorno occhi)

Segni che stai avendo una reazione allergica

I sintomi di una reazione colorante alimentare possono essere lievi o gravi. Durante una reazione lieve, potresti notare:

  • risciacquo
  • mal di testa
  • orticaria
  • prurito alla pelle

Una reazione grave può includere:

  • gonfiore del viso o delle labbra
  • senso di oppressione al petto
  • difficoltà a respirare o respiro sibilante
  • vertigini o svenimenti
  • battito cardiaco accelerato
  • bassa pressione sanguigna
  • senso di oppressione alla gola
  • problemi di respirazione

Se sviluppi sintomi gravi, chiama immediatamente il 911. Questa reazione può essere pericolosa per la vita.

Se sai di avere una grave allergia ai coloranti alimentari, dovresti portare sempre con te un autoiniettore di epinefrina. Un autoiniettore è considerato il trattamento di prima linea di una grave reazione allergica alimentare.

Test allergologici

Con la maggior parte delle allergie alimentari, il medico ti farebbe un esame del sangue o un prick test cutaneo per trovare la fonte. Sfortunatamente, non sono disponibili test per diagnosticare un’allergia ai coloranti alimentari. Potrebbe essere necessario individuare l’allergene utilizzando alcuni tentativi ed errori.

Un’opzione è scrivere tutto ciò che mangi in un diario alimentare e annotare quando hai una reazione. Quindi puoi provare a evitare quei cibi per alcune settimane per vedere se i sintomi scompaiono.

Un’altra opzione è fare una sfida alimentare. Durante una sfida alimentare, il medico ti darà una serie di alimenti. Uno o più alimenti conterranno il colorante che sospetti stia causando il tuo problema, ma non saprai quale. Se hai una reazione, saprai di aver trovato il colpevole.

Evitare coloranti alimentari

La chiave per prevenire una reazione allergica è evitare gli alimenti che contengono l’allergene. L’evitamento totale è più facile a dirsi che a farsi, però. I coloranti possono nascondersi negli alimenti dove non ti aspetteresti mai. Possono persino nascondersi in alcuni medicinali e integratori.

Devi diventare un detective delle etichette, leggendo la lista degli ingredienti con molta attenzione con ogni prodotto che acquisti. Se non sei sicuro che un determinato alimento o medicinale contenga il colorante, chiama il produttore per chiedere o semplicemente evitalo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here