Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Caldo e freddo: sicurezza a temperature estreme

Caldo e freddo: sicurezza a temperature estreme

0
2

Panoramica

Se hai intenzione di viaggiare all’aperto, preparati ad affrontare tutti i tipi di tempo. Ciò potrebbe significare giorni estremamente piovosi o estremamente secchi, e dalle ore diurne più calde alle notti più fredde.

Il corpo umano ha una temperatura interna normale compresa tra 97 ° F e 99 ° F, ma in media una temperatura corporea normale è 37 ° C (98,6 ° F). Per mantenere questa temperatura senza l’ausilio di dispositivi di riscaldamento o raffreddamento, l’ambiente circostante deve essere a circa 82 ° F (28 ° C). I vestiti non sono solo per l’aspetto, sono necessari per stare al caldo. Di solito puoi raggrupparti in più strati durante i mesi più freddi e puoi usare ventilatori o condizionatori d’aria nei mesi più caldi per mantenere una temperatura interna sana.

In alcuni casi, potresti trovarti in un ambiente con temperature estreme. È fondamentale sapere quali problemi di salute potresti dover affrontare e come evitare problemi di salute legati alla temperatura.

Temperature di calore estreme

Innanzitutto, nota che la lettura della temperatura su un termometro non è necessariamente la temperatura di cui dovresti essere preoccupato. L’umidità relativa nel tuo ambiente può influenzare la temperatura effettivamente percepita, chiamata “temperatura apparente”. Alcuni scenari di esempio includono:

  • Se la temperatura dell’aria legge 85 ° F (29 ° C), ma non c’è umidità, la temperatura sembrerà effettivamente essere 78 ° F (26 ° C).
  • Se la temperatura dell’aria indica 85 ° F (29 ° C), con l’80% di umidità, sarà effettivamente pari a 97 ° F (36 ° C).

Temperature ambientali elevate possono essere pericolose per il tuo corpo. Nella gamma di 90 ° e 105 ° F (32 ° e 40 ° C), puoi provare crampi da calore e stanchezza. Tra 105 ° e 130 ° F (40 ° e 54 ° C), l’esaurimento da calore è più probabile. Dovresti limitare le tue attività a questo intervallo. Una temperatura ambientale superiore a 130 ° F (54 ° C) spesso porta a colpi di calore.

Altre malattie legate al calore includono:

  • esaurimento da calore
  • colpo di calore
  • crampi muscolari
  • gonfiore da calore
  • svenimento

Sintomi

I sintomi delle malattie legate al caldo dipendono dal tipo e dalla gravità della malattia.

Alcuni sintomi comuni di esaurimento da calore includono:

  • sudando pesantemente
  • esaurimento o affaticamento
  • vertigini o stordimento
  • svenimento o sensazione di vertigini quando si alza in piedi
  • polso debole ma veloce
  • sensazioni di nausea
  • vomito

I sintomi del colpo di calore includono:

  • pelle rossastra che si sente calda al tatto
  • polso forte e veloce
  • perdere conoscenza
  • temperatura corporea interna superiore a 103 ° F (39 ° C)

Trattamento

Se qualcuno perde conoscenza e mostra uno o più sintomi di esaurimento da calore o colpo di calore, chiama immediatamente i servizi di emergenza.

Per trattare l’esaurimento da calore, cerca di mantenerti fresco con panni freddi e umidi intorno al corpo e bevi lentamente piccoli sorsi d’acqua finché i sintomi non iniziano a svanire. Cerca di uscire dal caldo. Trova un posto con aria condizionata o una temperatura più bassa (soprattutto lontano dalla luce solare diretta). Riposa su un divano o un letto.

Per curare il colpo di calore, copriti con panni freddi e umidi o fai un bagno freddo per normalizzare la temperatura corporea. Allontanati immediatamente dal fuoco in un luogo con una temperatura più bassa. Non bere nulla finché tu (o la persona che ha subito il colpo di calore) non ricevi cure mediche.

Prevenzione

Rimani ben idratato per evitare al meglio le malattie legate al caldo. Bevi abbastanza liquidi in modo che la tua urina sia di colore chiaro o trasparente. Non fare affidamento esclusivamente sulla sete come guida per quanto liquido dovresti bere. Quando perdi molti liquidi o sudi copiosamente, assicurati di sostituire anche gli elettroliti.

Indossare indumenti adeguati al proprio ambiente. I vestiti troppo spessi o troppo caldi possono farti surriscaldare rapidamente. Se senti che stai diventando troppo caldo, allenta i vestiti o toglili in eccesso finché non ti senti abbastanza fresco. Indossa la protezione solare quando possibile per evitare scottature, il che rende più difficile per il tuo corpo liberarsi del calore in eccesso.

Cerca di evitare luoghi che possono diventare estremamente caldi, come l’interno delle auto. Non lasciare mai un’altra persona, bambino o animale domestico, nemmeno per brevi periodi di tempo.

Fattori di rischio

I fattori di rischio comuni che possono farti essere più suscettibile alle malattie legate al calore includono:

  • avere meno di 4 anni o più di 65 anni
  • esposizione a bruschi cambiamenti climatici da freddo a caldo
  • essere in sovrappeso o obesi
  • prendendo farmaci come diuretici e antistaminici
  • uso di droghe illecite come la cocaina
  • esposizione a un indice di calore elevato (misurazione sia del calore che dell’umidità)

Temperature estremamente fredde

Come per le alte temperature, non fare affidamento esclusivamente sulla lettura del termometro dell’aria ambientale per misurare le temperature fredde. La velocità del vento e l’umidità del corpo esterno possono causare un brivido che cambia drasticamente la velocità di raffreddamento del tuo corpo e il modo in cui ti senti. In condizioni climatiche estremamente fredde, specialmente con un elevato fattore di raffreddamento del vento, è possibile sperimentare rapidamente l’inizio dell’ipotermia. Cadere in acqua fredda può anche provocare ipotermia da immersione.

Alcune malattie legate al raffreddore includono:

  • ipotermia
  • congelamento
  • piede da trincea (o “piede da immersione”)
  • geloni
  • Il fenomeno di Raynaud
  • orticaria indotta dal freddo

Oltre a queste malattie, il clima invernale può causare gravi disagi ai viaggiatori. Preparati sempre ad affrontare forti nevicate e freddo estremo, sia che tu sia in viaggio che a casa.

Sintomi

Quando il tuo corpo scende per la prima volta al di sotto di 98,6 ° F (37 ° C), potresti riscontrare:

  • tremante
  • un aumento della frequenza cardiaca
  • una leggera diminuzione della coordinazione
  • una maggiore voglia di urinare

Quando la temperatura corporea è compresa tra 33 ° C e 30 ° C (91,4 ° F e 85,2 ° F),:

  • diminuire o smettere di tremare
  • cadere in uno stato di torpore
  • sonnolenza
  • essere incapace di camminare
  • sperimentare rapide alternanze tra battito cardiaco accelerato e respirare troppo lentamente
  • fiato corto

Tra 85,2˚ e 71,6˚F (30˚C e 22˚C), sperimenterai:

  • respiro minimo
  • scarso o nessun riflesso
  • incapacità di muoversi o rispondere agli stimoli
  • bassa pressione sanguigna
  • forse coma

Una temperatura corporea inferiore a 71,6 ° F (22 ° C) può causare l’irrigidimento dei muscoli, la pressione sanguigna estremamente bassa o addirittura assente, la frequenza cardiaca e respiratoria in diminuzione e alla fine può portare alla morte.

Trattamento

Se qualcuno sviene, mostra più sintomi elencati sopra e ha una temperatura corporea di 35 ° C (95 ° F) o inferiore, chiama immediatamente i servizi di emergenza. Eseguire la RCP se la persona non respira o non ha il polso.

Per trattare l’ipotermia, allontanarsi dal freddo il prima possibile e in un ambiente più caldo. Rimuovere eventuali indumenti umidi o bagnati e iniziare a riscaldare le zone centrali del corpo, inclusi testa, collo e petto, con una piastra elettrica o contro la pelle di qualcuno con una temperatura corporea normale. Bevi qualcosa di caldo per aumentare gradualmente la temperatura corporea, ma non assumere alcolici.

Anche quando inizi a sentire di nuovo caldo, resta asciutto e avvolto in una coperta calda. Rivolgiti subito al medico per ridurre al minimo i danni al tuo corpo.

Per trattare il congelamento, immergi l’area interessata in acqua calda non più calda di 105 ° F (40 ° C) e avvolgila in una garza. Tenere le dita dei piedi o delle dita colpite da congelamento separate l’una dall’altra per evitare di sfregare le aree l’una contro l’altra. Non strofinare, usare o camminare sulla pelle congelata, poiché ciò può causare danni ai tessuti. Rivolgiti al medico se ancora non riesci a sentire nulla sulla pelle congelata dopo 30 minuti.

Prevenzione

È essenziale proteggere chiunque abbia i primi sintomi di ipotermia. Se possibile, rimuovili immediatamente dal freddo. Non cercare di riscaldare una persona che soffre di grave ipotermia con un intenso esercizio fisico o sfregamenti, poiché ciò può causare ulteriori problemi.

Per prevenire malattie legate al raffreddore, prendi una o più di queste misure quando la temperatura inizia a scendere:

  • mangiare regolarmente pasti sostanziosi e bere molta acqua
  • evitare bevande con alcol o caffeina
  • rimanere all’interno vicino a una fonte di calore
  • indossa un cappello, un berretto o qualcosa di simile sulla testa per trattenere il calore e guanti o muffole sulle mani
  • indossare più strati di vestiti
  • utilizzare lozione e balsamo per le labbra per prevenire la secchezza della pelle e delle labbra
  • portare vestiti extra con cui cambiarsi in caso di umidità o bagnato
  • indossare occhiali da sole quando nevica o è molto luminoso fuori per evitare la cecità da neve

Fattori di rischio

I fattori di rischio comuni per ipotermia e congelamento includono:

  • avere meno di 4 anni o più di 65 anni
  • consumo di alcol, caffeina o tabacco
  • essere disidratato
  • esponendo la pelle a temperature estremamente fredde, soprattutto durante l’attività fisica e la sudorazione
  • diventare umido o bagnato a basse temperature

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here