Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB)

Bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB)

0
4

Cosa sono i bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB)?

I bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB) sono tipicamente usati per trattare la pressione alta, insufficienza cardiaca e malattia renale cronica (CKD). Possono anche essere prescritti dopo un attacco di cuore. Il medico può suggerire un trattamento con ARB invece di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE), un altro gruppo di farmaci per l’ipertensione.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), influisce sulla pressione alta uno su tre americani adulti. Solo il 54 per cento delle persone con la condizione lo ha sotto controllo. Se la tua pressione sanguigna è sempre alta, può danneggiare il tuo cuore e portare ad altri problemi di salute. Gli ARB possono aiutarti a controllare la pressione sanguigna.

Come funzionano

I vasi sanguigni forniscono sangue e ossigeno al cuore. Questa fornitura costante aiuta la funzione cardiaca. L’angiotensina II è un ormone prodotto dal nostro corpo e rassoda i muscoli dei nostri vasi sanguigni. L’angiotensina II contribuisce anche alla ritenzione di acqua e sale nel nostro corpo. L’aumento del sale nel corpo e l’irrigidimento dei vasi sanguigni possono far aumentare la nostra pressione sanguigna. La pressione alta danneggia i vasi sanguigni.

Sia gli ARB che gli ACE inibitori agiscono sull’angiotensina II. Ma mentre gli ACE inibitori limitano la formazione di angiotensina II, gli ARB bloccano alcuni recettori dell’angiotensina II. Questi recettori, noti come recettori AT1, si trovano nel cuore, nei vasi sanguigni e nei reni.

Quando i vasi sanguigni si stringono, si restringono. Questo mette il sangue sotto maggiore pressione poiché è costretto a muoversi attraverso uno spazio più piccolo del normale. Quando gli ARB bloccano l’angiotensina II, questo riduce il restringimento dei vasi sanguigni. La pressione sanguigna viene quindi abbassata.

ARB comuni

I farmaci con nomi che terminano con “sartan” sono ARB. Quelli comuni includono:

  • azilsartan (Edarbi)
  • candesartan (Atacand)

  • eprosartan mesilato (Teveten)
  • olmesartan (Benicar)
  • irbesarten (Avapro)

  • losartan potassio (Cozaar)

  • telmisartan (Micardis)

  • valsartan (Diovan)

Potresti trovare ARB combinati con un altro farmaco come l’idroclortiazide. Questo è un farmaco diuretico che ti fa urinare più spesso. Aiuta anche ad abbassare la pressione sanguigna. Esempi di questi farmaci combinati includono l’idroclorotiazide-valsartan (Diovan HCT) e l’idroclorotiazide-losartan (Hyzaar).

Tutti gli ARB possono essere usati per trattare l’ipertensione. Tuttavia, secondo l’American Journal of Cardiovascular Drugs, possono essere raccomandati ARB specifici per altre condizioni mediche. Ad esempio, il valsartan è consigliato per l’insufficienza cardiaca e in seguito a un infarto. Il losartan può essere più adatto per l’insufficienza cardiaca, il danno renale correlato al diabete e la prevenzione dell’ictus.

Chi ne ha bisogno

Potrebbero esserti prescritti ARB se hai:

  • un infarto
  • malattie renali
  • malattia coronarica (CAD)
  • obesità addominale, o accumulo di cellule adipose, insieme ad ipertensione

  • pressione alta che non risponde bene agli ACE inibitori
  • spiacevoli effetti collaterali degli ACE-inibitori

La maggior parte delle persone assume gli ARB una volta al giorno al mattino. Tuttavia, il medico potrebbe prescriverle anche una dose due volte al giorno. Gli ARB non devono essere presi al mattino.

Alcune persone possono provare una tosse cronica quando assumono ACE inibitori, ma gli ARB di solito non hanno questo effetto collaterale. Questo è uno dei motivi per cui gli ARB vengono spesso utilizzati al posto degli ACE inibitori.

Vantaggi degli ARB

Gli ARB possono ridurre il rischio di infarto, ictus o morte a causa di un evento cardiaco.

Se hai una malattia renale, gli ARB possono essere uno dei trattamenti più efficaci per l’ipertensione. Alcuni studi sugli animali e sull’uomo hanno anche dimostrato che gli ARB possono aiutare a proteggere dal declino cognitivo.

La maggior parte dei medici ti chiederà di provare prima un ACE inibitore. Se non è adatto a te, potrebbero consigliarti un ARB. Il medico probabilmente prescriverà un ACE inibitore o un ARB, ma non entrambi allo stesso tempo.

Effetti collaterali e rischi

Gli effetti collaterali degli ARB includono:

  • mal di testa
  • svenimento
  • vertigini
  • fatica
  • sintomi respiratori
  • vomito e diarrea

  • mal di schiena
  • gonfiore alle gambe
  • alti livelli di potassio

In rari casi, alcune persone che assumono un ARB potrebbero avere:

  • reazioni allergiche
  • insufficienza epatica
  • insufficienza renale
  • angioedema o gonfiore dei tessuti

  • conta inferiore dei globuli bianchi (WBC)
  • battito cardiaco irregolare causato da alti livelli di potassio nel sangue

Alcuni farmaci potrebbero non funzionare bene con gli ARB. L’assunzione di ARB e ACE-inibitori insieme dovrebbe essere evitata poiché ciò può aumentare il rischio di bassa pressione sanguigna, danni ai reni e alti livelli di potassio. Gli antidolorifici come l’ibruprofene (Advil) e il naprossene (Aleve, Naprosyn) possono anche interagire con gli ARB per influenzare i livelli di potassio. Ulteriori informazioni sulle interazioni farmacologiche.

Gli ARB non sono raccomandati per coloro che sono incinte o stanno pianificando una gravidanza. Ci sono anche alcune prove che gli ARB dovrebbero essere usati con cautela negli anziani. Parla con il tuo medico se gli effetti collaterali sono particolarmente fastidiosi o se non sei sicuro che il farmaco ti stia aiutando.

Relazione con il cancro e altre condizioni

Nel luglio 2010, una meta-analisi di diversi studi clinici ha mostrato un aumento del rischio di cancro nelle persone che assumevano ARB. Nel giugno 2011, ulteriore ricerca dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense non ha indicato alcun aumento del rischio di sviluppare il cancro durante l’assunzione di un ARB. Il rapporto precedente includeva i dati di cinque studi clinici, mentre l’analisi della FDA includeva più di 30 studi.

Più recentemente, studi pubblicati nel 2014 e 2016 suggeriscono anche che non c’è un aumento del rischio di cancro nelle persone che assumono ARB. UN studio pubblicato nel 2017 ha indicato che gli ARB possono effettivamente essere utili per le persone con cancro alla prostata. In questo momento, la FDA afferma che il trattamento con un farmaco ARB non aumenta il rischio di cancro.

Ci sono alcune prove che le persone che assumono ACE-inibitori sono meno inclini a infarto del miocardio (MI) e eventi cardiaci e cardiovascolari fatali rispetto alle persone che assumono ARB. Tuttavia, un rapporto di una meta-analisi del 2013 ha mostrato che gli ARB sono una buona opzione per ridurre il rischio di decessi cardiovascolari, IM e ictus nelle persone senza insufficienza cardiaca. Valsartan e telmisartan si sono dimostrati efficaci nel ridurre il rischio di infarto miocardico fatale e di eventi cardiovascolari.

Il cibo da asporto

Tieni presente che il tuo corpo può rispondere in modo diverso rispetto ad altre persone a qualsiasi farmaco. In caso di effetti collaterali dei farmaci, informi immediatamente il medico. Parla con loro, valuta le tue opzioni e poi decidi il miglior piano di trattamento per te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here