Biopsia cerebrale

0
5

Cos’è una biopsia cerebrale?

Una biopsia cerebrale viene utilizzata per diagnosticare la malattia. Nella procedura, un tumore o un pezzo di tessuto viene rimosso dal cervello per essere esaminato al microscopio. I tipi di biopsie cerebrali includono:

  • biopsia con ago
  • biopsia stereotassica
  • biopsia aperta

In una biopsia con ago, viene praticato un piccolo foro nel cranio e un ago stretto e cavo viene inserito nell’incisione per estrarre una minuscola porzione del tumore o del tessuto.

Una biopsia stereotassica utilizza la tecnologia di imaging 3-D, nonché i dati delle scansioni TC e MRI, per esaminare un tumore o un pezzo del cervello. La biopsia stereotassica è una procedura minimamente invasiva.

Le biopsie aperte sono la forma più comune di biopsia cerebrale e la più invasiva. Durante la procedura, il chirurgo rimuoverà un pezzo di osso dal cranio mentre sei sotto anestesia generale. Ciò consente di esporre e rimuovere il tumore. Questo è più rischioso di altri metodi di biopsia cerebrale e il tempo di recupero è più lungo.

Cosa fa una biopsia cerebrale?

Una biopsia cerebrale può aiutare i medici a diagnosticare le malattie del cervello, consentendo loro di elaborare piani di trattamento. I medici di solito ordinano biopsie cerebrali per determinare se un tumore è canceroso o benigno. Può anche essere ordinato per confermare la diagnosi della malattia di Creutzfeldt-Jakob, una malattia correlata alla demenza. Le malattie e le infezioni infiammatorie possono anche essere identificate attraverso la biopsia cerebrale.

Una biopsia cerebrale è considerata l’ultima risorsa per diagnosticare una malattia e viene eseguita dopo che le tecniche di imaging si sono rivelate inconcludenti. Nel caso della demenza, il ruolo della biopsia cerebrale viene talvolta utilizzato per la diagnosi, ma la pratica rimane ancora incerta. La ricerca mostra che la procedura può diventare più utile per diagnosticare la demenza man mano che vengono scoperte nuove terapie. Ma per ora, malattie come l’Alzheimer vengono solitamente diagnosticate clinicamente e attraverso test di imaging.

Quali sono i rischi di una biopsia cerebrale?

La chirurgia cerebrale è sempre rischiosa, ma le biopsie con ago e stereotassia sono meno invasive delle biopsie aperte. Hanno anche meno complicazioni.

Andare sotto anestesia pone sempre dei rischi per gli anziani e le persone con demenza. Tutti i tipi di biopsie cerebrali possono provocare gonfiore o sanguinamento nel cervello. Possono anche portare a:

  • infezione
  • crisi
  • ictus
  • coma

A volte, i test sul tessuto campionato non sono conclusivi e la procedura deve essere ripetuta. I rischi sono stati ridotti con la tecnologia moderna come le apparecchiature stereotassiche.

Come ti prepari per una biopsia cerebrale?

Prima dell’intervento è possibile ordinare un lavoro di laboratorio e una TAC o una risonanza magnetica. Il medico potrebbe chiederti di interrompere l’uso di anticoagulanti e aspirina. Potrebbe essere necessario lavarsi i capelli con uno shampoo speciale la sera prima dell’intervento.

Come viene somministrata una biopsia cerebrale?

Le biopsie cerebrali vengono eseguite nelle sale operatorie degli ospedali. Il tuo chirurgo può posizionarti un anello per la testa, che viene tenuto in posizione con degli spilli. In alcuni casi, una TAC o una risonanza magnetica viene eseguita insieme alla biopsia, spesso con l’anello della testa in posizione. In altri casi, la TAC o la risonanza magnetica viene eseguita prima della biopsia ei risultati vengono caricati nell’apparecchiatura chirurgica. Ciò elimina la necessità di un anello per la testa.

Nelle biopsie con ago o stereotassiche viene praticata una piccola incisione, lunga pochi millimetri. Dopo aver praticato un minuscolo foro nel cranio, un piccolo ago viene inserito nel cervello e si ottiene la biopsia. Se la biopsia è controllata a distanza, il medico può navigare l’ago durante l’intervento guardando un monitor.

Dopo l’intervento chirurgico, l’incisione viene pinzata o suturata. In caso di biopsie aperte, il lembo osseo viene sostituito con placche o fili. In caso di gonfiore o infezione, il lembo non verrà sostituito. Questa è chiamata craniectomia.

Qual è la prospettiva dopo una biopsia cerebrale?

Il medico esaminerà con te i risultati della biopsia e, se necessario, elaborerà un piano di trattamento. In alcuni casi, in particolare con le biopsie stereotassiche e con ago, potresti tornare a casa lo stesso giorno. Sebbene di solito sia richiesta una degenza ospedaliera di un giorno. La degenza ospedaliera può essere più lunga a seconda della tua salute e se sorgono complicazioni durante l’intervento chirurgico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here