Avvertimento! Aggiorna il tuo Android o porta un mattone nel palmo della mano

0
9
Avvertimento!  Aggiorna il tuo Android o porta un mattone nel palmo della mano
Avvertimento! Aggiorna il tuo Android o porta un mattone nel palmo della mano

Sembra che il colosso della tecnologia Google non solo voglia porre fine alla frammentazione di Android ma anche all’interno delle sue applicazioni. Dall’azienda sono state stabilite una nuova serie di regole che costringeranno gli sviluppatori ad aggiornare e ottimizzare le proprie applicazioni per l’ultima versione del sistema operativo, ovviamente Android.

Avvertimento! Aggiorna il tuo Android o porta un mattone nel palmo della mano

Il colosso della tecnologia Google vuole porre fine alla frammentazione di Android, e non solo, vuole fare lo stesso anche per le sue applicazioni. Dall’azienda sono state stabilite una nuova serie di regole che costringeranno gli sviluppatori ad aggiornare e ottimizzare le proprie applicazioni per l’ultima versione del sistema operativo, ovviamente Android.

“Miglioramento della sicurezza e delle prestazioni di Google Play”

Questi sono i due obiettivi del colosso tecnologico Google nell’attuare queste nuove misure, secondo il titolo della sua nota ufficiale. Nello specifico verranno applicate tre novità normative volte a rafforzare queste due aree. Il primo è che entro la seconda metà del 2019, il Play Store richiederà nuove app e i relativi aggiornamenti per utilizzare una recente API Android. Nel caso del primo sarà da agosto 2019, e nel caso del secondo da novembre 2019.

Ciò significa che le app dovrebbero essere ottimizzate per l’ultima versione del sistema operativo mobile del gigante tecnologico Google, ovviamente Android, che attualmente è Oreo. In questo modo, le app che hanno evitato di aggiornare la propria API per evitare di doversi adeguare a nuovi parametri prestazionali saranno costrette a farlo. Il gigante della tecnologia Google inizierà semplicemente prendendo di mira Android 8.1 Oreo, ma ogni anno che passa ti costringerà a passare alla versione successiva.

La seconda misura è che a partire da agosto 2019, Google Play forzerà le app ad avere librerie native a 64 bit accanto a quelle a 32 bit. Ciò richiederà prestazioni e ottimizzazione migliori sui dispositivi a 64 bit.

La terza e ultima misura è che l’app store del gigante tecnologico Google, ovviamente, sto parlando del Play Store inizierà ad aggiungere metadati di sicurezza all’Apk per verificarne la sicurezza dall’inizio del 2019. Questa misura cerca di evitare app false che si spacciano per altri ed evitano fallimenti di sicurezza. Sarà fatto dalla parte del gigante tecnologico Google e gli sviluppatori non dovrebbero fare nulla.

Rompere la frammentazione di Android

La frammentazione del sistema operativo mobile del gigante della tecnologia Google, Android, non esiste solo a livello di versioni di sistema. Misure come Project Treble aiutano a porvi fine, ma è anche necessario che gli sviluppatori di applicazioni agiscano.

Le misure del gigante tecnologico Google per il Play Store vanno in quella direzione. Grazie a loro, come applicazioni come Facebook o Snapchat, dovrebbero iniziare ad applicare soluzioni di risparmio energetico e ottimizzazione che avevano evitato di implementare prendendo di mira API di versioni precedenti di Android.

Particolarmente degna di nota è la misura per ottenere una maggiore sicurezza nel Play Store. Oltre all’implementazione di Google Play Protect, è un altro muro per evitare contraffazioni e falle di sicurezza nello store ufficiale, cosa che sarà molto utile per l’utente medio che non presta molta attenzione a ciò che installa.

Allora, cosa ne pensi di questo? Condividi semplicemente le tue opinioni e pensieri nella sezione commenti qui sotto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here